Domenica 20 Giugno 2021 | 18:13

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi

 
BariLa polemica
Bari, una parrocchia prigioniera della movida senza regole

Bari, una parrocchia prigioniera della movida senza regole

 
Leccei soccorsi
Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

Migranti sbarcati a Porto Selvaggio tra lo stupore dei bagnanti

 
Materatradizioni e pandemia
Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

Matera, il carro della «Bruna» resta ai box

 
Potenzabasilicata
Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

Vulture, campi senz’acqua: un crac da tre milioni di euro

 
BrindisiIl personaggio
Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

Pippo Inzaghi si gode le gioie della Puglia

 
FoggiaL'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

Ex Ilva, dopo blackout fumi e fiamme nello stabilimento, i Verdi: «Bisogna avvisare i tarantini»

 

i più letti

Una perdita difficile da accettare

Addio Antonio Di Gregorio, medico umile e sensibile

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Addio Antonio Di Gregorio, medico umile e sensibile

“Se non fosse per il dolore di lasciare la mia famiglia, potrei anche morire sereno”. La citazione mutuata da Paolo Borsellino è un testamento di grande umanità che solo gli uomini benevoli, magnanimi e puri di cuore possono scrivere, coloro i quali si preoccupano più del vuoto che lasceranno negli altri che di ciò che accadrà a loro. Antonio Di Gregorio nella sua breve vita, 1963 – 2020, ha seminato mitezza e dolcezza. La professione di medico è un’ulteriore manifestazione di amore per il prossimo che Antonio dispensava a mani larghe. Nella sua tesi di laurea in medicina generale si era soffermato sul rapporto tra medico e paziente, argomento che dà la cifra della persona che era. Consapevole della sua situazione nel momento in cui non stava bene, aveva a cuore di ristabilirsi per tornare a prendersi cura dei suoi pazienti. “Devo curare gli altri” ripeteva. E le sue premure spaziavano dalla madre Saveria verso la quale non mancava di elargire consigli per una corretta alimentazione agli amici che non se ne fanno una ragione. Sui social non si contano i messaggi a lui rivolti, in cui viene descritto come “un’anima rara, umile, dolce”. “Chi ha avuto la fortuna di conoscerti non dimenticherà mai i tuoi modi garbati”, si legge ancora. I suoi affetti più stretti, la madre Saveria, il fratello Francesco, la cognata Sabrina, i suoi nipoti e tantissimi amici e colleghi piangono un uomo d’altri tempi per la sua spiccata sensibilità, per la sua vita intesa come elogio della lentezza, dove lentezza è pregio di pochi. È non affaccendarsi in una voragine di azioni, ma affrontare tutto un passo dopo l’altro con lucidità e raziocinio. L’unica virtù della morte è di operare una selezione naturale: viene ricordato solo chi lo merita. Antonio è tra queste anime belle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie