Lunedì 13 Luglio 2020 | 09:30

NEWS DALLA SEZIONE

Un modello di sviluppo territoriale
Progresso turistico per comunità più floride

Progresso turistico per comunità più floride

 
TECNONIDI: incontro virtuale il 2 luglio alle 17
Innovazione e coesione: un binomio vincente

Innovazione e coesione: un binomio vincente

 
Quando è il teatro ad infondere nuove speranze
Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

Sebastiano Somma e la “prima” al Teatro di Tor Bella Monaca

 
Declamava la Divina Commedia in siciliano
il professore Pino Leuci

Pino Leuci: umiltà e scienza al servizio della comunità

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, bomber Antenucci: «In testa solo obiettivo promozione»

Bari, bomber Antenucci: «In testa solo obiettivo promozione»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Materanel materano
Marconia, 91enne ucciso a coltellate in casa: arrestato parente dopo 7 mesi

Marconia, 91enne ucciso a coltellate in casa: arrestato parente dopo 7 mesi

 
Potenzanel Potentino
Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti

Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti

 
Foggiatragedia sfiorata
Foggia, carambola tra auto sulla SS 16, cinque feriti

Foggia, carambola tra auto sulla SS 16, cinque feriti

 
Brindisil'arresto
Francavilla Fontana, alla veneranda età di 87enne evade dai domiciliari e finisce ai...domiciliari

Francavilla Fontana, alla veneranda età di 87enne evade dai domiciliari e finisce ai...domiciliari

 
Tarantosbarchi
MIgranti, in 100 arrivano all'hotspot di Taranto: arrestato tunisino irregolare sul territorio

Migranti, in 100 arrivano all'hotspot di Taranto: arrestato tunisino irregolare

 
Lecceil caso in salento
Otranto, «È un lupo oppure un cane inselvatichico?. Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»

«È un lupo o un cane inselvatichito? Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»: parla l'esperto

 
BatAmbiente
Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

 

i più letti

Declamava la Divina Commedia in siciliano

Pino Leuci: umiltà e scienza al servizio della comunità

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

il professore Pino Leuci

Per sempre legato alla sua terra. È venuto a mancare Giuseppe Leuci, per tutti il professore Pino Leuci. Geologo, paleontologo, ingegnere, docente in pensione dell’Università Federico II di Napoli, pur viaggiando in ogni parte del globo accompagnato sempre dalla sua compagna di vita, Ulrica, non ha mai cambiato la sua residenza. Padre presente e “complice”, amico sincero, aveva sempre la parola giusta per portare conforto gettando uno sguardo ironico che strappava una risata anche nelle difficoltà. Probabilmente è questo il DNA degli uomini che nascono il primo giorno dell’anno, che si affacciano all’alba del nuovo anno con coraggio e determinazione.

Nato il primo gennaio del 1938 lo piangono i figli Marco e Stefania, Francesca e Chiara e non si contano gli amici sparsi per il mondo. Senza andare lontano, anche se lui di peregrinazioni ne ha compiute, i sampancraziesi si sono sempre sentiti orgogliosi dei suoi successi accademici. Pino Leuci è stata una di quelle figure delle quali non si attende la dipartita per commemorarle. Con la sua immensa umiltà, profondo conoscitore del territorio, scorrazzava per le vie del paese esibendo il suo amato “dialetto” nel quale rintracciava nodi con il latino, il greco attraverso romanzati racconti che affascinavano tutti gli uditori. Era capace di intrattenere per ore con le sue storie.

con la moglie Ulrica nella sua casa a Napoli piena di libri

Uomo dalla commendevole fama e dalle illustri benemerenze didattiche lascia, tra le altre, una grande eredità al suo paese. Autore dell’unico dizionario sanpancraziese, merita che gli venga dedicata almeno una strada perché il suo anelito alla ricerca, il suo entusiasmo per la vita, il suo inconfondibile sorriso anche nel trattare temi complessi, rendendoli comprensibili, rimangano imperituri. Ha scoperto il dinosauro Ciro e ha donato una luce nuova sulle scoperte archeologiche del territorio. A febbraio ha tenuto le sue ultime lezioni all’Università UniTre, ma dialogare con lui si rivelava puntualmente una lezione. Il suo acuto giudizio, l’ironia e la propensione all’ascolto lo rendevano il mediatore ideale in ogni contesto. Ha firmato e coordinato numerosi lavori scientifici internazionali. La dedica del suo dizionario vale un manifesto “ai miei concittadini con l’augurio di ampliare i loro orizzonti non dimenticando le origini”. E Pino Leuci, appena il lockdown lo ha reso possibile, si è messo in macchina con Ulrica, direzione San Pancrazio Salentino ed è tornato a casa per sempre.  

con gli amici di sempre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie