Martedì 18 Febbraio 2020 | 01:35

NEWS DALLA SEZIONE

Esperti a confronto
Il banchetto delle idee: una tavola rotonda dedicata al Food

Il banchetto delle idee: una tavola rotonda dedicata al Food

 
L'intervista
Coronavirus: la parola a Susanna Esposito, Presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid).

Coronavirus, parla Susanna Esposito presidente infettivologi WAidid: «Ecco come difendersi»

 
LE NOSTRE CAMPAGNE: OCCUPAZIONE CERTA PER I GIOVANI

Alla ricerca del nuovo paradigma nel settore Agri-Food

 
SCIOPERARE O ADOTTARE BUONE PRATICHE A SOSTEGNO DELL’AMBIENTE?
Da Berlino a Bari un occhio alla plastica

Da Berlino a Bari un occhio alla plastica

 
Il nostro patrimonio comune
Lo stand Italy a Berlino

Prendiamoci cura dell'ambiente

 
In Fiera del Levante
Michele Emiliano consegna il premio «Radice di Puglia» al piccolo Potito Ruggiero

Agire per il Clima

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

SCIOPERARE O ADOTTARE BUONE PRATICHE A SOSTEGNO DELL’AMBIENTE?

Da Berlino a Bari un occhio alla plastica

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Da Berlino a Bari un occhio alla plastica

Passeggiando per le vie di Berlino, appare ben presto evidente come l’attenzione per l’ambiente sia una costante e non certo un trend del momento. Pur mettendosi alla ricerca, risulta difficile scorgere immondizia di qualunque tipo e ci si domanda quale sia il sistema che consente un controllo così capillare. La gente che frequenta la capitale tedesca di nove volte più grande di Parigi è tantissima, eppure un tacito codice consente un comportamento civile e corretto che si riflette anche per le vie linde e nei gesti. Nei locali e nei negozietti campeggiano slogan per incentivare un uso più consapevole della plastica. Mi ha colpito, in particolare, in una comune catena di fast food, un cartellone che incoraggiava a consegnare la bottiglia d’acqua, una volta che si fosse consumato il contenuto. Così facendo, il fast food restituisce 25 centesimi e la bottiglia potrebbe essere riciclata. Consegnando la bottiglia viene emesso un regolare scontrino che attesta il rimborso di 25 centesimi sul reso. Questa buona pratica può essere adottata, ma anche a Bari si leva forte e chiara la necessità di limitare l’utilizzo della plastica. In un bar a due passi dal Politecnico, luogo particolarmente frequentato maggiormente da studenti e docenti, compare un cartellone – in foto – che mette in evidenza l’obiettivo da raggiungere. Come? Sostituendo la plastica con la pratica borraccia personale che può essere ricaricata di un litro a 80 centesimi e 40 per mezzo litro. “Insieme si può” si legge ancora. Il senso di instillare comportamenti virtuosi che possono diventare comuni, in quanto assunti dalla collettività, e non più dominio di pochi, diviene un motto di squadra. “Insieme si può”. A Berlino, ma forse senza andare tanto lontano anche da queste parti, non mancano situazioni sporadiche di gente che a tutela dell’ambiente decida di “scioperare”. Quando però non si genera uno spirito di squadra, forse serve a poco, oppure no. Non la pensa così, la donna sulla quarantina, madre di una bambina che due giorni fa, aveva occupato con il suo corpo, in una posizione non proprio comoda, facendo molto freddo, un blocco di cemento antistante il Bundestag, l’edificio del Parlamento. “Voglio scioperare per il clima – ha affermato -. Lo faccio anonimamente perché il mio nome non aggiunge alcunchè. Intendo aumentare la sensibilità della gente che passa da qui su un tema che non è più differibile sulle agende dei politici di questi maestosi palazzi. Non mi muoverò da qui senza aver parlato con loro. Non chiedo condizioni, solo di guardare all'ambiente considerandolo come se fosse casa nostra, preoccupandocene". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie