Mercoledì 05 Agosto 2020 | 00:23

NEWS DALLA SEZIONE

IL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
a baia verde
Gallipoli, lettini non distanziati, dipendenti senza mascherine: multe in 2 lidi

Gallipoli, lettini non distanziati, dipendenti senza mascherine: multe in 2 lidi

 
flussi migratori
Otranto, sbarco di famiglia di siriani: è il secondo in poche ore nel Salento

Otranto, sbarco di famiglia di siriani: è il secondo in poche ore nel Salento

 
L'AGGRESSIONE
Nardò, botte per i manifesti elettorali

Nardò, botte per i manifesti elettorali: marito di una candidata in ospedale

 
nel Leccese
Coronavirus, tutti i negativi i tamponi nella Rsa di Campi Salentina

Coronavirus, tutti i negativi i tamponi nella Rsa di Campi Salentina

 
LE INDAGINI

Choc a Gallipoli, turista in ospedale: «Mi hanno stuprata», ma ha vuoti di memoria

 
l'allarme
Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

 
nel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 
Il caso
Città del Vaticano, Emanuela Orlandi: a Lecce l'esame di ossa trovate nel Vaticano

Emanuela Orlandi: a Lecce l'esame di ossa trovate nel Vaticano

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare gli incendiari»

 
PotenzaIn Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
TarantoLa richiesta
Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi»

Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi». Aziende lamentano ritardi nei pagamenti

 
MateraLa novità
Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

 
LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

Durante l'ormeggio

Leuca, maxi yacht finisce contro la banchina e distrugge barca a vela

Il video mostra chiaramente l'imbarcazione mentre collide al Porto di Leuca. Il botto s'è sentito forte e chiaro

LEUCA - Momenti di panico nel pomeriggio al porto turistico di Santa Maria di Leuca, marina di Castrignano del Capo in provincia di Lecce, dove un maxi yacht di 40 metri è andato a schiantarsi contro la banchina, distruggendo una barca a vela, ormeggiata al terzo braccio in attesa di essere demolita. Non si registrano feriti. Su quella barca a vela erano arrivati mesi addietro alcuni migranti.

L’impatto è avvenuto sotto gli occhi increduli di numerosi diportisti. A bordo del grande yacht battente bandiera portoghese, che stava facendo la manovra di attracco a una delle banchine, c'era un gruppo di turisti stranieri.
Pare che a causare l’impatto sia stato un guasto improvviso al sistema elettrico, che ha reso la barca ingovernabile.
Sul posto sono intervenuti gli uomini della Guardia Costiera di Leuca a cui sono affidate le indagini sull'incidente. 

FERMO AMMINISTRATIVO PER LA NAVE - Gli ispettori del nucleo P.S.C. (Port State Control – controllo da parte dello Stato d'approdo) della Guardia Costiera di Gallipoli si sono recati a bordo del maxi yacht commerciale denominato “BLUE MAGIC” con l’obiettivo di ispezionare l’unità al fine di accertare le cause del sinistro marittimo e di verificare il rispetto degli standard di sicurezza. Dai controlli è emerso che la collisione è stata causata da un’avaria al sistema elettronico di trasmissione della propulsione tra ponte di comando e l’apparato motore. Per tale motivo, lo yacht non ha risposto più ai comandi e l’urto è divenuto inevitabile. Inoltre, nel corso dell’ispezione sono state riscontrate alcune irregolarità relative alla certificazione di sicurezza in possesso all’unità e all’equipaggio, oltre alla mancanza di alcune delle pubblicazioni nautiche necessarie per intraprendere la navigazione verso il successivo porto in Montenegro. Tali carenze, fonte di potenziale pericolo per la sicurezza della nave e del suo equipaggio, hanno comportato il fermo amministrativo della nave. Prima di poter ripartire, l’unità dovrà riparare l’avaria e provvedere ad eliminare tutte le deficienze accertate, con ulteriore visita di controllo da parte della guardia costiera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie