Domenica 16 Maggio 2021 | 22:37

NEWS DALLA SEZIONE

il fenomeno
Ulivi malati in fiamme a Copertino, «una strage che si ripete»

Ulivi malati in fiamme a Copertino, «una strage che si ripete»

 
L'emergenza
Il 5 giugno test discoteca: in 2000 a Gallipoli con green pass

Il 5 giugno test discoteca: in 2000 a Gallipoli con green pass

 
Covid
Lecce , rivive il popolo della movida

Lecce , rivive il popolo della movida

 
Il caso
Veglie, beccato con oltre 2kg di marijuana in auto : «L'ho trovata in un casolare»

Veglie, beccato con oltre 2kg di marijuana in auto : «L'ho trovata in un casolare»

 
Le esequie
Ex carabiniere ucciso a Copertino: sulla bara fiori e cappello Arma

Ex carabiniere ucciso a Copertino: sulla bara fiori e cappello Arma

 
Il caso
Lecce, oggi tra incertezze parte l’estate 2021

Lecce, oggi tra incertezze parte l’estate 2021

 
L'emergenza
Lecce, il Covid molla la presa

Lecce, il Covid molla la presa

 
L'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
Turismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Emergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
Ambiente
Melpignano, sequestrata una cava abusiva

Melpignano, sequestrata una cava abusiva

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari e Foggia: rendimenti a confronto

Bari e Foggia: rendimenti a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

il BiancorossoSerie C
Bari e Foggia: rendimenti a confronto

Bari e Foggia: rendimenti a confronto

 
Lecceil fenomeno
Ulivi malati in fiamme a Copertino, «una strage che si ripete»

Ulivi malati in fiamme a Copertino, «una strage che si ripete»

 
Tarantoil processo
Taranto, l'ex Ilva? «Una gestione criminosa»

Taranto, l'ex Ilva? «Una gestione criminosa»

 
BrindisiTerritorio
Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

 
PotenzaCovid
In Basilicata sei comuni in zona rossa fino al 23 maggio

In Basilicata sei comuni in zona rossa fino al 23 maggio

 

i più letti

Durante l'ormeggio

Leuca, maxi yacht finisce contro la banchina e distrugge barca a vela

Il video mostra chiaramente l'imbarcazione mentre collide al Porto di Leuca. Il botto s'è sentito forte e chiaro

LEUCA - Momenti di panico nel pomeriggio al porto turistico di Santa Maria di Leuca, marina di Castrignano del Capo in provincia di Lecce, dove un maxi yacht di 40 metri è andato a schiantarsi contro la banchina, distruggendo una barca a vela, ormeggiata al terzo braccio in attesa di essere demolita. Non si registrano feriti. Su quella barca a vela erano arrivati mesi addietro alcuni migranti.

L’impatto è avvenuto sotto gli occhi increduli di numerosi diportisti. A bordo del grande yacht battente bandiera portoghese, che stava facendo la manovra di attracco a una delle banchine, c'era un gruppo di turisti stranieri.
Pare che a causare l’impatto sia stato un guasto improvviso al sistema elettrico, che ha reso la barca ingovernabile.
Sul posto sono intervenuti gli uomini della Guardia Costiera di Leuca a cui sono affidate le indagini sull'incidente. 

FERMO AMMINISTRATIVO PER LA NAVE - Gli ispettori del nucleo P.S.C. (Port State Control – controllo da parte dello Stato d'approdo) della Guardia Costiera di Gallipoli si sono recati a bordo del maxi yacht commerciale denominato “BLUE MAGIC” con l’obiettivo di ispezionare l’unità al fine di accertare le cause del sinistro marittimo e di verificare il rispetto degli standard di sicurezza. Dai controlli è emerso che la collisione è stata causata da un’avaria al sistema elettronico di trasmissione della propulsione tra ponte di comando e l’apparato motore. Per tale motivo, lo yacht non ha risposto più ai comandi e l’urto è divenuto inevitabile. Inoltre, nel corso dell’ispezione sono state riscontrate alcune irregolarità relative alla certificazione di sicurezza in possesso all’unità e all’equipaggio, oltre alla mancanza di alcune delle pubblicazioni nautiche necessarie per intraprendere la navigazione verso il successivo porto in Montenegro. Tali carenze, fonte di potenziale pericolo per la sicurezza della nave e del suo equipaggio, hanno comportato il fermo amministrativo della nave. Prima di poter ripartire, l’unità dovrà riparare l’avaria e provvedere ad eliminare tutte le deficienze accertate, con ulteriore visita di controllo da parte della guardia costiera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie