Mercoledì 18 Settembre 2019 | 00:33

NEWS DALLA SEZIONE

Il personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
L'iniziativa
Caro cancelleria, a Barletta il «quaderno sospeso»: la scuola è più umana

Caro cancelleria, a Barletta il «quaderno sospeso»: la scuola è più umana

 
Arrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
L'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
La lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
La difesa
Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

 
Nel nordbarese
Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

 
Nel Nordbarese
Andria, nega precedenza e viene accoltellato davanti a moglie e figlia: muore 28enne

Andria, nega precedenza, muore accoltellato davanti a moglie e figlio Fermato 50enne

 
Il campione
Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano che ha cambiato la storia della corsa

Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiDai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
BatIl personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 

i più letti

ad Andria

I soldi dal traffico di droga, sequestrati beni a pregiudicato

Tra i beni sequestrati, un appartamento di lusso, impianti tecnologici e suppellettili, in una zona nel centro di Andria, un conto corrente bancario e un’autovettura di grossa cilindrata

ANDRIA - Beni per un valore complessivo di 500.000,00 euro sono stati sequestrati dai Carabinieri ad un presunto trafficante di droga, Leonardo Losito, di 45 anni, con precedenti penali, conosciuto come «Leo ù gruss» o «Panzù», attualmente sottoposto agli arresti domiciliari a Parma.

Tra i beni sequestrati, un appartamento di lusso, completo di arredi, impianti tecnologici e suppellettili, in una zona nel centro di Andria, un conto corrente bancario e un’autovettura di grossa cilindrata.

I militari hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Bari - Sezione III in funzione di Tribunale della prevenzione, su richiesta della Dda di Bari.

Losito, in particolare, è stato ritenuto dalla magistratura barese, sulla scorta delle indagini svolte dai Carabinieri di Andria, l’organizzatore del mercato del narcotraffico andriese, per cui risulta attualmente imputato. Il 21 aprile dello scorso anno è stato condannato alla pena di 14 anni di reclusione con sentenza emessa del Gup del Tribunale di Bari. Il sodalizio di cui il Losito faceva parte - secondo quanto accertato dagli investigatori - è stato attivo in tutto il nord-barese tra gli anni 2008-2012, riuscendo ad ottenere introiti dal mercato della droga «di assoluto riguardo», al punto che ogni sodale riceveva uno stipendio fino ad anche 11mila euro al mese.

Il gruppo criminale, specializzato nello smercio di cocaina e marijuana, di cui il Losito faceva parte è stato sgominato dai militari del Comando Provinciale CC di Bari nell’ottobre 2015, quando 13 persone - tra cui anche lo stesso Losito - finirono in carcere. Dall’analisi del casellario giudiziario e dalle informazioni di polizia, di fatto, è emerso che l’unica attività e fonte di lucro a cui il proposto si dedicava con dedizione e costanza era stato lo smercio di sostanze stupefacenti. Significativo - secondo gli investigatori - il ritrovamento, nel soggiorno dell’abitazione, di una gigantografia di Al Pacino tratta dal film «Scarface». Gli accertamenti patrimoniali avviati nei confronti di Losito hanno evidenziato come l’uomo avesse un tenore di vita sproporzionato al reddito dichiarato, al limite della sopravvivenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie