Sabato 25 Gennaio 2020 | 16:18

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Da Molfetta «Nonna Maddalena» è la regina della pugliesità nel New Jersey

Da Molfetta «Nonna Maddalena» è la regina della pugliesità nel New Jersey

 
le dichiarazioni
Bari, parla collaboratore di giustizia: «Affiliato clan Strisciuglio fu ucciso per farlo tacere»

Bari, parla collaboratore di giustizia: «Affiliato clan Strisciuglio fu ucciso per farlo tacere»

 
nel Barese
Monopoli, picchiava 90enne: badante georgiano scarcerato, va ai domiciliari

Monopoli, picchiava 90enne: badante georgiano scarcerato, va ai domiciliari

 
nel Barese
Ruvo di Puglia, spacciavano marijuana in casa: arrestati due coniugi

Ruvo di Puglia, spacciavano marijuana in casa: arrestati due coniugi

 
donne e impresa
Bari, fatti a mano e zero sprechi: quando la moda è anche cultura

Bari, fatti a mano e zero sprechi: quando la moda è anche cultura

 
dalla polizia
Monopoli, razziavano supermercati: arrestati 3 georgiani

Monopoli, razziavano supermercati: arrestati 3 georgiani

 
2 denunce
Bari, sequestrate bici elettriche modificate: multe per 30mila euro

Bari, sequestrate bici elettriche modificate: multe per 30mila euro

 
La Terra vista dal Carnevale
Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente

Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente VD

 
Lavoro
Bari, il 31 gennaio sciopero e sit-in dei lavoratori Arif

Bari, il 31 gennaio sciopero e sit-in dei lavoratori Arif

 

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa storia
Da Molfetta «Nonna Maddalena» è la regina della pugliesità nel New Jersey

Da Molfetta «Nonna Maddalena» è la regina della pugliesità nel New Jersey

 
FoggiaViolenza in famiglia
Foggia, rinchiude per due giorni la moglie in casa: arrestato

Foggia, rinchiude per due giorni la moglie in casa: arrestato

 
BrindisiNel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

 
Lecceall'alba
Peschereccio carico di migranti si incaglia sugli scogli: sbarco a Torre Pali, in Salento

Peschereccio carico di migranti si incaglia sugli scogli: sbarco a Torre Pali, in Salento

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
Potenzala tragedia
Tifoso investito nel Potentino: alle 15 i funerali a Rionero

Tifoso investito nel Potentino: centinaia di persone ai funerali di Tucciariello a Rionero

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

nel Barese

Mola di Bari, ambulatorio infermieristico intitolato al dottor Pesce, «medico dei poveri»

Sarà possibile farsi fasciare, medicare, cambiare il catetere, tutte operazioni che alleggeriranno il lavoro dei medici

Inaugurato oggi a Mola di Bari l'Ambulatorio Infermieristico Territoriale, gestito dagli infermieri, e scoperta anche la targa al dottor Gianvito Pesce a cui è stata intitolata l'intera struttura poliambulatoriale del paese (in via Russolillo 34). All'inaugurazione hanno partecipato il presidente della Regione Michele Emiliano, il direttore generale della Asl di Bari Antonio Sanguedolce e il sindaco di Mola Giuseppe Colonna.

«Oggi inauguriamo a Mola di Bari un ambulatorio gestito totalmente dagli infermieri che potrà dare una grossa mano alla popolazione che spesso si rivolge al medico di medicina generale per piccole prestazioni ambulatoriali - ha dichiarato Emiliano - Penso che sarà importante soprattutto per le fasce più deboli, per quei pazienti con patologie croniche o anziani. E poi, aver intitolato l’intera Struttura Poliambulatoriale al dott. Gianvito Pesce, un molese doc, di quelli che difficilmente possiamo dimenticare per il bene che ha fatto ai suoi concittadini (veniva chiamato il medico dei poveri perché visitava gratis i meno abbienti, anche a domicilio e nelle ore notturne, arrivando in questi casi a lasciare alla famiglia il denaro necessario per l’acquisto dei farmaci da lui prescritti) è per me significativo. Riportare alla memoria la sua storia è un impegno di tutti»

«L’ambulatorio infermieristico – ha aggiunto il direttore generale ASL Bari -  inizialmente sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdi dalle 8,30 alle 12,00 e il martedì pomeriggio dalle 15,00 alle 17,00. Questa struttura già ospita una RSA pubblica, diversi ambulatori specialistici, il servizio di radiologia con centro screening e la riabilitazione. A questo ambulatorio – ha spiegato Sanguedolce - si accede dietro prescrizione del medico di medicina generale per effettuare una serie di prestazioni che sono di competenza assolutamente infermieristica quali ad esempio la medicazione, le fasciature, la terapia iniettiva, il cambio catetere e cambio sacca di stomia».

E l'intera struttura è stata intitolata al dottor Gianvito Pesce, scomparso nel 1990. Nel novembre del 1936 si laureò brillantemente in Medicina e Chirurgia, a Bari, e successivamente si specializzò in Ostetricia e ginecologia con il Prof. Eymerich. Richiamato alle armi nell’Agosto del 1941 e inviato in zona di operazioni in Libia come ufficiale Medico, nel giugno del 1942, durante la battaglia di Tobruk fu ferito da una scheggia di granata che gli trapassò entrambe le gambe all’altezza dei polpacci; rientrato in patria con il riconoscimento della mutilazione intraprese appieno l’attività di Medico. In un periodo in cui il medico era un libero professionista pagato dai pazienti, il dottor Pesce visitava gratis i meno abbienti, anche a domicilio e nelle ore notturne, arrivando in questi casi a lasciare alla famiglia il denaro necessario per l’acquisto dei farmaci da lui prescritti. Per queste ragioni a Mola e nei paesi vicini era noto come “il medico dei poveri “. Nel 1944 si iscrisse al PCI e nel 1946 fu il primo Sindaco di Mola liberamente eletto; nei successivi quarant’anni fu ininterrottamente alla guida della sezione molese del PCI, all’opposizione in Consiglio Comunale. Si è spento a Mola di Bari il 17 dicembre del 1990.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie