Venerdì 13 Dicembre 2019 | 09:44

NEWS DALLA SEZIONE

nel settembre scorso
Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

 
Stalking
Monopoli, stalker evade dai domiciliari e reagisce ai poliziotti: arrestato 46enne

Monopoli, stalker evade dai domiciliari e reagisce ai poliziotti: arrestato 46enne

 
l'annuncio
Petruzzelli, Martha Argerich annulla per motivi personali, il 15 concerto con Ivo Pogorelich

Petruzzelli, Martha Argerich annulla per motivi personali, il 15 concerto con Ivo Pogorelich

 
la sentenza
Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

Bari, violenza di gruppo su una 25enne al Cara: condannati 6 nigeriani

 
Il ricordo
Giornalisti: Fnsi, sabato omaggio a Megalizzi a Bari

Giornalisti: Fnsi, sabato omaggio a Megalizzi a Bari

 
il caso
Bari, «riparazioni fantasma»: inchiesta bis sull'Amtab

Bari, «riparazioni fantasma»: inchiesta bis sull'Amtab

 
Operazione della Gdf
Armi e droga dall’Albania: arresti e sequestri di beni a Bari

Armi e droga dall’Albania: 15 arresti e sequestri di beni per oltre 1mln di euro a Bari VD

 
Infortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
Zona industriale
Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

 
nel Barese
Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel settembre scorso
Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

Tentarono rapine a Palo del Colle e Grumo, ma i colpi fallirono: identificati e arrestati 2 baresi

 
Batla decisione
Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia per oltre 1mln di euro

Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia

 
BrindisiIntimidazione
S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto: era del proprietario del cane arso vivo

S.Pietro Vernotico, colpi di pistola contro auto del proprietario del cane arso vivo

 
LecceDevozione
Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

Lecce, la salma di Mons. Ruppi presto traslata nel Duomo

 
PotenzaTecnologia
Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

Potenza, VV.FF., sperimentato sistema di trasmissione dati in tempo reale

 
TarantoSS Annunziata
Taranto, il 20 dicembre reparto intitolato a Nadia Toffa

Taranto, il 20 dicembre inaugura il reparto intitolato a Nadia Toffa

 
FoggiaNel Foggiano
San Severo, sorpresi a rubare ne cimitero: ladri messi in fuga

San Severo, sorpresi a rubare nel cimitero: ladri messi in fuga

 
Materanel Materano
Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

Stop mezzi pesanti sulla Cavonica, autotrasportatore si sfoga: «Costretto a fare 300km in più»

 

i più letti

nel Barese

Mola di Bari, ambulatorio infermieristico intitolato al dottor Pesce, «medico dei poveri»

Sarà possibile farsi fasciare, medicare, cambiare il catetere, tutte operazioni che alleggeriranno il lavoro dei medici

Inaugurato oggi a Mola di Bari l'Ambulatorio Infermieristico Territoriale, gestito dagli infermieri, e scoperta anche la targa al dottor Gianvito Pesce a cui è stata intitolata l'intera struttura poliambulatoriale del paese (in via Russolillo 34). All'inaugurazione hanno partecipato il presidente della Regione Michele Emiliano, il direttore generale della Asl di Bari Antonio Sanguedolce e il sindaco di Mola Giuseppe Colonna.

«Oggi inauguriamo a Mola di Bari un ambulatorio gestito totalmente dagli infermieri che potrà dare una grossa mano alla popolazione che spesso si rivolge al medico di medicina generale per piccole prestazioni ambulatoriali - ha dichiarato Emiliano - Penso che sarà importante soprattutto per le fasce più deboli, per quei pazienti con patologie croniche o anziani. E poi, aver intitolato l’intera Struttura Poliambulatoriale al dott. Gianvito Pesce, un molese doc, di quelli che difficilmente possiamo dimenticare per il bene che ha fatto ai suoi concittadini (veniva chiamato il medico dei poveri perché visitava gratis i meno abbienti, anche a domicilio e nelle ore notturne, arrivando in questi casi a lasciare alla famiglia il denaro necessario per l’acquisto dei farmaci da lui prescritti) è per me significativo. Riportare alla memoria la sua storia è un impegno di tutti»

«L’ambulatorio infermieristico – ha aggiunto il direttore generale ASL Bari -  inizialmente sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdi dalle 8,30 alle 12,00 e il martedì pomeriggio dalle 15,00 alle 17,00. Questa struttura già ospita una RSA pubblica, diversi ambulatori specialistici, il servizio di radiologia con centro screening e la riabilitazione. A questo ambulatorio – ha spiegato Sanguedolce - si accede dietro prescrizione del medico di medicina generale per effettuare una serie di prestazioni che sono di competenza assolutamente infermieristica quali ad esempio la medicazione, le fasciature, la terapia iniettiva, il cambio catetere e cambio sacca di stomia».

E l'intera struttura è stata intitolata al dottor Gianvito Pesce, scomparso nel 1990. Nel novembre del 1936 si laureò brillantemente in Medicina e Chirurgia, a Bari, e successivamente si specializzò in Ostetricia e ginecologia con il Prof. Eymerich. Richiamato alle armi nell’Agosto del 1941 e inviato in zona di operazioni in Libia come ufficiale Medico, nel giugno del 1942, durante la battaglia di Tobruk fu ferito da una scheggia di granata che gli trapassò entrambe le gambe all’altezza dei polpacci; rientrato in patria con il riconoscimento della mutilazione intraprese appieno l’attività di Medico. In un periodo in cui il medico era un libero professionista pagato dai pazienti, il dottor Pesce visitava gratis i meno abbienti, anche a domicilio e nelle ore notturne, arrivando in questi casi a lasciare alla famiglia il denaro necessario per l’acquisto dei farmaci da lui prescritti. Per queste ragioni a Mola e nei paesi vicini era noto come “il medico dei poveri “. Nel 1944 si iscrisse al PCI e nel 1946 fu il primo Sindaco di Mola liberamente eletto; nei successivi quarant’anni fu ininterrottamente alla guida della sezione molese del PCI, all’opposizione in Consiglio Comunale. Si è spento a Mola di Bari il 17 dicembre del 1990.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie