Venerdì 18 Settembre 2020 | 12:13

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Taranto, impianti dell’Amiu. Regione in campo

Taranto, impianti dell’Amiu: regione in campo

 
Criminalità
Taranto, gambizzato tra la gente in via Mediterraneo

Taranto, gambizzato tra la gente in via Mediterraneo

 
nel Tarantino
Martina Franca: 27enne maltrattata da fidanzato, suocera le versa benzina addosso per minacciarla

M.Franca: 27enne maltrattata da fidanzato, suocera le versa benzina addosso per minacciarla

 
MiBact
Taranto avrà 90 milioni per incrementare il turismo

Taranto avrà 90 milioni per incrementare il turismo, e 50 per un acquario «green»

 
Il meeting
Arsenale Taranto, Calvisi incontra sindaco e parti sociali

Arsenale Taranto, Calvisi incontra sindaco e parti sociali

 
Il virus
Coronavirus, salgono a 50 i contagi nella Rsa di Villa Genusia a Ginosa Marina

Coronavirus, salgono a 50 i contagi nella Rsa di Villa Genusia a Ginosa Marina

 
La visita
Taranto, l'ex ministro Pinotti in visita al Santuario dei Delfini

Taranto, l'ex ministro Pinotti in visita al Santuario dei Delfini

 
Il caso
Taranto, con gli amici blocca il passaggio a livello: 16enne denunciato

Taranto, con gli amici blocca il passaggio a livello: 16enne denunciato

 
la bravata
Taranto, seduto a cavalcioni sulla sbarra del passaggio a livello: nei guai un minorenne

Taranto, seduto a cavalcioni sulla sbarra del passaggio a livello: nei guai un minorenne

 
Controlli dei CC
Ginosa, 22enne del Gambia a spasso con la droga: arrestato

Ginosa, 22enne del Gambia a spasso con la droga: arrestato

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo in casa della Virtus Francavilla»

Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo»
Marras: «Obiettivo promozione»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl fatto
Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

Nardò, propaganda elettorale al cimitero: si indaga

 
Baricontratti
Policlinico Bari, stabilizzati 26 lavoratori precari

Policlinico Bari, stabilizzati 26 lavoratori precari

 
Materanel Materano
Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

Pisticci, arrestato 36enne: era ricercato in tutta Europa

 
BatIl caso
Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

 
TarantoAmbiente
Taranto, impianti dell’Amiu. Regione in campo

Taranto, impianti dell’Amiu: regione in campo

 
BrindisiL'evento
Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

 
Foggianel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
PotenzaIl caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 

i più letti

Nel tarantino

A Lizzano fanno il rosario contro il ddl omotransfobia: la protesta Lgbt

Dopo la preghiera in chiesa, la sindaca dissente, Cc identificano gli attivisti

A Lizzano fanno il rosario contro il ddl omotransfobia: la protesta Lgbt

TARANTO - Sono dovuti intervenire i Carabinieri ieri sera a Lizzano (Taranto) per la protesta nel piazzale della Chiesa San Nicola contro il «Rosario per la famiglia» organizzato dal parroco don Giuseppe Zito intendendo "difenderla dalle insidie che la minacciano, fra cui il disegno di legge contro l’omotransfobia». L’iniziativa del parroco, annunciata con un post sui social successivamente rimosso, aveva scatenato proteste e non solo delle realtà Lgbt. I Carabinieri, chiamati a quanto si è appreso dallo stesso parroco, avevano iniziato a identificare i manifestanti quando davanti alla chiesa si è presentata la sindaca Antonietta D’Oria, eletta con una lista civica, che ha difeso le ragioni del dissenso al 'Rosariò. «Allora prendete quelli che stanno dentro - ha detto riferendosi ai parrocchiani all’interno della chiesa - perché è una vergogna per Lizzano, che è un paese democratico». Alla protesta ha partecipato anche la scrittrice Francesca Cavallo che, di Lizzano, è autrice bestseller delle 'Storie della buonanotte per bambine ribellì. «A Don Giuseppe - scrive in un post Fb - evidentemente piace che la gente possa continuare a odiarci e a esprimerci disprezzo apertamente. È una bella motivazione per una veglia di preghiera, l’odio. Complimenti». Le forze dell’ordine hanno «identificato tutti i cittadini presenti davanti alla Chiesa con un paio di bandiere arcobaleno - osserva Luigi Pignatelli, presidente di Arcigay Strambopoli QueerTown Taranto - . Molti sono giovanissimi. Tutti manifestavano pacificamente ed erano distanziati. Proprio il 14 luglio, Giornata Internazionale della Visibilità delle persone Non Binarie, nella chiesa di San Nicola a Lizzano si è pregato per un’eteronormalità che vuole schiacciare il diritto alla differenza e alla libertà di orientamento sessuale e di identità di genere. Si è pregato contro il ddl Zan, che rappresenta un passo, seppur piccolo e insufficiente, contro l'omotransfobia».

PARLANO LE SARDINE - «La Puglia è terra di accoglienza e non sarà di certo un parroco qualsiasi a farci dimenticare questo importante valore. Esprimiamo il nostro grazie alla sindaca, uno dei motivi che ci rende orgogliosi di essere pugliesi e italiani». Così le Sardine Pugliesi commentano l'iniziativa della sindaca di Lizzano (Taranto), Antonietta D’Oria, che ieri sera è intervenuta nel piazzale antistante la chiesa di San Nicola, per difendere il diritto a manifestare di alcune persone che protestavano in concomitanza con il «Rosario per la famiglia» organizzato dal parroco don Giuseppe Zito contro il Ddl Zan in materia di contrasto all’omobitransfobia.
La sindaca, osservano le Sardine di Puglia, «è dovuta scendere in piazza per ricordare che il Comune di Lizzano, la Puglia e lo Stato italiano, devono rispettare quei valori. Il parroco in più ha preteso dai carabinieri che fossero schedati dei liberi cittadini che stavano esprimendo pacificamente tutto lo sdegno per una simile veglia». La sindaca «ha urlato tutto il suo sdegno - proseguono le Sardine - verso un simile gesto che non solo viola la libertà e i diritti dei cittadini ma per di più sponsorizza razzismo, omofobia e quindi esclusione. Ci spiace che certi parroci che per fortuna non rappresentano tutta la Chiesa, con questi episodi, stiano dimenticando il loro obiettivo principale che è quello dell’amore verso il prossimo e si stiano dirigendo verso strade a tutela dell’aggressore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie