Domenica 31 Maggio 2020 | 07:13

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
Il caso
Si torna a sparare per strada a Taranto: nessun ferito

Si torna a sparare per strada a Taranto: tanta paura, ma nessun ferito

 
Ripensato lo showroom
Fase 2 Taranto, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

Fase 2, anche il mercato dell’auto riparte: possibilità di test drive a domicilio

 
controlli dei cc
Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

Taranto, a spasso con la droga a Paolo VI: nei guai 30enne inospettabile

 
lentocrazia
Taranto, ospedale S. Cataldo

Taranto ospedale San Cataldo, il sindaco: « È una vergogna nazionale. Il Governo sblocchi il progetto»

 
l'appello
Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

Mittal Taranto, «L'azienda rispetti le prescrizioni»

 
Sanità e stellette
Taranto, dal governo pioggia di milioni per migliorare l'ospedale militare

Taranto, dal Governo pioggia di milioni per migliorare l'ospedale militare

 
Il caso
Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

Ginosa, picchia ed estorce soldi ai genitori anziani per l'alcool: arrestato

 
OMICIDIO STANO
Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang rischiano fino a 20 anni di carcere

Manduria, anziano pestato a morte: 3 della baby gang condannati fino a 10 anni di carcere

 
Il siderurgico
Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

Taranto, a Mittal, nessun accordo sulla Cassa: ma l'azienda va avanti

 
il siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

la crisi e il virus

«Il nostro servizio è attivo ma il tassametro è fermo»: parlano i tassisti tarantini

Ecco chi telefona ancora: «Si tratta di persone anziane che chiedono di essere accompagnate in farmacia o dal medico o per trasportare la spesa a casa»

«Il nostro servizio è attivo ma il tassametro è fermo»

Alcune auto della compagnia «Taxi Due Mari».

Il tassametro non scorre sul display, i motori sono spenti e il telefono non squilla. È questa l’atmosfera a tinte fosche che si avverte parlando con alcuni tassisti tarantini. E proprio da loro, parte il viaggio della Gazzetta nel cuore della crisi tra le categorie maggiormente colpite economicamente dalla pandemia da Coronavirus.
Ora, in tutta onestà intellettuale, nessuno può affermare che chi guida un taxi sia benestante. Con l’eccezione della stagione estiva e delle vacanze natalizie e (soprattutto) pasquali, le entrate non sono certo paragonabili a quelle di città in cui, ad esempio, i flussi turistici sono (nettamente) superiori a quelli di Taranto. La premessa è utile per comprendere meglio la drammaticità della situazione in cui vivono ora i tassisti. Non a caso, i presidenti delle due principali cooperative che assicurano il servizio («Taxi Due Mari» e «Taxi 099») sono d’accordo nel fissare l’asticella del calo del loro fatturato attorno al 90 per cento. Impressionante.

«Ringrazio il suo giornale - afferma Antonio Vanacore presidente di Taxi Due Mari - per l’attenzione che dimostra verso la nostra categoria dimenticata dalle istituzioni (con qualche eccezione) e, più in generale, dall’opinione pubblica. Abbiamo iniziato a registrare una diminuzione del numero delle corse effettuate - assicura Vanacore - già nella prima parte di febbraio. Poi, dopo le restrizioni imposte giustamente dal Governo, per noi, c’è stata la paralisi quasi totale». Il telefono del radio taxi, in effetti, squilla pochissimo. «Nell’arco di tutta la giornata - precisa - non so neppure dirle se arriviamo a ricevere quindici telefonate. Chi ci chiama? Persone anziane, in prevalenza, che ci chiedono di accompagnarle in farmacia o dal medico oppure magari ci contattano per farsi portare sino a casa dopo aver fatto la spesa al supermercato. Si tratta di persone che non vogliono disturbare i figli oppure che non possono contare su altri sostegni. Anche per loro - insiste Vanacore - il nostro servizio è comunque operativo 24 ore su 24 anche se, tra noi tassisti, per esporci il meno possibile, alterniamo le presenze. Spero che il Comune, la Regione e il Governo, ognuno per la propria parte, trovino il modo per aiutarci anche (anzi soprattutto) quando questa pandemia sarà finita».

A proposito delle protezioni individuali, invece, Michele Smaltini, presidente della cooperativa Taxi 099, si lamenta del fatto che «pur essendo il nostro un servizio pubblico, nessuno ci ha dotato di mascherine e guanti. Abbiamo fatto da soli. Alcuni tra noi hanno sistemato un divisorio fai da te tra il posto di guida e la parte riservata al passeggero. Ma non solo. Ogni volta che termina una corsa (ne stiamo facendo 4 - 5 al giorno), ci adoperiamo per sanificare l’ambiente con disinfettante e amuchina visto che - spiega Smaltini - sono chiusi anche gli autolavaggi self service. Detto questo, la nostra situazione è davvero ai minimi termini anche in considerazione del blocco quasi totale dell’arrivo dei treni e di aerei dai vicini aeroporti. Resistiamo o almeno proviamo a farlo». Sperando che il tassametro ricominci a girare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie