Lunedì 25 Maggio 2020 | 22:21

NEWS DALLA SEZIONE

La provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
Il siderurgico
ArcelorMittal, ministro Catalfo: «Massimo 10 giorni per soluzione definitiva». Ma all'ex Ilva resta stato d'agitazione

ArcelorMittal, Catalfo: «10 giorni per soluzione definitiva». I sindacati: «Stato entri in azionariato»

 
L'iniziativa
video per graziana

Turismo, a Martina Franca uno spot con i vip della città per la ripartenza

 
nel Tarantino
Pulsano, weekend di caos: sindaco rinvia apertura spiagge libere di una settimana

Pulsano, weekend di caos: sindaco rinvia apertura spiagge libere di una settimana

 
nell'agrigentino
Settanta migranti tunisini sbarcati in Sicilia: disposto trasferimento a Taranto

Settanta migranti tunisini sbarcati in Sicilia: disposto trasferimento a Taranto

 
la decisione
Tavolo al Mise: sciopero in tutti gli stabilimenti Mittal, anche a Taranto

Tavolo al Mise: sciopero in tutti gli stabilimenti Mittal, anche a Taranto

 
l'iniziativa
Massafra, «We are the world» diventa «We are the school», in un video che unisce alunni, docenti e genitori

Massafra, «We are the world» diventa «We are the school» in un video

 
La curiosità
Taranto, case in vendita a 1 euro nel centro storico: l'idea della giunta comunale

Taranto, case in vendita a 1 euro nel centro storico: l'idea della giunta comunale

 
Il recupero di beni storici
Marco Turco

Taranto, il sottosegretario Turco: «Finanziati nel Cis progetti per la riconversione»

 
Il caso Ilva
Tarnto, due lettere turbano l’ex Ilva il Governo prepara la svolta

Taranto, due lettere turbano l’ex Ilva: il Governo prepara la svolta

 
Il caso
Taranto, uccise agente penitenziario: liberato per emergenza Covid, ora torna in carcere

Taranto, uccise agente penitenziario: liberato per emergenza Covid, ora torna in carcere

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
BariLa richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
FoggiaA Borgo Mezzanone
Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

Indotto Mittal

Taranto, vertenza Castiglia: 201 lavoratori licenziati

ArcelorMittal «diserta» di nuovo l’incontro con la task force regionale

Taranto, crisi nell'appalto ex Ilva: rischio 200 licenziamenti

TARANTO - Ancora una nulla di fatto. E così da oggi i 201 ex lavoratori dalla ditta Castiglia dell’indotto di ArcelorMittal, per i quali ieri è terminata la procedura di licenziamento collettivo, saranno in Naspi (Nuova assicurazione sociale per l’impiego), l'indennità mensile di disoccupazione di cui usufruiranno per due anni. Nessuna soluzione alternativa alla Naspi è emersa nell’incontro svoltosi ieri negli uffici della Prefettura di Taranto della task force regionale per l’occupazione, alla presenza dei sindacati, di alcune aziende appaltatrici, ma non dei rappresentanti di ArcelorMittal.

«Solleciteremo nuovamente la convocazione urgente del tavolo al Mise, auspicando una risoluzione definitiva della vertenza dei lavoratori dell’indotto per evitare ulteriori 300 esuberi all’ex Ilva di Taranto» dice l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Mino Borraccino. «Rileviamo ancora una volta - aggiunge l’assessore - la drammatica assenza della società franco-indiana che ignora ogni convocazione del tavolo regionale per l’occupazione. La Regione Puglia non resterà a guardare. Abbiamo già riconvocato per mercoledì 9 ottobre, alle ore 15, sempre in Prefettura, a Taranto, un nuovo incontro al quale abbiamo invitato il Prefetto, il sindaco, il presidente della Provincia e Confindustria Taranto».

«Abbiamo cercato - spiega Vincenzo Castronuovo della segreteria Fim Cisl Taranto-Brindisi - su più tavoli, con le aziende subentranti a Castiglia, in Regione Puglia a Bari e ora in Prefettura a Taranto, di trovare una intesa che evitasse i licenziamenti ed assicurasse la ricollocazione del personale. Ci siamo purtroppo trovati davanti un muro di indisponibilità». Nel passaggio dell’appalto delle pulizie industriali ad altre cinque aziende per i 200 lavoratori ex Castiglia (la maggior parte dei quali con contratto da metalmeccanico e gli altri con contratto multi servizi) non si è trovato l’accordo. Per il sindacalista «grave è l’assenza di ArcelorMittal e delle altre aziende appaltatrici, ad eccezione di Alliance Green Service (che è in joint venture con ArcelorMittal, ndr), considerato che le confederazioni avevano chiesto che il tavolo si spostasse in Prefettura, che è la sede territoriale del Governo». La Task force è stata convocata nuovamente per il 9 ottobre «ma non so - conclude Castronuovo - che ricaveremo visto che si tratta di lavoratori licenziati».

«Niente da fare, la grande industria - commenta in una nota il vicesindaco di Taranto Paolo Castronovi - non ce la fa proprio a collaborare. Un’altra occasione persa da ArcelorMittal per provare a invertire quella percezione negativa che si consolida ogni giorno di più nella città che ospita la fabbrica». Il senso «di responsabilità e la ragione - aggiunge - ci impongono di continuare a cercare il dialogo» ma «la fiducia tentenna, inutile nasconderlo, e segnali confortanti non ne arrivano da nessuna delle grandi presenze industriali, Eni compresa». Il Comune, conclude Castronovi, intende «continuare ad accelerare sulla transizione ecologica in Ecosistema Taranto supportata già da alcune delibere della giunta; una transizione che è assolutamente incompatibile con presenze così ingombranti, poco collaborative e mute. Ribadiamo ove mai ve ne fosse ancora bisogno che siamo in maniera convinta accanto ai lavoratori ed alle imprese»

«Ritengo grave nonché preoccupante l'assenza di Arcelor Mittal alla riunione della task force regionale per l’occupazione convocata oggi a Taranto. Sarebbe dovuta essere questa l’occasione per fare chiarezza sul futuro dei circa 200 lavoratori del gruppo Castiglia eppure, con rammarico, siamo costretti a prendere atto che la società franco-indiana continua, nonostante le richieste di cambiamento rispetto al passato, a dimostrarsi assente e inadempiente nei confronti del polo siderurgico tarantino» afferma, infine, in una nota il presidente del Gruppo LeU/I Progressisti alla Regione Puglia, Ernesto Abaterusso. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie