Lunedì 16 Settembre 2019 | 14:58

NEWS DALLA SEZIONE

nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 
Dai carabinieri
Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

 
Incidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
La telefonata a sorpresa
Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

 
Le fiamme
Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

 
i roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
L'iniziativa
«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

 
La denuncia
Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb: la protesta di Borraccino

Arcelor Mittal, licenziato ingiustamente operaio Usb, l'azienda: 'Era di comandata'

 
L'episodio
Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano prende a pugni autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

Taranto, sul bus senza biglietto: gambiano picchia autista e gli rompe gli occhiali, denunciato

 
Nel tarantino
Ginosa, tir contromano sulla SS106: polizia stradale multa conducente che aveva guidato più ore del consentito

Ginosa, tir contromano sulla SS106: polstrada multa conducente, aveva guidato troppe ore

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
Foggiatragedia nel Foggiano
Tremiti, cade dal tetto mentre monta grondaia: muore operaio

Tremiti, cade dal tetto mentre monta grondaia: muore operaio

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
MateraL'incontro
Scompenso cardiaco: impennata di ricoveri, se ne discute a Matera

Scompenso cardiaco: impennata di ricoveri, se ne discute a Matera

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

Istruzione

Scuola, parla la segretaria Snals, tarantina: «Cattedre vuote, c'è sofferenza»

Il sistema si è definitivamente inceppato con la quota 100

Scuola, parla la segretaria Snals, tarantina: «Cattedre vuote, c'è sofferenza»

Cattedre vuote. Supplenti a go-go. Al sud come al nord. A fare il punto della situazione è la segretaria nazionale dello Snals, la tarantina Elvira Serafini.

Tutto effetto turn over?
«La situazione era già grave a causa del blocco dei concorsi. Nel frattempo, non si è trovata la strategia giusta per un reclutamento veloce. Ora il sistema si è definitivamente inceppato con “quota 100” perché, a prescindere dai pensionamenti che sapevamo sarebbero stati tanti dopo il blocco della legge Fornero, questa è stata una situazione inaspettata. Con una scuola in sofferenza, chi ha potuto è andato via».

Peraltro, difficile conoscere la reale consistenza di “quota 100”…
«Sì, certo, e questo perché ci sono ancora pratiche giacenti che verranno esaminate nei prossimi giorni all’Inps dopo il controllo sommario fatto nelle segreterie scolastiche. Operatori peraltro non tutti adeguatamente formati e che dobbiamo ringraziare per essersi attivato ed aver assunto tali responsabilità».

In assenza di riscontro dall’Inps, tuttavia, il personale va in pensione da domani?
«In realtà, a noi risulta che siano pochi coloro che sono rimasti al palo e che comunque, se non hanno ricevuto alcun decreto dopo aver presentato la domanda, dovranno presentarsi a scuola. Pochi, ma qualche raro caso c’è».

Dunque, cattedre vuote e tanti supplenti?
«La situazione era già grave a causa del blocco dei concorsi. Nel frattempo, non si è trovata la strategia giusta per un reclutamento veloce, cioè gente con la sola laurea ma nessun titolo di insegnamento che si mette a disposizione. Di solito si tratta di giovani neolaureati, ma ci sono anche persone più mature espulse dal mercato del lavoro e che oggi si stanno rimodulando così».

Ci sono discipline prive di aspiranti?
«Sì, purtroppo. E una situazione simile ce l’abbiamo per il personale Ata, collaboratori scolastici, applicati di segreteria, assistenti amministrativi. Speravamo che il concorso dei Dsga andasse a buon fine per risolvere la situazione di migliaia di scuole prive di direttore dei servizi amministrativi. Ma tutto è rimasto in una situazione di stallo».

Come si tamponerà?
«Innanzi tutto con le reggenze, ma non si riuscirà ugualmente a coprire tutti i posti vuoti. Ancora una volta, affideremo le scuole ad assistenti amministrativi per i quali, soprattutto se con tali funzioni da decenni, abbiamo lottato perché al concorso ci fosse una corsia preferenziale. Abbiamo avuto solo una riserva del 30%, ma nessuna apertura per un concorso agevolato».

Eppure, si sperava di superare il precariato …
«Siamo profondamente delusi per la mancata pubblicazione dell’accordo siglato ad aprile a Palazzo Chigi con il premier Conte e il ministro Bussetti per velocizzare i Pas (percorsi di abilitazione), i concorsi straordinari, consentire la partecipazione dei dottori di ricerca all’abilitazione, aprire una fase contrattuale per tutti il personale della scuola. Il decreto era passato dal consiglio dei ministri il 6 agosto ma, con la sfiducia al governo, non è stato più pubblicato il 28 agosto sulla G.U.».

Ed ora?
«Ed ora, tutto lavoro inutile dopo aver lavorato per tanti mesi. Avremmo anche trovato soluzioni per i docenti cosiddetti “ingabbiati” cioè coloro che pur avendo altri titoli rimangono nella scuola primaria e non possono passare alla scuola superiore, o appartenenti ad altre classi di concorso che non possono avere la mobilità».

A Taranto, invece?
«La situazione locale è uguale a quella di altre province: tante cattedre da dare a supplenza, posti in deroga al sostegno. Con un’unica differenza: Taranto non ha graduatorie del tutto esaurite».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie