Sabato 20 Aprile 2019 | 09:04

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Tarantino
Ginosa Marina, chiosco e parcheggio senza autorizzazioni: sequestrato stabilimento balneare

Ginosa Marina, chiosco e parcheggio senza autorizzazioni: sequestrato stabilimento balneare

 
Cut Puglia 2019
Castellaneta Urban Trail: 4 e 5 maggio dedicati a sport, turismo e natura, per correre tra le bellezze joniche

Castellaneta Urban Trail: 4 e 5 maggio dedicati a sport, turismo e natura, per correre tra le bellezze joniche

 
In località Sabbione
Derturpata zona protetta dove vivono i fenicotteri: sequestri

Derturpata zona protetta dove vivono i fenicotteri: sequestri

 
Le dichiarazioni
Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

 
Le analisi
Studenti tarantini colti da malore a Firenze: è stato un virus

Studenti tarantini colti da malore a Firenze: è stato un virus

 
Il siderurgico
Ex Ilva, mons. Santoro: «Restano preoccupazioni per emissioni»

Ex Ilva, mons. Santoro: «Restano preoccupazioni per emissioni»

 
Lotta alla droga
Taranto, sorpreso con 100 grammi di cocaina: arrestato

Taranto, sorpreso con 100 grammi di cocaina: arrestato

 
Il provvedimento
Migranti, frode in servizi assistenza: 14 indagati a Taranto

Migranti, frode in servizi assistenza: 14 indagati a Taranto. La replica: nessun illecito

 
L'operazione dei cc
Rifiuti, sequestrato impianto compostaggio Aseco di Ginosa: 2 indagati

Rifiuti, sequestrato impianto Aseco di Ginosa: 2 indagati Aqp: «Non è un pericolo per la salute pubblica»

 
Erano in gita
Firenze, intossicazione alimentare: in ospedale 11 studenti di Taranto

Firenze, intossicazione alimentare: in ospedale 11 studenti di Taranto

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Neonato morto dopo parto in casa a Bari: indaga la Procura

Neonato morto dopo parto in casa a Bari: indaga la Procura

 
FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

L'operazione dei cc

Rifiuti, sequestrato impianto compostaggio Aseco di Ginosa: 2 indagati

Secondo l’accusa la società che gestisce l’impianto ha posto in essere diversi illeciti riconducibili a una gestione dei rifiuti non conforme alle prescrizioni dei provvedimenti autorizzativi e alla normativa di settore

rifiuti

TARANTO - L’impianto di compostaggio Aseco di Ginosa (Taranto), società del gruppo AqP controllata al 100% dalla Regione, che si occupa di recupero di materiali organici provenienti dalla frazione organica della raccolta differenziata e materiali bio compostabili, è stato sottoposto a sequestro preventivo con facoltà d’uso dai Carabinieri forestali delle Stazioni di Laterza e di Marina di Ginosa (Taranto).

Secondo l’accusa la società che gestisce l’impianto ha posto in essere diversi illeciti riconducibili a una gestione dei rifiuti non conforme alle prescrizioni dei provvedimenti autorizzativi e alla normativa di settore. Su disposizione del gip di Taranto sono stati apposti i sigilli all’intero stabilimento con conseguente inibizione del conferimento di ulteriori rifiuti. Contestualmente sono stati denunciati a piede libero l’amministratore Unico ed il responsabile tecnico per concorso nei reati di gestione illecita di rifiuti, scarico illecito dei reflui industriali, danneggiamento dei terreni agricoli e getto pericoloso di cose, quest’ultimo relativo alle emissioni maleodoranti.

I piazzali erano solo in parte impermeabilizzati, privi di rete di raccolta delle acque, e dunque si determinava lo sversamento di percolato verso i terreni agricoli confinanti, nonché il ristagno di liquami putrescenti e maleodoranti. In una nota la società Aseco si dichiara «serena dell’operato fino a oggi svolto come azienda pubblica, nel rispetto delle normative vigenti» ed «esprime massima fiducia nel lavoro della magistratura e assicura la più totale collaborazione, come di consueto, auspicando che tale vicenda si concluda nel minor tempo possibile». 

«Taranto sia liberata dai veleni. Sull'impianto di compostaggio Aseco di Marina di Ginosa, posto sotto sequestro con facoltà d’uso dai Carabinieri forestali, attendiamo con piena fiducia l’esito delle indagini in corso da parte della Procura. Per Cia Agricoltori Italiani Due Mari (Taranto-Brindisi), il bene primario e irrinunciabile da preservare è la salute dei cittadini e la salubrità dell’ambiente». Lo affermano Pietro De Padova, presidente e direttore provinciale di CIA Agricoltori Italiani, commentando la notizia del sequestro dell’impianto di compostaggio Aseco, società controllata da AQP per ipotesi di inquinamento ambientale e gestione illecita di rifiuti. «Noi - aggiungono - siamo dalla parte di cittadini, turisti, comitati spontanei e operatori economici del territorio di Ginosa e Castellaneta che hanno ampiamente espresso la loro preoccupazione, a partire da un dato, l’intenso e cattivo odore sprigionato dagli impianti». Secondo De Padova e Rubino «le attività dell’impianto Aseco non sono compatibili con la presenza, a ridosso della struttura di compostaggio, di insediamenti agricoli ad altra specializzazione, con produzioni di ortaggi e frutta di elevata qualità. Taranto ha bisogno di liberarsi il più in fretta possibile di situazione di reale o potenziale pericolo per la salute dei cittadini e lo sviluppo di un’agricoltura pienamente sostenibile dal punto di vista ambientale».

LA REPLICA DI AQP - «Le attività di Aseco nell’impianto di Marina di Ginosa non costituiscono un pericolo per la salute pubblica. Nessun indicatore lascia dubbi circa possibili danni arrecabili alla salute di uomini, animali, piante o altre risorse naturali». Lo afferma in una nota Acquedotto Pugliese (Aqp) in merito al sequestro dell’impianto di compostaggio Aseco, società controllata al 100% da Aqp, per ipotesi di inquinamento ambientale e gestione illecita di rifiuti.
«I rifiuti in ingresso all’impianto - prosegue la nota - sono costituiti dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani, nonché da legna e sfalci di potatura, oltre ad una residuale quantità di scarti agroalimentari. Si tratta, cioè, di rifiuti assolutamente naturali che, per definizione, non possono contenere materie inquinanti. Peraltro, si tratta di rifiuti conferiti esclusivamente da Amministrazioni Comunali Pugliesi». Il compostaggio, fa presente Aqp, «è ampiamente riconosciuto come il sistema virtuoso e biologico di chiusura del ciclo dei rifiuti organici. È rispettoso dell’ambiente e contribuisce al miglioramento delle condizioni ambientali del territorio. Rimane l’impegno dell’azienda a realizzare le opere prescritte dalla Regione Puglia, che contribuiranno al sostanziale miglioramento dell’impianto e non all’ampliamento della struttura».
I lavori, conclude Acquedotto pugliese, «sono finalizzati al miglioramento funzionale e consisteranno nella realizzazione di opere di copertura e confinamento delle parti attualmente scoperte. La struttura di compostaggio sarà, inoltre, dotata di un avanzato sistema di captazione e trattamento dell’aria con moderne strutture di filtrazione, in linea con quanto richiesto dall’Arpa Puglia. Il tutto a vantaggio del territorio e delle comunità servite.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400