Mercoledì 23 Settembre 2020 | 09:02

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Sport femminile
Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

 
Sport
Ruvo, il calcio a 5 parla pugliese. Bellarte è il nuovo Ct azzurro

Il calcio a 5 parla pugliese. Bellarte è il nuovo ct azzurro

 
Sport
Canoa, la 16enne barese Corsini (Barion) è campionessa di fondo agli assoluti

Canoa, la 16enne barese Corsini (Barion) è campionessa di fondo agli assoluti

 
L'INTERVISTA
Blengini: «Sappiamo costruire pallavolisti. l’Under 18 di Fanizza ha qualità tecniche»

Blengini: «Sappiamo costruire pallavolisti. l’Under 18 di Fanizza ha qualità tecniche»

 
Il caso
Bari, Aurelio De Laurentiis positivo al tampone per il covid

Bari, Aurelio De Laurentiis positivo al tampone per il covid, il figlio: «Nessun contatto dal 23 agosto»

 
SOLIDARIETÀ
Barletta Calcio devolve parte degli incassi a Unitalsi per progetti sul territorio

Barletta Calcio devolve parte degli incassi a Unitalsi per progetti sul territorio

 
Calciomercato
Lecce, è fatta per Paganini: ingaggiato l'ex Frosinone

Lecce, è fatta per Paganini: ingaggiato l'ex Frosinone

 
LA CONFESSIONE
«10mila euro in busta» così il Bitonto ha venduto la partita col Picerno»

«10mila euro in busta» così il Bitonto ha venduto la partita col Picerno

 
Volley
Pallavolo, Europei Under 18: l'esordio dell'Italia con la Turchia

Pallavolo, Europei Under 18: l'esordio dell'Italia con la Turchia

 
Calcio
Combine Bitonto Picerno, i legali del club pugliese impugneranno sanzione

Combine Bitonto Picerno, i legali del club pugliese impugneranno sanzione

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenza
Basilicata, a Carbone il sindaco «sconosciuto»: eletto con altri che nessuno ha mai visto. «Mi dimetterò»

Basilicata, a Carbone il sindaco «sconosciuto»: eletto con altri che nessuno ha mai visto. «Mi dimetterò»

 
BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

Atletica

Una barlettana pazza di maratone. Si chiama Angela Gargano e ne ha corse mille

La passione senza freni e il made in Puglia

Una barlettana pazza di maratone. Si chiama Gargano, ne ha corse mille

Barletta - Mille maratone. Avete letto bene. Mille volte 42 chilometri e 195 metri. A festeggiare questo incredibile traguardo la barlettana Angela Gargano. Una dolce signora con la volontà e la forza più dura del diamante. Taglierà questo speciale traguardo il prossimo 10 settembre in occasione del suo compleanno. Del resto non poteva che regalarsi dei chilometri. Tutto questo avverrà nella cornice dell'evento dell'Italian Ultra Marathon Festival in programma a Policoro (MT) dal 7 al 24 settembre 2020.

Allora pronta?
«Certamente nella pineta, a due passi dal mare, troverà compimento quanto sognato dal 1994, durante la mia prima maratona ad Acquaviva delle Fonti (Ba). Sarà bello, per tutti noi che amiamo la maratona, ritrovarci dopo tanta forzata inattività. Saremo circondati da atleti impegnati nelle 1000 miglia, 10 giorni, 100 km, 6 giorni, 48 ore e 100 miglia, le gare più dure della nostra disciplina».

Cosa ricordi?
«Era il 30 ottobre e non dimenticherò mai il calore della gente di Acquaviva delle Fonti. Sette giorni dopo, 6 novembre, chiudevo la maratona a New York».

Perché 1000 maratone?
«Non avrei mai immaginato di correrne tante. Nel 1997 ne ho corse 27. La rivista “Correre” pubblicò una classifica in cui risultavo la prima donna in Italia per maratone concluse in un anno. Nel 2001, una maratoneta di Bolzano ne corse 40. Nel 2002, per riprendermi il titolo, ne programmai 50, ma già a metà anno le avevo realizzate e giacchè c’ero, mi proposi per fine anno di farne 100, un po’ per non farmi più raggiungere, un po’ perché era eccitante un numero così “tondo”. Per averne portate in porto 100 in un anno solare, il mio nome risulta inscritto nel Guinness World Records. Con il raggiungimento dell’altro numero tondo di 500, credevo di aver chiuso la partita. Poiché stavo bene, il numero 1000 m’è sembrato a portata di mano, e il 10 settembre, giorno del mio compleanno, spero di concretizzarlo».

Quanto è importante tuo marito Michele accanto a te?
«Una donna da sola, anche se emancipata, non poteva intraprendere una simile straordinaria esperienza, avventurandosi in luoghi sconosciuti e rischiosi. Ho corso con le mie gambe, ma con me c’era sempre mio marito Michele. Ha iniziato a correre prima di me. lui mi ha iniziarmi alla corsa».

Cosa fa scoprire la corsa?
«Ha fatto scoprire in me qualità che pensavo di non avere. Soprattutto nelle ultramaratone, le crisi prima o dopo arrivano. Mi ha stupito la determinazione con la quale le ho superate. Ha migliorato il concetto che avevo di me, accrescendo l’autostima. Nei corridori ho apprezzato l’altruismo: nelle difficoltà ci si aiuta a vicenda».

Che cosa significa correre?
«Significa movimento, e il movimento è la vita. Quando si corre, la fatica è molta, ma nel tagliare il traguardo anche la felicità è molta. Non è la felicità lo scopo della vita? E correre una maratona? All’inizio della mia attività sportiva, era una grande prova di fatica. Quando poi mi sono data alla 100 km, alla 24 Ore, alla 6 Giorni e alla 10 giorni, mi è parsa una piccola fatica».

In quante nazioni hai corso?
«Tante e nei cinque i continenti».

La più bella e più brutta?
«Senz’altro Roma. Un tuffo in secoli di storia. La più brutta Milano alla prima edizione del 2000. Ci insultarono lungo tutto il percorso. Ora, però, ci tollerano».

Quanto la corsa fa crescere e attrae turismo?
«In gara ho corso circa 53.000 km. Tutti chilometri belli. Una vita di corsa. Ho attraversato città d’arte, e vi assicuro sono tutt’altra cosa liberate dalla confusione del traffico automobilistico. Ho corso lungo i mari, sugli argini dei fiumi, attorno a laghi. Ho fatto amicizie. Sono diventata cittadina del mondo. Ciò che mi ha spinto ad imbarcarmi in quest’avventura non è stato certamente il sudore ma il desiderio di vedere, conoscere, sapere, imparare. Lo sforzo fisico è stato il prezzo pagato per un arricchimento senza pari. E’ vero che nel mio vagabondare ho molto imparato e conosciuto, ma ho fatto anche conoscere la mia città nei luoghi più impensabili».

Insomma Angela Gargano è la dimostrazione umana di quanto sia vero l’aforisma dell’immenso Emil Zatopek: «Se vuoi correre un miglio, corri un miglio. Se vuoi vivere un'altra vita, corri una maratona».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie