Martedì 29 Settembre 2020 | 03:14

NEWS DALLA SEZIONE

Il match
Bari calcio, in 21 convocati per sfidare il Francavilla

Bari calcio, in 21 convocati per sfidare il Francavilla

 
La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Sport femminile
Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

Motta Montecorvino, Giro d'Italia donne un grande successo

 
Sport
Ruvo, il calcio a 5 parla pugliese. Bellarte è il nuovo Ct azzurro

Il calcio a 5 parla pugliese. Bellarte è il nuovo ct azzurro

 
Sport
Canoa, la 16enne barese Corsini (Barion) è campionessa di fondo agli assoluti

Canoa, la 16enne barese Corsini (Barion) è campionessa di fondo agli assoluti

 
L'INTERVISTA
Blengini: «Sappiamo costruire pallavolisti. l’Under 18 di Fanizza ha qualità tecniche»

Blengini: «Sappiamo costruire pallavolisti. l’Under 18 di Fanizza ha qualità tecniche»

 
Il caso
Bari, Aurelio De Laurentiis positivo al tampone per il covid

Bari, Aurelio De Laurentiis positivo al tampone per il covid, il figlio: «Nessun contatto dal 23 agosto»

 
SOLIDARIETÀ
Barletta Calcio devolve parte degli incassi a Unitalsi per progetti sul territorio

Barletta Calcio devolve parte degli incassi a Unitalsi per progetti sul territorio

 
Calciomercato
Lecce, è fatta per Paganini: ingaggiato l'ex Frosinone

Lecce, è fatta per Paganini: ingaggiato l'ex Frosinone

 
LA CONFESSIONE
«10mila euro in busta» così il Bitonto ha venduto la partita col Picerno»

«10mila euro in busta» così il Bitonto ha venduto la partita col Picerno

 
Volley
Pallavolo, Europei Under 18: l'esordio dell'Italia con la Turchia

Pallavolo, Europei Under 18: l'esordio dell'Italia con la Turchia

 

Il Biancorosso

Post-partita
Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLe indagini
Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

 
MateraIn tribunale
Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

 
BariIl sindaco
Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

 
FoggiaCoronavirus
Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

 
PotenzaIn ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
BatIl caso
Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

 
BrindisiIl caso
Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

 

i più letti

NUOTO

De Tullio, la stella barese del nuoto sogna già le Olimpiadi

Marco De Tullio, 19 anni e il sogno olimpico che prende forma: nei 400 stile ha un tempo già sotto il limite olimpico. Al ritorno in vasca dopo il lockdown sorride. Ma la sfida è lunga

La stella barese del nuoto sogna già le Olimpiadi

Argento al trofeo internazionale «Sette Colli» dietro al suo amico e compagno di allenamenti Gabriele Detti. Vice campione assoluto sulla sua distanza preferita, i 400 stile, in cui si piazzò quinto un anno fa ai Mondiali in Corea. E soprattutto un crono (3.44.94) che è già sotto il limite per Tokyo. Il ritorno in vasca dopo il lockdown sorride a Marco De Tullio. Il I9enne barese allenato da Stefano Morini e tesserato per Fiamme Oro e Sport Project di Bari (la squadra in cui è cresciuto agli ordini di Daniele Borace) ha fatto vedere buone cose nella vasca dello Stadio del nuoto di Roma, dove è in scena fino a stasera il meglio del nuoto di casa nostra.

De Tullio, un 400 stile fatto quasi tutto «spalla a spalla» con Detti?

«Non proprio, io ero un po’ più dietro, però è andata bene. Due settimane fa tra le mie note mi ero appuntato un tempo da fare e quello che ho segnato è più o meno quello che immaginavo».

Com’è stato tornare a tuffarsi in gara?

«Molto emozionante. Sentivamo la mancanza delle competizioni. Forse per questo io e Gabriele ci siamo lasciati un po’ prendere. Abbiamo sbagliato l’impostazione di tutta la gara, i primi 200 siamo andati molto forte (alla fine Detti ha chiuso segnando il record della manifestazione, ndr). Gareggiare senza pubblico è strano, è stata un’atmosfera molto diversa da quella dei Mondiali in Corea del 2019. Credo che se gli spalti fossero stati pieni avremmo fatto un tempo anche migliore, il pubblico ti trascina, trasmette carica».

Lei e Detti tirate a vicenda?

«Più che altro sono io che cerco di aggrapparmi a lui. In allenamento è molto difficile stargli dietro, ma in gara mi sono sentito pronto, stavo bene ed è stato un po’ meno dura del solito provare a stare nella sua scia. Mi interessava fare un tempo che fosse sotto il limite per Tokyo».

E ci siamo

«Sì, ci siamo ed è molto importante. Anche se è presto».

Manca ancora tanto per poter stare tranquilli?

«Mai stare tranquilli anche perché poi c’è il rischio di non allenarsi bene. Ovviamente stare sotto il tempo limite consente di guardare con fiducia al prossimo anno. Ma all’Olimpiade vanno solo i primi due».

E ci siamo anche in questo caso. Lei è subito dietro Detti

«Sì ci siamo, ma ci devo restare».

Suo fratello Luca nei 400 stile ha segnato il personale nelle gare del mattino. Commento?

«Ha fatto meno di quanto facevo io alla sua età. Deve crescere ancora, però. Ho parlato anche con Christian Minotti (l’allenatore di Simona Quadarella con cui Luca, il più piccolo dei De Tullio si allena al Circolo Canottieri Aniene da poco più di un mese, ndr) e mi ha detto che si sta comportando bene. Mi fido molto di lui, se ha detto così vuol dire che è vero. All’Aniene Luca si sta trovando a suo agio. Mi dispiace solo che non possiamo allenarci insieme. Al momento le nostre strade sono diverse, ma chissà che un giorno non capitiamo nella stessa corsia».

La «preoccupa» questa crescita di Luca sui 400 stile?

Ride. «Io preferirei che Minotti lo allenasse per i 400 misti. Scherzi a parte, mi farebbe piacere se mi superasse un giorno, ma un giorno molto lontano, magari».

Dopo i 400 si è avvicinato a lei Fabrizio Antonelli, l’allenatore che ha portato via da Ostia Paltrinieri e il lucano Acerenza. Cosa le ha detto?

«Più che altro abbiamo parlato di Greg. Abbiamo stretto quando lui è venuto a Ostia prima della quarantena, da allora scherziamo spesso».

Ma Stefano Morini si ingelosisce se la vede parlare con Antonelli?

Ride di nuovo. «Sì, subito».

Ma possiamo dire al «Moro» di stare tranquillo?

«Certo, i miei risultati lo dimostrano. Per me al momento il migliore è lui».

Dopo il «Sette Colli» che si fa?

«Vacanze cortissime. Torno in Puglia per qualche giorno, poi rientro a Roma per iniziare una stagione difficile che non sappiamo ancora quali e quante gare avrà, ma che speriamo sia lunga».

Fino alla virata finale. Verso Tokyo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie