Mercoledì 10 Agosto 2022 | 10:03

In Puglia e Basilicata

assoluti

Nuoto, Pilato e Di Liddo reginette dei 100 rana e farfalla

Nuoto, Pilato e Di Liddo reginette dei 100 rana e farfalla

Niente pass olimpico per la biscegliese: riproverà a marzo

14 Dicembre 2019

Mino Dell'Orco

Pronostici rispettati. Benedetta Pilato e Elena Di Liddo si confermano indiscusse regine dei 50 rana e dei 100 farfalla in ambito nazionale primeggiano nei campionati assoluti invernali che chiudono i battenti oggi allo Stadio del Nuoto di Riccione.
La quindicenne enfant prodige tarantina domina la prova dei 50 rana con il ragguardevole tempo di 30”08, battendo le due quotate azzurre Carraro Castiglioni. Nonostante la stanchezza dovuta agli Europei in vasca corta della scorsa settimana, la tarantina ha dato il meglio e vinto alla grande con una prestazione sopra le righe.

Già medaglia d’argento nella stessa gara agli Europei in vasca corta di domenica scorsa a Glasgow, la 26enne biscegliese Di Liddo sale sul gradino più alto del podio della rassegna tricolore spuntandola nell’avvincente duello con Ilaria Bianchi. Transitata al passaggio di metà gara con un ritardo di appena 4 centesimi rispetto all’eterna rivale, Di Liddo (portacolori del CS Carabinieri e del CC Aniene) assume il comando subito dopo la virata e si aggiudica l’ennesimo titolo italiano in carriera con un’autorevole progressione toccando la piastra in 57”84 dinanzi alla Bianchi (58”18), mentre in terza posizione si piazza Claudia Tarzia (59”50).

L’atleta allenata da Raffaele Girardi presso la Netium di Giovinazzo non si lascia sfuggire l’oro, ma deve rimandare l’appuntamento con la qualificazione a Tokio 2020. « Il pass olimpico? In effetti il limite in questo primo tentativo (57”19) era decisamente severo, adesso sono pronta a ricaricare le batterie ed a prepararmi con determinazione per l’assalto ai campionati assoluti primaverili di metà marzo, dove sarà necessario un crono di 57”59 per centrare l’obiettivo».
Oltre al successo nei 100 farfalla, Di Liddo ha ottenuto l’argento sulla distanza dimezzata alle spalle di Silvia Di Pietro. Per i colori pugliesi brillante secondo posto anche per il barese Marco De Tullio (Fiamme Oro/Sport Project), bravo ad insidiare il più esperto Gabriele Detti fino all’ultima bracciata sui 400 stile libero

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725