Venerdì 20 Settembre 2019 | 09:27

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Fantantonio Cassano riparte «studiando» da direttore sportivo

Fantantonio Cassano riparte «studiando» da direttore sportivo

 
Calcio
Nocerina-Foggia, scontri tra gli ultras prima della partita: due feriti

Nocerina-Foggia, scontri tra gli ultras prima della partita: due feriti

 
La cerimonia
Roma, i big del nuoto pugliese alla corte di Mattarella

Roma, i big del nuoto pugliese alla corte di Mattarella

 
Unico pugliese
A nuoto da Capri a Napoli, l'impresa del 18enne nocese Stefano Perta

A nuoto da Capri a Napoli, l'impresa del 18enne nocese Stefano Perta

 
Basket
La perduta generazione Nba aspettando il Real Spagnolo

La perduta generazione Nba aspettando il Real Spagnolo

 
Il caso
Via del Mare, amichevole Lecce-Cosenza 2-1: primo gol di Babacar

Via del Mare, amichevole Lecce-Cosenza 2-1: primo gol di Babacar

 
Dopo l'oro dell'under 19
Volley, parla Fanizza: «I miei azzurrini pronti per la pallavolo di alto livello»

Volley, parla Fanizza: «I miei azzurrini pronti per la pallavolo di alto livello»

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

La curiosità

Gioia, ecco Camasta e Verna, coppia di maratoneti: una vita d’amore in corsa

Sposati da 33 anni, inseparabili specialisti in ultramaratone

Gioia, ecco Camasta e Verna, coppia di maratoneti: una vita d’amore in corsa

BARI - Si allenano insieme e gareggiano insieme sui traguardi di mezzo mondo, mano nella mano, in imprese che possono sembrare impossibili alla maggior parte, ma che per loro sono solo un altro obiettivo da affrontare. Anche perché, si sa, l’amore vince tutto.

Lui è Giovanni Camasta, anni 59, lei è Mina Verna, anni 56, e sono sposati da 33 anni. Marito e moglie non solo nella vita di tutti i giorni, ma anche nella corsa. I due, che vivono a Gioia del Colle e sono tesserati per la Gioia Running, sono reduci dalla 100 km del Passatore, l’ultramaratona più famosa e più importante del mondo che da Firenze arriva a Faenza. Giovanni (categoria SM55) ha chiuso in 15 ore e 19 minuti, Mina (SF55) in 16 e 30. Ci ha messo un’ora in più, ma gran parte della corsa l’ha affrontata con suo marito, come spesso accade: «Quando però ho capito che ce l’avrebbe fatta e avrei potuto lasciarla tranquilla, ho allungato - spiega Giovanni -. Non l’ho abbandonata, non lo farei mai, ma sapevo che ormai ce l’avrebbe fatta senza problemi».

Alla 100 km del Passatore, Mina si è presentata da matricola anche se nelle gambe ha già diverse ultramaratone da 6 ore e maratone (quest’anno ha anche vinto il tricolore di categoria al campionato italiano 30 miglia di Corato). Per Giovanni invece è stata la terza volta. Il sogno è arrivare a cinque per ottenere il «Piatto del Passatore», il trofeo con cui vengono premiati coloro che hanno concluso 5 edizioni della corsa. Per poter correre una gara del genere non ci vuole solo una preparazione fisica meticolosa, ma bisogna essere anche mentalmente predisposti. Non a caso, svelano i due, l’ultima settimana che precede la gara è dedicata a una sorta di training autogeno. Si corre con le gambe infatti, ma se non c’è la mente è finita. Mina e Giovanni si allenano sempre e solo insieme. Per arrivare pronti a Firenze ci hanno messo 5 mesi. Oltre alle corse in settimana (4 sedute in media) hanno partecipato a 3 maratone e due sei ore. In un anno mettono nelle gambe 30 gare del genere. «Quando si corre da amatori bisogna trovare sempre nuovi stimoli - spiegano - le gare da 10 km non ci appassionavano più, per questo abbiamo deciso di spingerci su distanze più lunghe, anche se non è facile».

Trovano determinazione proprio nel sostegno che si danno l’un l’altra. Camasta è pensionato, mentre Mina è infermiera professionale all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII. Hanno due figli che li guardano con ammirazione prima ancora che con stupore. Perché una coppia così può solo essere da esempio. Un esempio di amore e di passione. E di condivisione. Se Mina si attarda, Giovanni l’aspetta e viceversa. Fedeli sempre, nella gioia e nel dolore. Prossimo appuntamento di rilievo sarà la maratona di Berlino a settembre, oltre ad altre ultramaratone del circondario. Poi l’anno prossimo voleranno a New York per festeggiare i 60 anni di Giovanni sulle strade della gara più famosa del mondo. Quale miglior regalo per una coppia che ha sempre vissuto il suo amore di corsa! Sulla stessa strada di vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie