Venerdì 22 Gennaio 2021 | 05:11

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

 
questa mattina
Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

 
L'iniziativa
Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

 
solidarietà
Foggia, Esercito impegnato nel sociale: gli artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

Foggia, Esercito impegnato nel sociale: artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

 
La novità
Aeronautica, a Galatina arrivano i primi due velivoli T-345A

Aeronautica, a Galatina arrivano i primi due velivoli T-345A

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

L'ANALISI

Grande gioco, sale la tensione in Medio Oriente
Israele-Iran si affrontano a viso aperto in Siria

Scontro tra le due potenze regionali sotto gli occhi di Stati Uniti e Russia

Grande gioco, sale la tensione in Medio OrienteIsraele-Iran si affrontano a viso aperto in Siria

Il Grande gioco in Medio Oriente diventa sempre più rovente. E coinvolge direttamente o indirettamente una serie di protagonisti locali e stranieri, inclusi Russia e Stati Uniti. Forse, l'annunciato ritiro Usa dalla Siria ha accelerato la dinamica del conflitto e alterato i precari equilibri regionali. Le schermaglie tra Iran e Israele, per alcuni spetti senza precedenti, evidenziano come i nodi dello contro tra i due giganti regionali siano venendo al pettine. Anche perché per la seconda volta in pochi giorni le truppe americane nel Nord e nell'Est della Siria sono state colpite da attentati suicidi. Nell'ultimo sono morti cinque miliziani curdi e sono rimasti feriti due americani. Nell'attentato precedente eran stati quattro gli americani uccisi.

Per i raid aerei, invece, Israele ha ammesso subito in maniera ufficiale la paternità dei bombardamenti contro depositi iraniani di armi vicino Damasco. Diverse ore dopo missili di fabbricazione iraniane sono stati lanciati dal territorio siriano verso le alture del Golan. Israele ha esplicitamente avvisato l'Iran e il suo alleato russo, radicato nel conflitto a fianco del governo di Damasco, di essere pronto a colpire duramente e ripetutamente ogni "trinceramento " dell'Iran nella Siria occidentale. L'Iran ha dal canto suo rispetto tramite la Siria, ma non con una reazione immediata della contraerea per abbattere i missili nemici, bensì lanciando diverse ore dopo altri missili indirizzati a obiettivi israeliani. Il comandante dell'aeronautica di Teheran, generale Aziz Nasirzadeh ha dichiarato che l'Iran è "impaziente di combattere il regime sionista", cioè Israele, ed "eliminarlo dalla Terra". Le giovani generazioni iraniane si stanno addestrando per "il giorno promesso", ha aggiunto il generale, riferendosi evidentemente ad un presunto scontro aperto con Israele. "Assicuriamo il popolo iraniano - ha aggiunto Nasirzadeh - che siamo pronti a rispondere ad ogni minaccia e che i nemici non oseranno invadere il territorio dell'Iran". Poche ore prima del raid israeliano, Damasco era stata scossa da un attentato dinamitardo contro una sede dei servizi di sicurezza, apparentemente senza vittime. Ma a Damasco non escludono che ci sia un collegamento tra l'attentato e i raid di Israele. E il leader degli Hezbollah libanesi, Hasan Nasrallah, tornerà a mostrarsi in video dopo una insolita assenza mediatica di quasi tre mesi, che aveva spinto media arabi e israeliani a ipotizzare che il capo del Partito di Dio filo-iraniano fosse malato e non in grado di guidare il movimento armato.

E nell'Est del paese le forze curdo-siriane, sostenute dalla coalizione anti Isis a guida Usa, sono avanzate nell'ultima sacca di territorio ancora in mano a circa 500 irriducibili jahadisti. Questi rimangono asserragliati in un fazzoletto di terra continuamente sposto a raid aerei americani a Est dell'Eufrate. Mentre nel Nord, la Turchia continua a premere sugli Stati Uniti perché cedano loro il controllo militare dell'enclave di Manbij, tra Aleppo e l'Eufrate. Proprio lì, dove pochi giorni fa è stato compiuto un attentato contro soldati americani, ci sono la polizia militare russa a sostegno della forze governative, forze turche in appoggio a ascari arabo-siriani e milizie curdo-siriane ora più vicine a Mosca che a Washington.

Nel Nord-Ovest del Paese, infine, l'ala siriana di Al Qaida ha preso il potere di quasi tutta la regione Nord-Occidentale di Idib, dove la Turchia ha un'influenza diretta. Ma Ankara non sembra quasi interessata a fermare l'avanzata dei adisti, anche se la loro predominanza ora rischia di esporre Idib a una campagna "antiterrorismo" portata da Damasco e da Mosca.   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie