Sabato 16 Febbraio 2019 | 05:19

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 
Verso il voto
Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

Basilicata, c'è un astronomo in corsa per la Regione

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Il processo sull'ex Fenice

Inceneritore di Melfi
nessun disastro: tutti assolti

Condannato a tre anni solo l'ex dg Arpab Sigilito per alcune assunzioni (falso ideologico, abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio)

Inceneritore di Melfinessun disastro: tutti assolti

Non fu disastro ambientale. A quattro anni di distanza dall’avvio delle indagini da parte degli inquirenti, si chiude con l’assoluzione di tutti gli imputati accusati di disastro ambientale il processo di primo grado sull’inceneritore ex Fenice di Melfi e sul presunto inquinamento delle falde acquifere al di sotto dell’impianto. Assolti perché il fatto non sussiste Vincenzo Sigillito e Bruno Bove, ex direttore generale ed ex vice direttore dell’Arpab, Ferruccio Frittella e Francesco Pesce, ex funzionari dell’Agenzia regionale di protezione dell’ambiente, Mirco Maritano, Giovanni De Paoli, Giorgina Negro, Norberto Zambellini e Vincenzo Grassia, tutti ex responsabili della società che gestiva l’impianto.

Ma nel filone dell’inchiesta, partita nel 2011, erano finite anche diverse assunzioni all’interno dell’Arpab, sulla scia dell’ipotesi di favoritismi. Il collegio del tribunale di Potenza ha condannato a una pena complessiva di tre anni l’ex direttore generale, Sigillito, per falso ideologico, abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio. In particolare, Sigillito è stato condannato a due anni e sei mesi per i reati di falso e abuso d’ufficio, e a sei mesi per rivelazione di segreti d’ufficio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400