Martedì 19 Marzo 2019 | 18:20

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

lavoro

Stop produzione
in presidio a Potenza
operai Italtractor

operai Italtractor

foto d'archivio

POTENZA - Gli operai dell’Italtractor di Potenza - azienda del gruppo Titan che produce componenti per macchinari, in cui lavorano circa 300 persone - hanno organizzato un presidio davanti allo stabilimento del capoluogo lucano, per protestare contro «la decisione del gruppo di sospendere la produzione per mancanza di materie prime».
Secondo quanto spiegato dai sindacati, nei mesi scorsi si sono svolti alcuni incontri che riguardano i premi di produzione: l’azienda ha vissuto un periodo di crisi negli scorsi mesi - ha detto Emanuele De Nicola, della segreteria regionale Fiom-Cgil - e gli operai «con senso di responsabilità hanno fatto il possibile per sostenere l’azienda, anche tagliando parte dei premi di produzione, in un periodo di contratti di solidarietà durato cinque anni e terminato lo scorso novembre».
La decisione del gruppo «è una sorta di provocazione - ha aggiunto De Nicola - perché gli incontri sui premi sono in una fase di stallo, e hanno deciso di imporre ferie collettive ai dipendenti nonostante ci siano le materie prime per continuare a lavorare: per questo motivo abbiamo deciso di organizzare il presidio, e decideremo nelle prossime ore le iniziative da mettere in campo se il gruppo non ritira le sue decisioni». In Italia gli operai del gruppo sono complessivamente circa 500, con stabilimenti anche nelle province di Bologna, Modena e Frosinone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400