Giovedì 21 Febbraio 2019 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Venosa

Il sindaco blocca il bicchiere
alcolici vietati dopo le ore 23

Contro gli schiamazzi notturni e atti di vandalismo nel centro storico

Il sindaco blocca il bicchiere  alcolici vietati dopo le ore 23

di Francesco Russo

VENOSA - Mano dura del sindaco Tommaso Gammone per fronteggiare il fenomeno degli schiamazzi nel centro storico durante le ore notturne. Il primo cittadino di Venosa ha emanato due ordinanze: la prima, che vieta agli esercenti la somministrazione di bevande alcoliche da asporto «dalle 23 fino alle 6 del giorno successivo, nel periodo dal 15 dicembre fino al 15 gennaio prossimo, con la sola eccezione della notte di San Silvestro».

La seconda, che prevede il divieto di assembramento di persone nei vicoli delle aree limitrofe a piazza Castello. Immediata, la reazione di alcuni esercenti di bar e locali del centro storico, che hanno incontrato lo stesso sindaco Gammone per lamentare il danno economico che l’ordinanza provocherebbe in un periodo, quello natalizio, caratterizzato solitamente da un incasso maggiore rispetto a quello degli altri mesi invernali. «Sono intervenuto - dice Gammone - dopo le proteste dei residenti, che ci segnalano continuamente il problema degli schiamazzi, di bottiglie vuote sparse ovunque, di episodi di vandalismo, di casi di persone che imbrattano di urina gli angoli del centro storico. Per questo motivo - continua - ho vietato, nel periodo di crescita della movida, la vendita di bevande alcoliche da asporto a Venosa dalle 23 fino alle 6.

Gli esercenti, però - mette in chiaro - all’interno dei propri locali potranno continuare a somministrare alcolici fino all’una di notte. Ma non potranno vendere - ribadisce - bevande da consumare all’esterno». Il sindaco, nell’ordinanza, specifica che «negli ultimi tempi si registra nelle vie della città di Venosa, in particolare nelle ore notturne, l’eccessivo consumo di bevande alcoliche da parte di giovani, anche minori di sedici anni, che porta all’inevitabile conseguenza del manifestarsi di schiamazzi, tali da turbare la quiete pubblica, comportamenti violenti ed episodi di teppismo». «Due anni fa - aggiunge Gammone - avevo consigliato agli esercenti di prendere contromisure, magari rivolgendosi ad un servizio di vigilanza come deterrente. Non hanno seguito il mio suggerimento e sono stato costretto ad intervenire, emanando anche un’ordinanza per vietare l’assembramento di gente nei vicoli delle aree limitrofe a piazza Castello».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400