Martedì 26 Gennaio 2021 | 04:36

NEWS DALLA SEZIONE

maltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
L'emergenza
Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

Potenza, ripresa scuola: «Rielaborare trasporto pubblico»

 
Nel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
Il bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
Il caso
Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

Basilicata, assessore di Forza Italia attacca FdI e si dimette

 
Il caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

L'episodio 2 anni fa

Potenza, tentò di violentare una 20enne al parco, nigeriano a processo

La vittima, stava aspettando il fidanzatino nel parco di Santa Maria

Potenza, tentò di violentare una 20enne al parco, nigeriano a processo

foto Tony Vece

Da sola in villa ad aspettare il fidanzato per non ritirarsi a casa da sola. A un certo punto si avvicina un uomo, la inizia a palpeggiare, la afferra per un seno, le prende i fianchi e le dice: «Seguimi a casa mia», trattenendola, anzi strattonandola, per un braccio, senza fermarsi di fronte alla reazione i lei.

È una scena da incubo quella descritta ieri da una ventenne di Potenza, una scena che si sarebbe verificata la sera del 22 giugno di due anni fa, intorno alle 22, nella villa di Santa Maria a Potenza. Un posto sufficientemente centrale nella città, ma a quell’ora poco frequentato e, cosa che deve far riflettere anche al di là dell’aspetto giudiziario, «anche quando è passato qualcuno - ha raccontato la vittima - nessuno è intervenuto, come se non esistessi».
Per fortuna di lì a qualche istante è arrivato il ragazzo, vedendo la scena ha lasciato l’auto in mezzo alla strada ed è corso gridando, mentre l’aggressore si sarebbe allontanato fino a quando, di lì a poco, grazie alla descrizione della ragazza, polizia e Carabinieri non lo hanno rintracciato.

Così, ieri in aula, sul banco degli imputati, riconosciuto dalla vittima come l’aggressore di quell’episodio, c’era Sunday Promise, 31 anni, (difeso dall’avv. Ameriga Petrucci) richiedente asilo nigeriano, già arrestato lo scorso gennaio nell’ambito di un’operazione contro lo spaccio di sostanze stupefacenti e oggi ancora detenuto.

Ma il racconto della ragazza e quello del suo fidanzatino, ieri, hanno ripercorso un episodio, ovviamente da verificare, ma tutt’altro che marginale. «Ero uscita con le mie amiche - ha detto la giovane - e poi ero risposta ad aspettare il mio ragazzo per farmi accompagnare a casa. Ero seduta su un muretto e stavo ascoltando la musica con le cuffie nelle orecchie. Questo ragazzo mi è passato davanti e ha iniziato a dirmi “vieni a casa mia vieni con me”. Ha cominciato a strattonarmi per il braccio, a palpeggiarmi il seno a graffiarmi sul torace. Io cercavo di liberarmi e allontanarlo, lui continuava a tirarmi per il braccio. Toccava il seno e i fianchi. Io non riuscivo nemmeno a respirare gli ho detto di andare via, che non volevo, gridando», ma lui avrebbe continuato fino all’arrivo del ragazzo.

«Ho visto questo ragazzo di colore che la tratteneva per un braccio e la tirava verso di sé. Ho fermato l’auto ho iniziato a correre gridando “che fai” e lui se ne è andato facendomi gestacci. Lo abbiamo visto allontanarsi verso San Rocco mentre la mia ragazza piangeva e aveva paura». «Sono stata aiutata dal mio fidanzato a salire in auto perché tremavo ed ero molto scossa. Poi abbiamo chiamato la polizia, che subito ci ha raggiunto e dopo un po’ sono arrivati i carabinieri con questa persona». Lo avevano rintracciato a via Cavour, individuandolo in particolare per la maglietta di tipo militare con cui la ragazza lo aveva descritto. Pericolo scampato. Ma al tempo stesso sfuma la serenità di una passeggiata in villa in una sera d’estate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie