Martedì 22 Gennaio 2019 | 02:46

NEWS DALLA SEZIONE

Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 

Salute

Ricerca Unibas scopre molecola che attacca cellule tumorali

La società Tnc Killers ha dimostrato l'efficacia contro i tumori al seno

Ricerca Unibas scopre molecola che attacca cellule tumorali

È una scoperta che potrebbe rivoluzionare il sistema della cura dei tumori. Arriva dalla Basilicata ed è frutto di un lavoro portato avanti da un gruppo di ricerca dell’Università di Basilicata, confluito in una Srl (società a responsabilità limitata), il cui nome condensa la «mission» della società stessa: Tnc Killers, dall’acronimo «Triplo Negativo» al termine inglese che significa «assassini». L’obiettivo è proprio quello di uccidere le cellule responsabili dei tumori solidi, con particolare attenzione al carcinoma mammario «Triplo Negativo», il più aggressivo, quello che colpisce soprattutto le donne giovani.
start up Reduce dal successo nella Start Cup Basilicata dello scorso anno - la business plan competition promossa dalla Regione con il supporto operativo di Sviluppo Basilicata, la collaborazione di T3 Innovation e la partnership della Banca Popolare di Bari - Tnc Killers è stata la prima start up a entrare nell’incubatore di impresa della Basilicata (si veda nella scheda in basso) e oggi è una società presieduta da Carmela Saturnino, docente al corso di Farmacia dell’ateneo lucano. Il team è composto da Giovanni Salzano, Luana Calabrone, Roberto Vassallo, Faustino Bisaccia e Maria Grazia Bonomo.
attività Al centro della ricerca ci sono molecole che, applicate direttamente sull’organo malato, attaccano le cellule tumorali distruggendole. «Abbiamo verificato - spiega Saturnino - che il sistema funziona bene già a basse concentrazioni e rispetto al farmaco utilizzato in questo tipo di patologia, la Doxorubicina, non è cardiotossico. Abbiamo inglobato la sostanza in una membrana biocompatibile in modo che possa essere applicata direttamente sul tumore. I test sui topi hanno dato esito positivo». Dopo 12 giorni dall’applicazione, infatti, è stato verificato che il cancro regredisce: «A quel punto - aggiunge Saturnino - la membrana deve essere rimossa, perché non è assorbibile. Ma si sta già pensando a soluzioni che eviterebbero una nuova incisione. Ad oggi la nostra è l’unica soluzione esistente che può curare la malattia senza toccare le cellule, evitando così la mastectomia (asportazione del seno). Questa scoperta scientifica - aggiunge la presidente di Tnc Killers - ci ha permesso di depositare due brevetti, uno nazionale e l’altro internazionale».
ambito L’attenzione è focalizzata sul tumore alla mammella, ma la scoperta scientifica può ampliare il suo raggio d’azione: «Abbiamo provato anche applicazioni al pancreas e ad altri organi. Stiamo, inoltre, modificando la struttura delle molecole per renderle solubili, perché ove mai nella paziente ci fossero delle metastasi, potremmo metterle in circolo, con sistemi di trasporto compatibili con i liquidi del corpo, e intervenire per bloccarle».
Il tumore «Triplo Negativo» è una malattia che colpisce principalmente le giovani donne con estrogeni attivi. Oggi, come dicevamo, non c’è alternativa all’asportazione del seno che soprattutto per una ragazza è un’operazione invalidante con ripercussioni psicologiche. La scoperta può costituire davvero un’arma in più nella lotta al cancro.
mercatoMa dopo i test di laboratorio condotti direttamente dalla Tnc Killers ora è necessario l’intervento di una casa farmaceutica per delle prove su ampia scala. «Sì - conferma Saturnino - chiediamo alle case farmaceutiche di completare lo studio per testare le molecole su più animali. Ci vogliono mediamente dieci anni per completare l’iter di un nuovo farmaco prima di farlo entrare in commercio». Un primo contatto è stato già attivato con una multinazionale e il team di Tnc Killers è in attesa di poter illustrare la scoperta attraverso grafici e relazioni.
Insomma, la ricerca «made in Basilicata», con tutti i limiti legati a finanziamenti sempre più risicati e a oggettive difficoltà di natura logistica, può davvero centrare un grande traguardo sul fronte scientifico. Ambizione che è alla base della volontà di tradurre in impresa la scoperta della molecola: «Il nostro spirito imprenditoriale - sottolinea Saturnino - è stato acceso dalla partecipazione alla Start Cup Basilicata. Ogni fase a cui eravamo ammessi ci dava una spinta in più. Abbiamo avuto anche l’opportunità di acquisire le competenze di base per lo sviluppo di un business plan e ci siamo resi conto che la nostra scoperta scientifica, per generare valore sociale, doveva essere più visibile e uscire dal laboratorio. Siamo così arrivati sul podio della competition e il premio vinto ci ha permesso di sostenere la spese per la farmacocinetica della molecola e per avviare l’iter di deposito brevettuale. E dal mese di marzo scorso siamo una Srl, spin-off dell’Università degli Studi della Basilicata. Proseguiremo - conclude Saturnino - con la nostra attività di ricerca e, nello stesso tempo, cercheremo di chiudere accordi con le case farmaceutiche, l’unico canale che può garantire l’applicazione della nostra scoperte sul mercato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400