Venerdì 19 Aprile 2019 | 17:03

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, il Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto. La squadra fa ricorso

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 
Stalking
Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

 
La terra trema
Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 
Neo governatore
Regione Basilicata, arriva l'insediamento di Bari

Basilicata, Bardi insediato: è presidente della Regione

 
Sentenza
Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

 
Il punto
Basilicata, 10 comuni ad alto rischio Radon

Basilicata, 10 comuni ad alto rischio Radon

 
Nel Potentino
Avigliano, principio d'incendio su scuolabus, salvi alunni

Avigliano, principio d'incendio su scuolabus, salvi alunni

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
BariLa scomparsa
Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

Bari piange il professor Domenico D'Oria: il cordoglio di Decaro e Emiliano

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
LecceVerso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
FoggiaAccoglienza
Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

Borgo Mezzanone, migranti cercano un altro ghetto

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

regione

Sanità: «I manager
rendano i soldi»

La Regione rivuole indietro oltre 3 milioni di euro dai direttori di Asp, Asm e ospedali

Sanità: «I manager rendano i soldi»

di Antonella Inciso

Spicciolo più, spicciolo meno sul piatto ci sono 3 milioni e 200mila euro. È la cifra che la Regione ha chiesto indietro ai manager della sanità lucana in carica dal 2008 in poi. Soldi che sarebbero stati ottenuti applicando erroneamente la legge regionale 2006 sugli stipendi. Il caso era stato sollevato dai giudici della Corte dei Conti ed ora si è concretizzato in una delibera con cui il Dipartimento Sanità ha, ufficialmente, chiesto al personale interessato la restituzione delle somme indebitamente percepite.

In particolare, la richiesta è stata notificata, nei giorni scorsi, alle direzioni aziendali di Aziende sanitarie di Potenza e Matera, dell’ospedale «San Carlo» del capoluogo e dell’Istituto di ricovero e cura Crob di Rionero. Circa una cinquantina le persone che sono interessate dal provvedimento che riguarda non solo i direttori generali in carica dal 2008 in poi in tutte le Asp lucane (che erano cinque e negli anni sono diventate tre) ma anche i direttori sanitari ed i direttori amministrativi. Oltre ai componenti dei collegi sindacali delle diverse strutture. Varie a seconda dell’incarico le cifre da restituire che passano dai circa 10mila euro l’anno per tutti i componenti del collegio sindacale ai poco più di 22mila euro l’anno di vertici amministrativi e sanitari ai 30mila euro percepiti annualmente dai direttori generali.

Insomma, calcoli alla mano, quadruplicate per le strutture sanitarie interessate si tratta di circa 320mila euro l’anno mo. Somma che moltiplicata per i dieci anni su cui si spalma il provvedimento diventano 3 milioni e 200mila. Alla base del provvedimento della Regione la contestazione dei giudici della Corte dei Conti nella relazione di parifica al bilancio 2016. In particolare, secondo i giudici contabili, parte delle somme legate agli stipendi sono state percepite indebitamente applicando erroneamente una legge regionale del 2006. Di qui, la stretta ed il relativo provvedimento regionale che, naturalmente, potrà essere impugnato dai manager interessati ma che di fatto - se confermato - solleverà un caso a livello nazionale considerato che l’interpretazione della norma toccherebbe tutte le regioni italiane.

La Basilicata, dunque, rischia di fare scuola in questa materia (nonostante dal 2001 sia stato fissato un tetto massimo agli stipendi dei manager della sanità che arriva a poco più di 150mila euro) e di aprire un fronte ampio. Ma questo lo si capirà nelle prossime settimane. Ora, dopo il caso delle indennità delle guardie mediche, dopo la vicenda delle indennità dei medici del 118 la nuova scure sui conti tocca i manager delle aziende sanitarie lucane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400