Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 08:58

NEWS DALLA SEZIONE

La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

brutta scuola

Botte all’asilo
maestre a processo

Rinviate a giudizio tre insegnanti e la dirigente della Materna «Il delfino» di Potenza

Botte all’asilomaestre a processo

di Giovanni Rivelli

Tutte a giudizio, tutte con l’originaria imputazione, che non tiene presente le conclusioni a cui era giunto il Tribunale del Riesame.

Inizierà il prossimo 10 ottobre, a Potenza, il processo a carico di alcune maestre della scuola materna «Il Delfino» di Potenza accusate di maltrattamento di persone affidate per ragioni di educazione. Lo ha disposto ieri il Gip di Potenza Rosa Maria Verrastro che, in contrasto con le conclusioni a cui era giunto, in fase cautelare (le 3 maestre vennero sospese dal servizio a settembre del 2016) non ha ravvisato elementi tali che potessero portare a far mutare il capo di imputazione da maltrattamenti ad abuso di mezzi di correzione.

In aula, quindi, dovranno comparire Carmen Bonomo, Gina Caricati e Sara Pantone (difese la prima dall’avvocato Francesco Fabrizio, la seconda dagli avvocati Savino Murro e Lucia Pietragalla e la terza dall’avv. Emilio Nicola Buccico) accusate dei maltrattamenti, e con loro anche la dirigente Carmela Cafasso (difesa dall’avvocato Vincenzo Forte) su cui pende una ipotesi di omessa denuncia perché, secondo l’accusa, avrebbe avuto notizia dei maltrattamenti e non avrebbe segnalato la cosa alle autorità.

In aula ci saranno anche i 48 genitori che già si sono costituiti parte civile, anche in rappresentanza dei propri figli minori, con un piccolo esercito di legali (gli avvocati Loredana Satriani, Giulio Canobbio, Vincenzo Falotico, Ida Angela D’Addario, Gerardo Bellettieri, Domenico Stigliani, Silvia Peraldo, Maria Greco, Elmina Latella, Nazareno Giorgiano e Salvatore Laguardia.

Le indagini -partirono dalla la denuncia di una madre preoccupata per alcuni lividi scoperti sulle braccia della figlia e per il suo cambiamento d’umore. Come sempre avviene in questi casi, nella scuola furono piazzate delle microspie e determinanti si sono rilevate le immagini e gli audio così acquisiti. I carabinieri hanno ripreso momenti in cui i bimbi venivano strattonati, trascinati e picchiati. Uno dei video mostra un bimbo fare un paio di metri sul pavimento dopo uno spintone della maestra. Nell’audio dei carabinieri si sente l’appello in classe. Una maestra pronuncia i nomi dei bambini e per molti di loro ci sono insulti del tipo «sei un animaletto».

E proprio le immagini hanno portato all’aumento del numero delle parti civili rispetto alle 10 inizialmente individuate dal Pm Veronica Calcagno. Molti genitori, infatti, hanno riconosciuto nelle immagini i propri figli e sono così intervenuti in giudizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400