Martedì 24 Novembre 2020 | 02:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
Da Parigi a Tokyo: Dior accende le luminarie salentine in giro per il mondo. L'elogio di Emiliano

Da Parigi a Tokyo: Dior accende le luminarie salentine in giro per il mondo. L'elogio di Emiliano

 
L'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
mobilità sostenibile
Lecce, dipendenti Comune a lavoro in monopattino: tariffe speciali nei prossimi giorni

Lecce, dipendenti Comune a lavoro in monopattino: tariffe speciali nei prossimi giorni

 
La curiosità
Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

 
il libro
Biccari, gli scavi archeologici tra i pozzi per l'estrazione del metano

Biccari, gli scavi archeologici tra i pozzi per l'estrazione del metano

 
Ostaggi Selvaggi
Flavia Pennetta, «Non torno al tennis scelgo i figli»

Flavia Pennetta, «Non torno al tennis scelgo i figli»

 
L'iniziativa
A Natale arriva la Monopoli Christmas Card per i più piccoli

A Natale arriva la Monopoli Christmas Card per i più piccoli

 
Moda
Dior sceglie Alberobello per la campagna di Natale

Dior sceglie Alberobello per la campagna di Natale

 
Il film
Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

 
Il riconoscimento
Lecce, la Biblioteca Caracciolo è di «eccezionale interesse culturale» per il Mibact

Lecce, la Biblioteca Caracciolo è di «eccezionale interesse culturale» per il Mibact

 
Sul web
Pinuccio racconta Pierino e il Lupo: l'evento online dal Piccinni con l'Orchestra Metropolitana

Pinuccio racconta Pierino e il Lupo: l'evento online dal Piccinni con l'Orchestra Metropolitana

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

Cinema

Quella «Vita davanti a sé» illuminata dai colori di Bari

Dal 13 novembre su Netflix il film con Sophia Loren, diretta dal figlio Edoardo Ponti

Quella «Vita davanti a sé» illuminata dai colori di Bari

foto Saverio De Giglio

Non è una Bari da cartolina, grazie al cielo, quella di Una vita davanti a sé, con Sophia Loren diretta dal figlio Edoardo Ponti. Il film sarà da venerdì 13 novembre in streaming su Netflix (167 milioni di abbonati in 190 paesi). Bellissima qual è con i panorami marittimi e nei vicoli della città vecchia, ma anche al porticciolo di Santo Spirito, nonostante qualche concessione al folklore, Bari appare e risalta nel film come una «indistinta» capitale mediterranea. È multietnica, vivace di scambi e di traffici talora illegali, con una qualità metropolitana esaltata dal set principale nei pressi della stazione centrale. Insomma è Bari, ma potrebbe essere Algeri o Barcellona o Napoli, senza per questo perdere in fascino, anzi, guadagnandone.

La vita davanti a sé è un celebre romanzo anni Settanta dello scrittore francese di origine ebrea lituana Roman Gary, che lo diede alle stampe con lo pseudonimo di Emile Ajar, vincendo sotto falso nome il suo secondo «Goncourt», il più prestigioso premio letterario oltralpino. Questo e gli altri libri di Gary li trovate tradotti in Italia nelle edizioni Neri Pozza, che quest’anno sono tra le più «frequentate» dal cinema avendo in catalogo anche Tre piani dell’autore israeliano Eshkol Nevo, cui Nanni Moretti si è ispirato per il suo nuovo e omonimo film, la cui uscita è stata rinviata a causa della pandemia.

A proposito di Israele, da La vita davanti a sé il regista Moshé Mizrahi trasse una pellicola che nel 1978 si aggiudicò l’Oscar per il miglior film straniero, con Simone Signoret nel ruolo che ora è della Loren, la quale a sua volta potrebbe ritrovarsi fra i protagonisti della Notte delle Stelle fissata per il prossimo 25 aprile, Covid permettendo. Del resto, la storia ha una matrice ebraica incisa sull’avambraccio della protagonista, l’anziana ex prostituta Madame Rosa: gli indelebili numeri di riconoscimento degli internati nei lager nazisti.

Madame Rosa è una sopravvissuta. Dopo la guerra, nello scenario meridiano, prova a non rimanere prigioniera dell’orrore, coltivando tuttavia uno scrigno segreto di ricordi infantili nel sotterraneo del palazzo in cui abita: una fotografia ingiallita delle mimose che la folgorarono in quel di Viareggio negli anni felici dell’infanzia con i genitori o gli oggetti rituali della tradizione ebraica come i due candelabri d’argento che danno il via alla trama.

Tutto è credibile. Del resto, il grande scrittore israeliano Aharon Appelfeld, sopravvissuto alla Shoah, ci raccontò che, tredicenne in fuga da un campo di sterminio nell’Europa centrale, giunse sulle nostre coste all’indomani della Liberazione, donde si imbarcò per la Palestina, ma soltanto in seguito «scoprì» di essere partito da Bari e non da Napoli come credeva all’epoca. Già, Madame Rosa è una dei tanti ebrei che hanno «rimosso» l’Olocausto nella speranza o nella comprensibile illusione di non soffrirne il tragico lascito. A rimetterne in gioco la memoria è l’incontro con un ragazzino senza genitori, senegalese e musulmano, Mohammed detto Momò (Ibrahima Gueye), affidatole da un amico, il medico ebreo dottor Coen (Renato Carpentieri).

È lo stesso adolescente che le ha scippato poco prima una borsa con i due candelabri e Madame Rosa di certo non lo vorrebbe in casa, lasciandosi infine convincere in cambio di settecentocinquanta euro al mese. Comincia dunque una convivenza con altri due bambini lasciati lì da prostitute amiche di Rosa, la più piccola figlia della trans Abril Zamora (vista nella serie spagnola Vis a Vis). Momò nel frattempo si presta a spacciare droga, finché a sua volta non fa pace con se stesso e con la propria tradizione culturale, anche grazie a un commerciante musulmano di Bari Vecchia (Babak Karimi). Fanno testo le visioni del Leone dell’Islam che nottetempo gli fa visita. Sarà lui, il dodicenne scavezzacollo orfano della mamma, ad accompagnare Madame Rosa verso l’ultimo viaggio, scoprendo il potere salvifico della Parola che in fondo accomuna le religioni monoteiste.

Sceneggiato da Ponti con Ugo Chiti, musicato con gusto postmoderno da Gabriel Yared (nella colonna sonora figurano Maneskin, Guè Pequeno, Laura Pausini), La vita davanti a sé è prodotto dalla «Palomar» di Carlo Degli Esposti e Nicola Serra per Netflix, con il sostegno di Apulia Film Commission. Sophia Loren è tornata in Puglia trent’anni dopo Sabato, domenica e lunedì di Lina Wertmüller da Eduardo (1990, set a Trani, dove anche stavolta sono state girate alcune scene). Nel film è un’icona dolente e auto-ironica della sfida vitale nonostante ogni avversità: «Son vecchierella ormai», dice. Ma Sophia è indomita, corrusca, magnifica, e, da Bari, parla ai nostri giorni così difficili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie