Lunedì 22 Ottobre 2018 | 05:03

NEWS DALLA SEZIONE

MODA | PRIMAVERA/ESTATE 2019
MODA - Un momento della sfilata delle creazioni di Prada

Prada porta a Milano le regine «anarchiche»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

MODA | PRIMAVERA/ESTATE 2019

Prada porta a Milano le regine «anarchiche»

Cerchietti brillanti dal gusto rétro brillano come corone

Con le sneaker di lusso Hogan lo stile atletico degli anni 80 incontra quello modernista, elegantemente sportivo

MODA - Un momento della sfilata delle creazioni di Prada

MODA - Un momento della sfilata delle creazioni di Prada

MILANO - Nella seconda giornata di sfilate milanesi, dedicate alle collezioni donna primavera/estate 2019, "Prada Invites" un terzetto di architetti donna di primissimo piano a disegnare dei pezzi unici realizzati in nylon, tessuto funzionale che ha sovvertito l'idea convenzionale di lusso diventando uno dei materiali fondamentali della maison Prada.

Nello spazio più teatrale del complesso della Fondazione Prada, il Deposito, rivisitato dallo studio AMO, le creazioni di Cini Boeri, Elisabeth Diller e della giapponese Kazuyo Sejima convivono in un dialogo creativo e ideologico che si esprime attraverso la moda. Capi di abbigliamento e accessori femminili creati per le altre donne o magari per se stesse per un nuovo capitolo scritto da donne per le donne.

In una collezione che aspira a una semplicità dai contenuti forti in un mondo che semplifica tutto in un hashtag, Miuccia Prada manda in scena un elegante contrappunto in cui la moda "conservatrice" sposa quella "psichedelica". Ed ecco che le tinte accese Tie-Dye, le stampe colorate si alternano al beige, al nero e al bianco della camicia dal tessuto importante, da haute couture, che si indossa con una borsa nera, un eccesso di semplice classicità può diventare sovversivo. Il raso colorato di rosa o verde acido si manifesta anche sui cerchietti dal gusto rétro impreziositi da borchie e cristalli che brillano come corone. Le regine "anarchiche" della passerella indossano un guardaroba avanguardisticamente classico in cui la t-shirt trasuda un'eleganza pari a quella di un abito nero, fatto della materia di cui sono fatti i sogni, tempestato da maxi paillettes che sfila accanto al soprabito in nylon nero "Envelope" di Elisabeth Diller, derivato dalla borsa porta abiti, dopo aver protetto i capi durante il viaggio può essere indossato come un impermeabile, sofisticato capo utilitario permeato dalla migliore interpretazione del glamour.

Meravigliosamente urban romantic la collezione disegnata da Karl Lagerfeld per Fendi si muove nella giungla metropolitana. In una palette composta da tonalità salvia, cognac, burgundy, mandarino, bianco optical, denim trasparenze eteree incontrano forme maschili: tasche applicate, maniche con ruches e colli a pettorina sdrammatizzano giacche, parka e giubbotti in pelle con logo doppia F, in lana estiva o PVC.

Gli abiti in pelle rubano la scena mentre, per quanto concerne gli accessori disegnati da Silvia Venturini Fendi, l'iconica borsa "Peekaboo" ha manici decorati, pratiche tasche ed è decorata dalla cover waterproof "DeFender", e sulla "Baguette" presentata in un formato oversize compare il logo a rilievo che spicca anche sulla nuova "Upside Down" con chiusura capovolta.

Destination LA per Hogan che trasporta la tradizione sport-luxury del brand in un mondo di citazioni artistiche neon-pop californiane per un party a bordo piscina. Un nuovo viaggio ha inizio, i colori si accendono, share the fun! Lo stile atletico degli anni 80 incontra quello modernista, elegantemente sportivo.

Le sneaker hanno linee grafiche e contemporanee, le borse tagli essenziali animati da sfumature brillanti, colori neon e materiali iridescenti caratterizzano una collezione accesa da tinte fucsia, arancione, giallo e blu elettrico.

Per lei: "MAX.I.ACTIVE", la nuova luxury sneaker Hogan elegantemente audace, reinterpreta l'iconica "Interactive" seppur progettata interamente da zero, mentre la "B-bag" conferma il savoir-faire del brand che fa capo al Gruppo Tod's, maison sinonimo di eccellenza artigianale Made in Italy. Lui, invece, indossa la sneaker "ACTIVE.1", naturalmente eclettica, rappresenta l'innovazione estetica dei segni distintivi di Hogan.

Un omaggio alle donne e alla loro personalità, infine, quello proposto da Sara Cavazza direttore creativo di Genny in una reminescenza delle assolate, lussuose e spensierate estati della Costa Azzurra francese per una collezione sensuale, iridescente in cui spiccano scollate jumpsuit e capi in organza logati dalle silhouette generose.

venisafichera@gmail.com

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400