Lunedì 22 Ottobre 2018 | 00:51

NEWS DALLA SEZIONE

MODA | PRIMAVERA/ESTATE 2019
MODA - Un momento della sfilata delle creazioni di Prada

Prada porta a Milano le regine «anarchiche»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

a firenze

Pitti Immagine Uomo 94esimo successo

Oltre 19.400 compratori e 1.240 marchi (per il 45% esteri)

moda uomo Paoloni

FIRENZE - Chiude i battenti l’edizione numero 94 di Pitti Immagine Uomo. Milleduecentoquaranta marchi presenti, di cui il 45% esteri e oltre 19.400 buyer con numeri in crescita da Germania, Regno Unito, Olanda, Francia, Stati Uniti, Hong Kong, Canada e India. La kermesse internazionale di riferimento per il menswear e il lifestyle contemporaneo, per presentare le collezioni uomo primavera/estate 2019, propone una geografia rieditata degli spazi con un focus sulle sezioni che incarnano la ricerca.

Alla Fortezza da Basso Luca Palmucci, responsabile Ufficio stile del brand del Gruppo Paoloni Manuel Ritz, ci racconta la collezione: «Da diverse stagioni ormai ci contraddistingue un approccio soft tailoring, dove il comfort protagonista della collezione è amplificato dalla combinazione di vestibilità slim accanto a volumi over, senza escludere la componente di eleganza. Abiti e giacche asciutte, da sempre caratterizzanti il total look Manuel Ritz, si mescolano a cappotti e pantaloni oversize, proponendo look che incontrano le attuali esigenze di versatilità, comodità e relax. Quest’anno però si colora di alcune ispirazioni come lo stile vacanziero anni ‘50 che viene raccontato attraverso l’uso di colori vibranti e texture gridate, dove non poteva mancare l’esclusiva stampa Hyper beach che si ispira alla flora del mondo sottomarino delle spiagge polinesiane.

Il capo must have Manuel Ritz per la prossima stagione estiva è la giacca doppio petto in cotone sfoderata, chiarissima bianca o beige e con texture stampate a contrasto ispirate al mondo della spiaggia.

Un’icona che può incarnare questo stile è il cantautore britannico George Harrison, spesso in abiti doppiopetto, trasversale e soprattutto rock.

Per quanto concerne, invece, il brand Paoloni che fa capo al gruppo omonimo: «L’ispirazione principale della collezione trova la sua essenza nella traduzione della trasversalità e della poliedricità del vestire. Il nostro obiettivo nel concepire questa stagione è stato quello di far coincidere funzione e forma, il design va oltre il prodotto volto a tracciare un nuovo sistema. Una collezione fluida e poliedrica con una constante che costituisce il fil rouge: l’eleganza», afferma la responsabile Ufficio stile, Rossana Santioni, che continua: «Il capo must have Paoloni per la prossima stagione estiva è il giubbino realizzato non solo nei tessuti tecnici più tradizionali ma anche utilizzandone alcuni assolutamente inediti e rubati all’immaginario delle giacche, per un appeal che conferma il tempo libero come ispirazione primaria».

«L’icona di stile di riferimento per le collezioni - afferma Santioni - è Cary Grant in “Caccia al ladro”, un’icona di stile dall’eleganza conclamata in qualsiasi occasione, trasversale e poliedrica. Nel film diretto da Alfred Hitchcock nel 1955, passa con disinvoltura dalla t-shirt a righe, magari indossata con il foulard, allo smoking. Rappresenta pienamente quella fluidità nel vestire che abbiamo voluto interpretare con il nostro smart wearing».

Al Padiglione Cavaniglia 45 cimeli dell’archivio Lotto raccontano i 45 anni del marchio italiano che ha fatto la storia dello sport internazionale: «Quarantacinque anni vissuti con tanta passione, lo sport è nel DNA del brand», commenta Andrea Tomat, presidente di Lotto Sport Italia, e continua: «Una storia di persone, impegno, passione, grandi atleti, imprese sportive memorabili che sono entrate nella leggenda dello sport. Mi fa piacere ricordare che il palermitano Marco Cecchinato, tennista Lotto dal 2015, in queste ultime settimane ci ha fatto vivere grandissime emozioni riportando l’Italia ai vertici del tennis mondiale dopo quarant’anni». A lui, infatti, è dedicata la Signature Ceck, una calzatura della collezione Lotto Leggenda SS19 ispirata all’impresa al Roland Garros di Parigi, special edition nella variante white/blu bay con ricamo «Ceck» a contrasto sulla tomaia di colore bianco.

Per un’estate da vivere al sole, tra le onde e con il sale sulla pelle, LOCMAN, la casa orologiera con sede all’Isola d’Elba, lancia «Tremila». Il modello storico, proposto per la prima volta nel 2006, conquistò il vastissimo pubblico degli appassionati di sport estremi e outdoor. Nel 2018 il modello è stato completamente rinnovato, a partire dalla progettazione della cassa e dei movimenti, e declinato in anteprima nella collezione DUCATI Limited Edition, linea nata da una partnership con la casa motociclistica di Borgo Panigale.

Sulle note di «Azzurro», infine, di cui ricorre il cinquantesimo anniversario, Harmont & Blaine racconta la favola di un’estate italiana e presenta il progetto Heritage Collection che celebra la camicia 8 tessuti, capo iconico lanciato nel 2006. Negli anni ‘90, periodo in cui dominava il minimalismo e i colori predominanti erano il grigio e il nero, la risposta di Harmont & Blaine fu un prodotto diverso che rappresentasse lo spirito colorato e positivo del marchio: nacque così una camicia patchwork composta da 8 tessuti di colori e stampe differenti che fu chiamata proprio «8 tessuti».

Tra le mostre presenti a Firenze ricordiamo: «Bonaveri, un fan di Pucci», un percorso di suggestioni tra forma e colore, uno sguardo sul presente, passato e futuro delle due maison, e «L’Italia a Hollywood» al Museo Salvatore Ferragamo, un’esposizione che intende riflettere sugli anni vissuti da Ferragamo in California, dal 1915 al 1927, un periodo intenso di esperienze e di conoscenze che l’artigianato italiano trascorre sulla West Coast, da Santa Barbara a Hollywood.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400