Domenica 21 Luglio 2019 | 00:30

NEWS DALLA SEZIONE

Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
BariLa denuncia di un lettore
Bari, lavori in corso al Policlinico: pazienti visitati nel corridoio

Bari, lavori in corso al Policlinico: pazienti visitati nel corridoio

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeLa tragedia
Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne

Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne, non aveva il casco

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 
Calcio LecceGiallorossi
Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

 

i più letti

rotondella

Ordinanza del sindaco
niente acqua nell'area Sogin

Ordinanza del sindaco niente acqua nell'area Sogin

di FILIPPO MELE

ROTONDELLA - Il sindaco Vito Agresti ha emanato un’ordinanza di divieto di utilizzo e pompaggio delle acque sotterranee nell’area comprendente il Centro Enea-Sogin, quelle circostanti e quelle attraversate dal fiume Sinni fino allo sbocco al mar Jonio. È il primo effetto dell’inquinamento da sostanze chimiche del sito dove insistono, alla Trisaia, il centro di ricerche Enea e l’impianto atomico dismesso Itrec, gestito dalla Sogin spa. Inquinamento che si pensava circoscritto al perimetro Enea-Sogin.

L’Arpab, invece, il primo settembre scorso, ha reso noto «i superamenti delle concentrazioni soglia di contaminazione del triclorometano in piezometri esterni mentre il cromo esavalente (pericoloso per la salute umana, ndr) è presente in concentrazione più che doppia rispetto al limite normativo nel piezometro più a valle». Con il rischio della sua “migrazione” all’esterno. Da qui l’ordinanza di Agresti diffusa nel corso dei due incontri che si sono tenuti ieri, il primo a Potenza, alla Regione, il secondo in Municipio, sulla questione. Incontri da cui è venuto anche fuori che l’Enea procederà con la massima urgenza alle operazioni di messa in sicurezza a tutela della popolazione e dei lavoratori e per evitare che l’inquinamento possa propagarsi. Procederà, però, oltre agli interventi per bonificare le falde, anche a recuperare i costi da coloro che saranno individuati come responsabili dei danni.

Le notizie hanno dato il “senso” della gravità della situazione. Così, dell’urgenza di far presto hanno parlato sia l’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, sia lo stesso primo cittadino. Entrambi hanno chiesto all’esercente (la Sogin) di procedere con celerità nell’individuazione delle cause e dell’estensione dell’inquinamento per poter redarre il progetto per la bonifica e procedere alla bonifica vera e propria. Così, nel capoluogo di regione, presenti, oltre al sindaco di Rotondella anche tecnici della Provincia, dell’Asm, dell’Arpab (l’ingegner Gaetano Santarsia), e dirigenti di Enea (Giuseppe Spagna, direttore) e di Sogin (Ivo Velletrani, direttore del settore Rapporti con le istituzioni, ed Edoardo Petagna, direttore dell’Itrec), Pietrantuono ha dichiarato: «Le cause di inquinamento potrebbero essere legate a vicende del passato e molto probabilmente ad attività dismesse. Ho chiesto al sindaco di convocare velocemente una conferenza di servizi per condividere le modalità per l’aggiornamento del Piano di caratterizzazione e le attività suppletive di messa in sicurezza». Ed Agresti ha risposto convocando per il 3 ottobre la conferenza di servizio che dovrebbe dare “l’accelerata” al Piano di caratterizzazione con il suo adeguamento con le prescrizioni (costruzione di barriere impermeabili di contenimento esterno all’inquinamento da cromo esavalente ed allargamento dell’area delle analisi) dettate dall’Arpab.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie