Domenica 03 Luglio 2022 | 16:51

In Puglia e Basilicata

Nel Materano

Ancora un incendio a Scanzano Jonico: in fiamme azienda ortofrutticola

Ancora un incendio a Scanzano Jonico: in fiamme azienda ortofrutticola

Colpita la Suriano. Nelle scorse settimane incendi dolosi avevano distrutto due stabilimenti balneari della cittadina jonica lucana

26 Maggio 2022

Redazione online

SCANZANO JONICO - Un nuovo incendio - quasi sicuramente di natura dolosa - è stato appiccato la notte scorsa a Scanzano Jonico (Matera): le fiamme hanno causato danni ingenti a un’azienda ortofrutticola, la Suriano. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco e le Forze dell’ordine che stanno facendo accertamenti. Nelle scorse settimane, incendi dolosi avevano distrutto due stabilimenti balneari della cittadina jonica lucana.
Intorno alla mezzanotte, i Vigili del fuoco sono intervenuti per l’incendio partito da alcune pedane nel piazzale dell’azienda ortofrutticola. Le fiamme hanno distrutto le stesse pedane, cassette di plastica e un cella frigorifera esterna. L'incendio è stato definitivamente spento dopo circa sei ore.

CISL: È UN ATTACCO ALLO STATO

«Il quarto attentato incendiario a Scanzano, questa volta a danno di un’impresa agricola, sembra non lasciare dubbi sulla matrice criminale di questi episodi». Lo ha detto, in una nota diffusa dall’ufficio stampa, il segretario generale della Fai Cisl Basilicata, Giuseppe Romano, riferendosi all’incendio doloso in un’azienda ortofrutticola a Scanzano Jonico (Matera).
Secondo il rappresentante sindacale, «lo stillicidio di attentati che sta funestando questo territorio sono un plateale attacco allo Stato e all’intera comunità di Scanzano. Non si può rimanere inermi o rassegnati dinanzi alla barbarie e alla volontà dei gruppi criminali di prevaricare le leggi e imporre il proprio codice di violenza. È chiaro che la recente costituzione della Dia e l’opera di contrasto sempre più incisiva delle forze dell’ordine ha indotto la criminalità organizzata a giocare il tutto per tutto confidando nella capacità di generare paura nella comunità con una vera e propria escalation di violenza».
«Per questo - ha continuato Romano - la risposta alla strategia criminale deve essere una sana ribellione democratica della società civile perché la battaglia contro la malavita si combatte anche facendo attecchire la cultura della legalità e contrastando la paura con la speranza. Noi come sindacato - ha concluso il segretario lucano della Fai Cisl - siamo ancora più determinati a continuare il nostro lavoro contro ogni sopruso e per tenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sul valore della legalità e della convivenza civile».

«Dopo l’ennesimo incendio a Scanzano Jonico (Matera), che questa volta ha interessato una importante azienda agricola, riteniamo necessario che si assumano iniziative immediate per organizzare la risposta democratica agli attentati che mirano a colpire la civile convivenza in un’area strategica della nostra regione. È necessario innanzitutto ristabilire le normali condizioni della vita democratica permettendo subito che i cittadini di Scanzano possano scegliere liberamente e democraticamente gli amministratori comunali». Lo ha scritto, in una nota, Salvatore Adduce, coordinatore della presidenza della Lega delle Autonomie locali (Ali) Basilicata .
«Dunque - ha aggiunto l’ex parlamentare ed ex sindaco di Matera - chiediamo alla Ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, di convocare subito le elezioni comunali senza aspettare ancora un anno quando ci sarà il prossimo turno delle amministrative. Dopo quasi due anni e mezzo dallo scioglimento e commissariamento del consiglio comunale, è indispensabile rispristinare le normali condizioni di vita democratica. Da parte sua la Regione Basilicata ha il dovere di assumere ogni utile iniziativa finalizzata al sostegno di una popolazione costantemente sotto attacco della criminalità. Il sistema delle autonomie locali è chiamato a sua volta ad un’azione di forte solidarietà nei confronti di un territorio vessato dalla malavita. Rivolgiamo - ha concluso Adduce - un appello a tutte le forze politiche democratiche perché in questo grave momento assumano la responsabilità di vigilare contro il fenomeno malavitoso con un impegno collettivo e unitario per salvaguardare la sicurezza della comunità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725