Lunedì 27 Settembre 2021 | 22:13

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

capitale della cultura

Il meglio di Matera 2019 in mostra a Dubai per Expo 2020

Nuovo viaggio per il gioiello lucano con la mostra Ars Excavandi

Il meglio di Matera 2019 in mostra a Dubai per Expo 2020

Una mostra che spazia dal Paleolitico al presente indagando per la prima volta l’arte e le pratiche di scavo che danno origine a paesaggi, architetture e civiltà ipogee nel corso dei secoli.

Matera 2019, archiviato con successo l’anno della Capitale europea della cultura, strizza l’occhio agli Emirati Arabi Uniti e lo fa puntando a portare una delle sue produzioni di punta all’Expo 2020 in programma a Dubai il prossimo anno, «Ars Excavandi», l’evento espositivo internazionale che tra il Museo Ridola e gli Ipogei di Palazzo Lanfranchi aveva aperto le danze della rassegna continentale nella città dei Sassi.

La mostra che è stata coprodotta dal Polo Museale della Basilicata diretto da Marta Ragozzino e curata dall’architetto Pietro Laureano, autore del rapporto di iscrizione dei Sassi di Matera nella lista del Patrimonio mondiale dell’umanità Unesco. La mostra dovrebbe aprirsi ad ottobre 2020 in concomitanza con l’inaugurazione dell’esposizione universale emiratina.

Proprio a Matera, lo scorso ottobre, a Cava del Sole, era stato svelato il Padiglione Italia che verrà allestito a Dubai in occasione dell’Expo 2020 alla presenza del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti e con ospite d’eccezione il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Sceicco Abdallah Bin Zayed Al Nahyan.

«L’ultima fase già pianificata nel nostro piano di lavoro triennale - dichiara il direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019 Paolo Verri - prevede ora la distribuzione il più possibile di tutti gli eventi realizzati nell’anno della Capitale europea della cultura. Quindi, portare in giro nel 2020 mostre e spettacoli sarà la fase conclusiva del percorso avviato con la progettazione nel 2011 e poi con la vittoria del titolo continentale nel 2014. Dopo la giornata di venerdì, con la richiesta nel corso del Consiglio di amministrazione della Fondazione da parte del sindaco Raffaello De Ruggieri, del presidente della Regione Basilicata Vito Bardi e dei ministri Dario Franceschini e Giuseppe Provenzano di continuare il percorso avviato nel 2019, si apre una nuova fase di ascolto del territorio per capire quali nuove produzioni realizzare nel 2020. Ci sembra centrale - conclude Verri - continuare sulla co-creazione e quindi vorremmo avviare un Festival della co-creazione (prima volta nella storia delle capitali europee della cultura) da svolgersi nell’estate-autunno del 2020».

In cantiere anche la rappresentazione a Bruxelles nel marzo 2020 di uno dei tre concerti proposti alla Cava del Sole per celebrare il primo allunaggio del 1969. Protagonista sarà l’opera Missa “Vox Dei” del compositore torinese Nicola Campogrande, composta su commissione del Lams Matera e della Fondazione Matera Basilicata 2019.

Matera nel 2019 ha rappresentato l’Italia: a tal fine nacque, in candidatura, il progetto Italia 2019, che ha visto protagonista la città di Ravenna. La Fondazione Ravenna Manifestazioni è partner fondamentale per la creazione di “Purgatorio - Chiamata Pubblica per la Divina Commedia” di Dante Alighieri, una produzione che dovrebbe essere allestita proprio nella città dei mosaici nel 2021 e varcare i confini nazionali, sempre nello stesso anno, approdando a Timisoara in Romania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie