Sabato 27 Febbraio 2021 | 11:37

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
Il caso
Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

 
La polemica
Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

 
Gli episodi andavano avanti dal 2016
Impediva alla compagna di uscire di casa e la picchiava: arrestato a Matera

Impediva alla compagna di uscire di casa e la picchiava: arrestato a Matera

 
GdF
Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

 
Il virus
Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

 
indagini dei CC
Matera, spaccio di droga tra minorenni e studenti: nei guai 8 baby pusher

Matera, spaccio di droga tra minorenni e studenti: nei guai 8 baby pusher

 
Contagi
Coronavirus, a Matera positivo collaboratore vescovo, chiusi uffici

Coronavirus, a Matera positivo collaboratore vescovo, chiusi uffici

 
Il virus
Covid 19, il sindaco di Matera: «Aumento casi dovuto a imprudenza»

Covid 19, il sindaco di Matera: «Aumento casi dovuto a imprudenza»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel barese
In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
FoggiaCoronavirus
Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

 
LecceSi indaga
Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
TarantoIl siderurgico
Mittal al sindaco di Taranto: bisogna attendere l'esito del Consiglio di Stato

Taranto, Mittal al sindaco: su spegnimento impianti, attendere Consiglio di Stato. Melucci: «Minacce da no comment»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Infortunio sul lavoro

Operaio di Lauria morto in Calabria
Ci sono 4 indagati (3 sono lucani)

Nel fascicolo della Procura di Vibo si ipotizza il reato di omicidio colposo

Operaio di Lauria morto in CalabriaCi sono 4 indagati (3 sono lucani)


Il datore di lavoro e i responsabili di cantiere e della sicurezza. Queste le persone iscritte dal pm Olimpia Anzalone della Procura di Vibo Valentia sul registro degli indagati per la morte di Carmine Giacoia, il 51enne operaio di Lauria, deceduto tre giorni fa mentre lavorava in un cantiere nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Joppolo, in provincia di Vibo, in Calabria. Giacoia, dipendente di una ditta subappaltatrice per contro di Rete Ferroviaria Italiana, stava svolgendo lavori di messa in sicurezza di un costone in contrada “Girone”, in pieno quartiere Stazione della cittadina tirrenica calabrese. Improvvisamente è rimasto colpito dallo scoppio di un tubo in ghisa ad alta pressione. Una deflagrazione violenta che lo gli ha lasciato scampo. Inutili i soccorsi del personale del 118. La pm Anzalone ipotizza nei confronti dei quattro indagati il reato di omicidio colposo. Oltre a Domenico Comune, 62 anni di Giugliano, in provincia di Napoli, l’avviso di garanzia per omicidio colposo è stato recapitato anche al titolare della Geovertical di Lauria, Giuseppe Labanca, 39 anni, e a due suoi collaboratori, Egidio Cosentino, 55 anni, e Domenico Lamanna, 52 anni, tutti e tre di Lauria. La Geovertical è la società per cui lavorava Giacoia, che ha avuto via subappalto i lavori per la messa in sicurezza del costone vicino al tronco ferroviario.. Gli avvisi di garanzia consegnati ieri sono un atto dovuto, come trapela dagli ambienti investigativi, per il sequestro del cantiere e per consentire alle persone coinvolte nell’inchiesta di poter nominare i propri consulenti in vista dell’autopsia, in programma oggi. Al termine dell’esame autoptico la Procura di Vibo darà il via libera per la restituzione della salma di Giacoia ai familiari. A questo punto è probabile che i funerali si possano svolgere già sabato, ma non è escluso che possano slittare a domenica.  La pm ha affidato l’incarico per l’autopsia all’anatomopatologa Katiuscia Bisogni che dovrà accertare le cause della morte di Giacoia, di cui non è ancora chiara la dinamica. I familiari della vittima (la madre, la moglie e i due figli) chiedono che venga fatta chiarezza sull’accaduto. Per bocca del loro legale, l’avvocato Giovanni Leonasi, fanno sapere che il loro interesse in questa fase e quello dell’accertamento della verità nella maniera più dettagliata possibile. Giacoia era al suo secondo giorno di lavoro nel cantiere a Joppolo. Lo scoppio improvviso del tuto lo ha colpito al torace e alla nuca ed è morto. Anche il volto è stato sfigurato dalla violenta deflagrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie