Sabato 11 Luglio 2020 | 11:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Racale, caccia ai complici del rapitore di Mauro

Racale, caccia ai complici del rapitore di Mauro

 
Il Caso
«Nessun focolaio a Copertino. La famiglia ha seguito i protocolli»

Coronavirus, nessun focolaio a Copertino: famiglia contagiata ha seguito i protocolli

 
nel leccese
Lido Marini, tartaruga deposita uova in mezzo alla musica assordante: è il terzo nido salentino

Lido Marini, tartaruga deposita uova in mezzo alla musica assordante: è il terzo nido salentino

 
sport
Ciclocross, sarà Lecce ad ospitare il campionato italiano nel 2021

Ciclocross, sarà Lecce ad ospitare il campionato italiano nel 2021

 
da domani
Lecce, spiaggia attrezzata per la fisioterapia in mare: al via «Il mare di tutti»

Lecce, spiaggia attrezzata per la fisioterapia in mare: al via «Il mare di tutti»

 
Vip in Puglia
Lecce, tra jogging e cenette nel cuore della città: Matt Dillon torna in vacanza nel Salento

Lecce, tra jogging e cenette nel cuore della città: Matt Dillon torna in vacanza nel Salento

 
Società
Otranto, violata la privacy dei bimbi: multata una scuola

Otranto, violata la privacy dei bimbi: multata una scuola

 
Università
Lecce, una forma di riscatto sociale: fra i neolaureati due detenuti

Lecce, una forma di riscatto sociale: fra i neolaureati due detenuti

 
la tragedia
Gagliano del Capo, recuperato in mare cadavere imprenditore disperso da 48 ore

Gagliano del Capo, recuperato in mare cadavere imprenditore disperso da 48 ore

 
ennesimo episodio
Otranto, torna in azione lupo solitario: aggredita turista mentre fa jogging

Otranto, torna in azione lupo solitario: aggredita turista mentre fa jogging. Enpa: «Non è un lupo, ma cane randagio»

 
Il caso
Otranto, violata la privacy dei bimbi, scuola multata

Otranto, violata privacy dei bimbi: scuola multata

 

Il Biancorosso

calcio
Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl giallo
Racale, caccia ai complici del rapitore di Mauro

Racale, caccia ai complici del rapitore di Mauro

 
Barilavoro
Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

Sanità, il Policlinico Bari stabilizza 41 precari

 
Tarantoil siderurgico
Taranto, ritardi fatture: gli autotrasportatori in protesta

Taranto, ritardi fatture: gli autotrasportatori in protesta

 
Potenzanel Potentino
Cerca di dare fuoco a sede Cisl Melfi: arrestato 51enne

Cerca di dare fuoco a sede Cisl Melfi: arrestato 51enne

 
BatBeni storici
Canosa, chiesetta di Sant'Antonio da salvare

Canosa, la chiesetta di Sant'Antonio da salvare

 
Materanel Materano
Gorgoglione, trovata statua rubata nel 2008 da Chiesa S.M. Assunta: verrà restituita

Gorgoglione, trovata statua rubata nel 2008 da Chiesa S.M. Assunta: verrà restituita

 
BrindisiPolitica
Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

 

i più letti

nel salento

Copertino, l'ospedale riapre i ricoveri fra luci e ombre

A fine marzo fu la struttura del primo focolaio infettivo, poi accolse i post-acuti. Ancora disagi in Pronto Soccorso e Ortopedia

ospedale copertino

Una ripartenza senza squilli di tromba, ma solo porte aperte per i pochi pazienti giunti al Pronto soccorso, peraltro rimandati indietro perché non ancora completati i percorsi per l’ammissione che deve avvenire nella massima sicurezza. Oltretutto, le ambulanze del 118 non sono state autorizzate a raggiungere la struttura, ma hanno ricevuto disposizioni di dirottare i soccorsi in altri presìdi.

Secondo indiscrezioni raccolte ieri mattina tra gli ambienti del presidio, pare che i responsabili di alcuni reparti vorrebbero istituire delle stanze “grigie” per accogliere i pazienti in attesa del referto del tampone. Prevedibili disagi sono emersi in Ortopedia dove i quattro specialisti in servizio si sono confrontati con l’impossibilità di gestire le attività di ambulatorio, sala operatoria e consulenze.

I cinque anestesisti della struttura dipartimentale sono finora privi della figura di un responsabile, mentre sulla spinta di sollecitazioni sindacali dovrebbe riaprire il servizio trasfusionale il cui personale è attualmente distribuito perlopiù a Galatina. Luci ed ombre, insomma, non permettono ancora la ripartenza a pieno regime preannunciata da ieri.

Soddisfazioni e critiche si alternano. «Non è stato semplice restituire il nostro ospedale alla città e ai comuni che hanno Copertino come punto di riferimento sanitario, ma insieme ognuno per la sua parte, ce l’abbiamo fatta» ha scritto ieri l’assessore regionale Sebastiano Leo sul suo profilo Fb, ringraziando medici e tecnici per il lavoro svolto. Consapevole che la sanità non genera consensi, semmai li toglie perché i tagli dei vari governi che si sono succeduti hanno di fatto praticato scelte impopolari, Leo ha ribadito il proprio impegno «in prima persona» affinché l’ospedale riprendesse la sua attività.

«E stiamo ancora lavorando con grande fatica - ha aggiunto - per dare maggiore efficienza e qualità alle sue performance».

«Azzoppato, ma riparte» è stato invece il commento del sindacato Cobas Lecce che, attraverso il segretario Giuseppe Mancarella, ringrazia tutto il personale sanitario che tra mille difficoltà con serietà e professionalità ha contribuito a curare i pazienti post acuti da Covid-19. Una ripartenza che non promette nulla di buono e si spera che l’assetto dato in questa prima fase sia solo momentaneo.

Che l’ospedale non sarebbe stato subito operativo, Mancarella lo aveva già previsto. «Facciamo notare che gli ortopedici da otto sono diventati quattro - insiste - e quindi quel reparto non potrà funzionare come in origine. La metà dei chirurghi spostati, rimarrà presso l’ospedale di Gallipoli. Il Pronto soccorso ha perso il personale “donato” ad altri presìdi; del trasfusionale non c’è traccia; Medicina e Geriatria si ritrovano riunite in un nebuloso reparto di area internistica che preclude alla fusione, con sottrazione di un ulteriore primariato; Cardiologia non avrà più l’unità intensiva, sostituita da quattro posti di riabilitazione».

E ancora: «Della tanto sbandierata T.i.p.o. rimane solo una controfigura indefinita, l’Osservazione breve post operatoria. Se questa è l’idea dell’ospedale - conclude - invitiamo i componenti della direzione strategica della Asl a prendere atto che i profili professionali da loro attentamente scelti sia per la gestione ordinaria che quella straordinaria del San Giuseppe da Copertino, hanno miseramente fallito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie