Lunedì 03 Agosto 2020 | 17:13

NEWS DALLA SEZIONE

nel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 
Il caso
Città del Vaticano, Emanuela Orlandi: a Lecce l'esame di ossa trovate nel Vaticano

Emanuela Orlandi: a Lecce l'esame di ossa trovate nel Vaticano

 
Ambiente
Lecce, il mare della sua provincia tra i migliori d'Italia

Lecce, il mare della provincia tra i migliori d'Italia

 
Il caso
Gallipoli, maxi rissa tra 20 ragazzi in vacanza: due feriti

Gallipoli, maxi rissa tra 20 ragazzi in vacanza: due feriti

 
L'incidente
Melendugno, moto contro auto: centauro morto sul colpo. Un ferito

Melendugno, moto contro auto: centauro morto sul colpo. Ferita una donna

 
IL REPORTAGE
Lecce, la vita a Borgo San Nicola

Lecce, la vita dietro le mura di Borgo San Nicola

 
l'emergenza
Lecce, attenzione il virus continua a viaggiare

«Attenzione il virus continua a viaggiare sulle nostre gambe»: il monito del direttore Asl Lecce

 
UNIVERSITÀ
Unisalento pronta alla sfida

UniSalento pronta a sfidare i big degli atenei del Nord

 
a roca vecchia
Musica, il Locomotive Jazz Festival festeggia i 15 anni con il rock di Piero Pelù nel consueto concerto all'alba

Musica, il Locomotive Jazz Festival festeggia i 15 anni con il rock di Piero Pelù nel consueto concerto all'alba

 
nel salento
Rischio assembramenti al «Maestrale» di Otranto: Prefettura chiude il locale per un mese

Rischio assembramenti al «Maestrale» di Otranto: Prefettura lo chiude per un mese

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
Tarantoorrore nel tarantino
Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

Grottaglie, finge un malore, entra in casa di una 95enne e la violenta: arrestato 33enne

 
Brindisil'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 
Potenzala scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Leccenel leccese
Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

Coronavirus, anziano positivo in Rsa a Campi Salentina: tamponi a tappeto

 

i più letti

Operazione Armonica

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Le accuse vanno dal traffico di droga, al porto d'armi, alle estorsioni

carabinieri Ros

I Carabinieri del Ros e del Comando Provinciale di Lecce, con il supporto del 6° Elinucleo di Bari e del Nucleo Cinofili di Modugno (BA), hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Lecce su richiesta della Dda, nei confronti di 22 soggetti indagati, a vario titolo, per associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi, estorsione e danneggiamento, con l’aggravante del metodo mafioso nell'ambito di una operazione denominata «Armonica».

I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa del R.O.S. e sviluppata sulle articolazioni del clan Scu “Tornese” di Monteroni di Lecce, che ha documentato l’operatività criminale del gruppo facente capo a Fernando Nocera (già condannato per 416 bis), attivo prevalentemente nei comuni di Carmiano, Veglie, Novoli, Leverano e Porto Cesareo.

L’indagine ha permesso di documentare, per il periodo compreso tra novembre 2017 e luglio 2018, il ruolo di vertice rivestito da Nocera, facendo luce luce sull’inserimento nel sodalizio di nuove leve emergenti, quali i fratelli Davide e Matteo Conversano, giovani incensurati con ruoli di rilievo a stretto contatto con il capo.

Al riguardo, particolarmente significative sono state le conversazioni telefoniche e ambientali intercettate nei giorni successivi all’arresto di Nocera,  avvenuto il 18 gennaio dello scorso anno in esecuzione ad un provvedimento di custodia cautelare in carcere con il quale, a seguito di una precedente attività investigativa della Guardia di Finanza di Napoli, gli era stato contestato l’approvvigionamento di oltre 40 Kg di hashish da un gruppo operante in San Giuseppe Vesuviano (NA).

In quel periodo infatti si è assistito ad un riassetto del gruppo in cui, pur mantenendo Nocera il ruolo di leader indiscusso, la direzione delle attività delittuose sul territorio è passata materialmente ai fratelli Conversano, con il sostegno criminale del leccese Gabriele Pellè. Quest’ultimo, pregiudicato già condannato per associazione mafiosa quale affiliato al clan Cerfeda di Lecce è stato espressamente indicato dal Nocera nelle missive spedite dal carcere presso il quale lo stesso era detenuto e veicolate ai suoi adepti per il tramite di Giuliana Cuna, quale figura di riferimento nei rapporti con altri gruppi criminali. Le indagini hanno accertato peraltro che lo stesso capo clan ha impartito le proprie direttive nel corso dei colloqui in carcere, affidando alla moglie Livia Comelli il compito di riportarle ai propri affiliati e di mantenere i contatti con “i monteronesi”.

Il gruppo criminale destinatario del provvedimento cautelare ha manifestato dei connotati di estrema pericolosità, come dimostrano la disponibilità ed i riferimenti agli approvvigionamenti di armi (anche automatiche), munizioni e materiale esplodente, nonché la spiccata propensione alla realizzazione di attentati incendiari e dinamitardi per finalità estorsive e intimidatorie, finanche per meri dissidi personali.

L’attività ha consentito di far luce su diversi episodi incendiari e dinamitardi, alcuni dei quali realizzati materialmente da Marcello Fella su mandato di Davide Convesanp al fine di agevolare l’associazione mafiosa di appartenenza e di rafforzarne i poteri di intimidazione e controllo del territorio. Si tratta in particolare dell’esplosione di un ordigno artigianale di medio potenziale avvenuta l’11 febbraio 2018 nei pressi dell’abitazione di un pregiudicato di Carmiano, e dell’incendio il 19 marzo 2018 di due autovetture, una Fiat Punto e una Lancia Y, di proprietà di un assicuratore del posto.

Tra gli episodi contestati a Fella, l’attentato incendiario realizzato ad Arnesano il 5 maggio 2018 all'auto di proprietà del comandante dei vigili urbani di quel Comune.

Fonte primaria di realizzazione di guadagni illeciti da parte del gruppo è risultata l’attività di traffico e spaccio di stupefacenti, nell’ambito della quale il sodalizio retto da NOCERA Fernando ha mantenuto rapporti con quello capeggiato da Saulle Politi operante su Monteroni di Lecce, già colpito da provvedimenti cautelari in occasione dell’operazione denominata “Labirinto” del ROS, eseguita nel mese di luglio dell’anno scorso.

In particolare, punto di contatto tra il gruppo oggetto d’indagine e quella capeggiata da Politi, entrambe federate al clan Tornese, è risultato essere Gabriele Tarantino, arrestato nell’operazione Labrinto quale uomo di fiducia del Politi e recentemente condannato in primo grado – con rito abbreviato – alla pena di anni 10 di reclusione per associazione mafiosa e associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, destinatario anche dell’ordinanza di custodia cautelare di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie