Lunedì 14 Ottobre 2019 | 04:06

NEWS DALLA SEZIONE

La novità
Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

 
via al tour
Francesco Renga e la videodedica alla città di Bari: due concerti a novembre

Francesco Renga e la videodedica alla città di Bari: due concerti a novembre

 
Arte
«In viaggio con De Nittis»: l'artista pugliese in mostra all'aeroporto di Bari

«In viaggio con De Nittis»: l'artista pugliese in mostra all'aeroporto di Bari

 
Il video
Metaponto, avvistati due magnifici capodogli a largo delle acque lucane

Metaponto, avvistati due magnifici capodogli a largo delle acque lucane

 
L'assoluzione
Bari, furto nei bagagli: giudice sbaglia persona nel video e condanna innocente

Bari, furto sugli aerei: scambio di persona nel video, condannato un innocente

 
In corteo
Bari, tensione durante la protesta dei pescatori: agente ferito da bomba carta

Bari, tensione durante la protesta dei pescatori: agenti feriti da bomba carta. Bloccato varco Porto per alcune ore

 
taglio del nastro
Bari, inaugurato Centro Mare di Arpa Puglia, è il primo in Italia

Bari, inaugurato Centro Mare di Arpa Puglia, è il primo in Italia

 
Il caso
Matera, parkour in zona non consentita: aggredita giornalista, solidarietà OdG e Assostampa

Matera, parkour in zona non consentita: aggredita giornalista

 
Disobbedienza civile
Politecnico di Bari, la provocazione di Cappato: mangia riso "proibito"

Politecnico di Bari, la provocazione di Cappato: mangia riso "proibito"

 
Sanità
Emiliano in visita all'Asl Bat: «Riorganizziamo i servizi»

Emiliano in visita all'Asl Bat: «Riorganizziamo i servizi»

 
L'operazione della guardia costiera
Polignano, sequestrati 25 kg di datteri di mare: schiacciati e buttati a mare

Polignano, sequestrati 25 kg di datteri di mare: schiacciati e buttati in acqua

 

Il Biancorosso

Bari Ternana 2-0
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili  Foto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batnel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
Foggiababy gang
Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Scu

Lecce, le intercettazioni dopo gli attentati: «Sono andato ad accendere»

Incontri filmati, conversazioni intercettate, pedinamenti, sequestri: così i Carabinieri del del Ros e del Comando Provinciale di Lecce, hanno smantellato con 22 arresti una cellula affiliata al clan Scu “Tornese” di Monteroni di Lecce operante nei comuni di Carmiano, Veglie, Novoli, Leverano e Porto Cesareo e facente capo a Fernando Nocera (già condannato per 416 bis), attivo prevalentemente nei comuni di Carmiano, Veglie, Novoli, Leverano e Porto Cesareo.

L’indagine ha permesso di documentare, per il periodo compreso tra novembre 2017 e luglio 2018, il ruolo di vertice rivestito da Nocera, facendo luce luce sull’inserimento nel sodalizio di nuove leve emergenti, quali i fratelli Davide e Matteo Conversano, giovani incensurati con ruoli di rilievo a stretto contatto con il capo.

Al riguardo, particolarmente significative sono state le conversazioni telefoniche e ambientali intercettate nei giorni successivi all’arresto di Nocera,  avvenuto il 18 gennaio dello scorso anno in esecuzione ad un provvedimento di custodia cautelare in carcere con il quale, a seguito di una precedente attività investigativa della Guardia di Finanza di Napoli, gli era stato contestato l’approvvigionamento di oltre 40 Kg di hashish da un gruppo operante in San Giuseppe Vesuviano (NA).

In quel periodo infatti si è assistito ad un riassetto del gruppo in cui, pur mantenendo Nocera il ruolo di leader indiscusso, la direzione delle attività delittuose sul territorio è passata materialmente ai fratelli Conversano, con il sostegno criminale del leccese Gabriele Pellè. Quest’ultimo, pregiudicato già condannato per associazione mafiosa quale affiliato al clan Cerfeda di Lecce è stato espressamente indicato dal Nocera nelle missive spedite dal carcere presso il quale lo stesso era detenuto e veicolate ai suoi adepti per il tramite di Giuliana Cuna, quale figura di riferimento nei rapporti con altri gruppi criminali. Le indagini hanno accertato peraltro che lo stesso capo clan ha impartito le proprie direttive nel corso dei colloqui in carcere, affidando alla moglie Livia Comelli il compito di riportarle ai propri affiliati e di mantenere i contatti con “i monteronesi”.

Il gruppo criminale destinatario del provvedimento cautelare ha manifestato dei connotati di estrema pericolosità, come dimostrano la disponibilità ed i riferimenti agli approvvigionamenti di armi (anche automatiche), munizioni e materiale esplodente, nonché la spiccata propensione alla realizzazione di attentati incendiari e dinamitardi per finalità estorsive e intimidatorie, finanche per meri dissidi personali.

L’attività ha consentito di far luce su diversi episodi incendiari e dinamitardi, alcuni dei quali realizzati materialmente da Marcello Fella su mandato di Davide Convesanp al fine di agevolare l’associazione mafiosa di appartenenza e di rafforzarne i poteri di intimidazione e controllo del territorio. Si tratta in particolare dell’esplosione di un ordigno artigianale di medio potenziale avvenuta l’11 febbraio 2018 nei pressi dell’abitazione di un pregiudicato di Carmiano, e dell’incendio il 19 marzo 2018 di due autovetture, una Fiat Punto e una Lancia Y, di proprietà di un assicuratore del posto.

Tra gli episodi contestati a Fella, l’attentato incendiario realizzato ad Arnesano il 5 maggio 2018 all'auto di proprietà del comandante dei vigili urbani di quel Comune.

Fonte primaria di realizzazione di guadagni illeciti da parte del gruppo è risultata l’attività di traffico e spaccio di stupefacenti, nell’ambito della quale il sodalizio retto da NOCERA Fernando ha mantenuto rapporti con quello capeggiato da Saulle Politi operante su Monteroni di Lecce, già colpito da provvedimenti cautelari in occasione dell’operazione denominata “Labirinto” del ROS, eseguita nel mese di luglio dell’anno scorso.

In particolare, punto di contatto tra il gruppo oggetto d’indagine e quella capeggiata da Politi, entrambe federate al clan Tornese, è risultato essere Gabriele Tarantino, arrestato nell’operazione Labrinto quale uomo di fiducia del Politi e recentemente condannato in primo grado – con rito abbreviato – alla pena di anni 10 di reclusione per associazione mafiosa e associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, destinatario anche dell’ordinanza di custodia cautelare di oggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie