Venerdì 19 Agosto 2022 | 16:07

In Puglia e Basilicata

In un residence

Torre Inserraglio: a 3 anni rischia di annegare in piscina, salvata dal bagnino

Torre Inserraglio: a 3 anni rischia di annegare in piscina, salvata dal bagnino

È bastato un attimo di distrazione dei genitori, che si stavano organizzando per la poppata dell'altro figlio

21 Luglio 2019

Biagio Valerio

Piccolissima, solo tre anni, rischia grosso nella piscina del residence. Solo la prontezza di riflessi del bagnino, il 19enne Gianluca Ingusci, ha evitato il peggio. La piccina è stata successivamente trasportata dal 118 all’ospedale di Galatina per accertamenti ma è fuori pericolo. L’episodio si è verificato ieri pomeriggio intorno alle 16.45 nel residence Tramonti, nella contrada di Torre Inserraglio, rinomata per i suoi insediamenti turistici. La grande piscina, a doppia vasca, è a servizio dei condomini dell’intero villaggio turistico è sempre vigilata ed è sinonimo di sicurezza per i frequentatori. Quest’anno si è avuta la prova di ciò. La piccola, infatti, si trovava in acqua ed era costantemente controllata anche dai genitori, una coppia in vacanza a Nardò. Il padre è spagnolo, la madre pugliese.

La famiglia sarebbe addirittura dovuta ripartire ieri sera e per questo stavano trascorrendo l’ultimo giorno in serenità. E’ bastato un attimo. I coniugi, infatti, si stavano organizzando per la poppata dell’altro figlio, nato da poco, a bordo piscina. Un momento di distrazione, voltando le spalle alla grande vasca e stava per succedere l’irreparabile. La piccina, infatti, ha iniziato ad andare su e giù in acqua, sembrava che giocasse. Invece stava annegando. Quello era il classico movimento che si manifesta proprio quando non si riesce più a stare a galla. Se n’è accorto il giovane Ingusci, quest’anno alla sua prima esperienza lavorativa in quella struttura, e si è lanciato in acqua. Riportata la bambina sulla terraferma ha praticato le manovre canoniche di soccorso e la piccola ha tirato fuori l’acqua che aveva ingerito.

Appariva già cianotica ma non ha mai perso conoscenza. Si è ripresa quasi immediatamente, concluse le manovre messe in atto dal bagnino. Come è prassi sul posto è intervenuta subito dopo una autoambulanza del 118 che ha trasportato la piccina in ospedale, a Galatina, per ulteriori accertamenti. Con la consueta efficienza e professionalità hanno soccorso la piccola bagnante, rassicurandola e coccolandola. In serata è stata dimessa: ricorderà solo il grosso spavento ma non riporterà alcuna conseguenza di quanto accaduto. La situazione si è talmente ridimensionata che, probabilmente, i genitori ripartiranno subito per il loro luogo di abituale residenza. Sentito il ringraziamento da parte dei presenti al bagnino, un ragazzo di Nardò, che ha tenuto fede al suo ruolo di angelo custode dei bagnanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725