Domenica 18 Agosto 2019 | 00:31

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
24-26 agosto
Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

 
Sigilli nel Salento
Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

 
Nel Salento
Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

 
Omofobia
Gallipoli, buttafuori contro gruppo di trans: «Perché non andate nei posti vostri?»

Gallipoli, buttafuori contro gruppo di trans: «Perché non andate nei posti vostri?»

 
Nel Salento
Ricercato in Francia per truffa, faceva il bagno a Porto Cesareo: arrestato

Ricercato in Francia per truffa, faceva il bagno a Porto Cesareo: arrestato

 
Nella notte tra il 16 e il 17 agosto
San Cataldo, alba in Jazz con Daniele Silvestri: ecco il piano traffico

San Cataldo, alba in Jazz con Daniele Silvestri: ecco il piano traffico

 
Nel Salento
Torre dell'Orso, rogo distrugge una parte della pineta

Torre dell'Orso, rogo distrugge una parte della pineta

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

A Casarano

Filanto, truffa coi fondi pubblici: confiscati beni per 10 milioni

Sanzioni da 300 a 400mila euro e interdittive a tutte le aziende del ramo

Filanto, truffa coi fondi pubblici: confiscati beni per 10 milioni

LECCE - Reato prescritto per gli imputati, ma la società Filanto non esce indenne dal processo per la presunta truffa con i finanziamenti pubblici erogati dalla Regione. Il giudice monocratico Fabrizio Malagnino ha condannato la società casaranese a una sanzione pecuniaria di 400mila euro oltre all’interdittiva di 1 anno che le vieterà di stipulare contratti con la pubblica amministrazione. Stesso verdetto per altre aziende del ramo: il Consorzio Produttori Salentini Calzature, la Tecnosuole; l’Italiana Pellami e il Tomaificio Zodiaco. Nei confronti della Iris Sud è stata applicata la sanzione amministrativa pecuniaria di 300mila euro e quella interdittiva (sempre per 1 anno) dell’esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l’eventuale revoca di quelli già concessi. Il dispositivo prevede anche la confisca dei beni mobili e immobili di tutte le società per un valore complessivo pari al profitto conseguito. Pari a 4 milioni e mezzo per la prima ipotesi di reato (truffa ai danni della Regione Puglia) e di quasi 6 milioni per la seconda accusa (truffa ai danni dell’Inps). Non solo.

La prescrizione aveva invece cancellato già da tempo il reato nei confronti delle persone fisiche: Sergio Antonio Filograna, nel ruolo presidente del Consiglio di amministrazione della Filanto spa; la sorella Maria Antonietta Filograna, uno dei legali rappresentanti del Consorzio; l’allora consigliere provinciale Gabriele Caputo, in qualità di legale rappresentate della Iris Sud; Anna Lupo, legale rappresentante del Tomaificio Zodiaco; Antonia Montedoro, legale rappresentante Italiana Pellami e i legali rappresentanti che si sono succeduti alla Iris: Giuseppe Baiardo, Silvia Perico, oltre al già citato Caputo.
L’inchiesta, condotta dal Gruppo tutela spesa pubblica della Guardia di Finanza, e coordinata dall’allora sostituto procuratore Antonio Negro, venne avviata nel 2009. Secondo le indagini, gli imputati, in violazione del bando di concessione del finanziamento regionale, avrebbero architettato un’operazione finalizzata a scorporare veri e propri rami d’azienda della Filanto (riconducibile al defunto patron Antonio Filograna), che non avrebbe potuto attingere ai fondi Pia perché di notevoli dimensioni e, quindi, fuori dal requisito di piccola e media impresa. Dirottandoli alle società aderenti al Consorzio, costituito da Tecnosuole Srl, Tomaificio Zodicaco Srl, Italiana Pellami Srl e Iris Sud Srl, avrebbe invece ottenuto contributi per circa 4 milioni e mezzo di euro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie