Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 12:35

NEWS DALLA SEZIONE

Mafia al Sud
Specchia, riassegnata la scorta al sacerdote-coraggio

Specchia, riassegnata la scorta al sacerdote-coraggio

 
La decisione del gip
Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

 
Gli imprenditori turistici si alleano
Gallipoli, svolta per il turismo locale: nasce «Rete Imprese Salento»

Gallipoli, svolta per il turismo locale: nasce «Rete Imprese Salento»

 
Fino al 6 gennaio
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
Procura di Lecce
Presunti reati ambientali in cantieri Tap: 15 indagati

Tap, reati ambientali in cantieri gasdotto: 15 indagati da procura Lecce

 
Nel Leccese
Specchia, colpi di pistola contro l'auto del prete antimafia

Specchia, colpi di pistola contro l'auto del prete antimafia

 
Il referendum
Presicce - Acquarica del Capo unico comune: vince il Sì

Presicce - Acquarica del Capo unico comune: vince il Sì

 
Nel Leccese
Lizzanello, carabinieri scoprono presunta casa di riposo per anziani abusiva

Lizzanello, carabinieri scoprono presunta casa di riposo per anziani abusiva

 
Seggi aperti nel Leccese
Presicce-Acquarica del Capo unico comune? Oggi il referendum

Presicce-Acquarica del Capo unico comune? Oggi il referendum

 
Il report
Comuni ricicloni, nel Salento brillano ancora in pochi

Comuni ricicloni, nel Salento brillano ancora in pochi

 
Sulla Ugento-Casarano
Incidente stradale in Salento: muore mamma 31enne

Incidente stradale in Salento: muore mamma 31enne

 

Le decisioni

Gasdotto, la perizia: «Opera non è sito a rischio». No Tap preoccupati

Il gasdotto non può essere assimilato a uno stabilimento

Il gasdotto Tap che deve approdare sulla costa di Melendugno, nel Salento, non può essere un’opera assoggettata alla direttiva Seveso: è quanto emergerebbe dalla super-perizia disposta dal gip Cinzia Vergine, nell’ambito dell’incidente probatorio aperto nell’indagine avviata dalla procura di Lecce. La perizia è stata depositata oggi.


I periti - a quanto si è saputo - avrebbero stabilito che l'opera non può essere assimilabile ad uno stabilimento e quindi il terminale Tap e quello di Snam per la interconnessione con la rete nazionale devono essere considerati due progetti differenti e quindi non devono essere valutati unitariamente ai fini dell’applicazione della direttiva Seveso sulla prevenzione del rischio di incidenti rilevanti.

I NO TAP E LA PREOCCUPAZIONE - «Siamo molto preoccupati dai risultati di questa perizia, perché messe da parte le arrampicate sugli specchi dei periti, i numeri crudi dicono che tra Tap e Snam, a Masseria del Capitano, ci sono 100 tonnellate di gas di hold-up». E’ quanto afferma il portavoce del Movimento No Tap, Gianluca Maggiore, a seguito dell’esito della perizia sul gasdotto Tap che secondo i consulenti del gip non deve essere assoggettato alla direttiva Seveso.
«Si tratta - precisa Maggiore - di più del doppio di quello dichiarato da Tap nella prima inchiesta (poi archiviata). Tutto questo tra quattro paesi e 20000 persone».


IL CONTENUTO - Per i periti, se per la fase progettuale non c'è alcun obbligo di procedere in modo congiunto sulle opere, «dal punto di vista della valutazione ambientale paesaggistica avrebbe dovuto essere predisposta parte dello studio con la finalità di una valutazione complessiva dell’opera fino alla connessione con la rete nazionale, con un approccio almeno di massima, oppure avrebbero dovuto essere trovate altre soluzioni per giungere allo stesso risultato tecnico». «Se è vero che l’opera - scrivono i periti - può essere materialmente costruita per tratti successivi, è sicuramente vero che la giacitura del primo tratto vincola inequivocabilmente il tracciato del secondo e ne genera l’obbligatorietà».

Dal punto di vista tecnico degli studi ambientali-paesaggistici, «il primo tratto è l’opera che dà avvio agli impatti e il suo studio deve presentare - sia pure in linea di massima - gli impatti indotto, diretti, indiretti e cumulativi della globalità dell’opera».
Proseguendo nell’analisi, i periti aggiungono che «il tema di una lettura globale dell’opera e degli effetti cumulativi, non è oggetto di particolare ed esplicita attenzione da parte del MATTM (il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), sia nel caso del progetto Tap che in quello Snam Rete Gas». Si rileva inoltre che «le richieste di integrazione di carattere generale allo studio per la Via, che il MATTM rivolge a Tap nel corso del procedimento, riguardano prevalentemente approfondimenti sulla analisi delle alternative di approdo, senza però richiedere una visione globale che consideri anche il tratto di connessione con la rete nazionale», affermando che lo stesso sarebbe avvenuto nei confronti di SRG (Snam Rete Gas) a cui «non viene avanzata la richiesta di una valutazione complessiva cumulativa dell’opera, comprensiva della parte di Tap, in quanto il progetto è elaborato successivamente, a partire dalla scelta di approdo per Tap, precedentemente fatta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400