Domenica 18 Agosto 2019 | 19:22

NEWS DALLA SEZIONE

Vacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
le «pagelle» arwu
UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

 
Plastica bruciata
Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

 
Nel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
24-26 agosto
Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

 
Sigilli nel Salento
Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

 
Nel Salento
Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

 
Omofobia
Gallipoli, buttafuori contro gruppo di trans: «Perché non andate nei posti vostri?»

Gallipoli, buttafuori contro gruppo di trans: «Perché non andate nei posti vostri?»

 
Nel Salento
Ricercato in Francia per truffa, faceva il bagno a Porto Cesareo: arrestato

Ricercato in Francia per truffa, faceva il bagno a Porto Cesareo: arrestato

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BariPolitica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Sangue sulle strade delle vacanze: tre morti a Laterza e Trinitapoli

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Le decisioni

Gasdotto, la perizia: «Opera non è sito a rischio». No Tap preoccupati

Il gasdotto non può essere assimilato a uno stabilimento

Il gasdotto Tap che deve approdare sulla costa di Melendugno, nel Salento, non può essere un’opera assoggettata alla direttiva Seveso: è quanto emergerebbe dalla super-perizia disposta dal gip Cinzia Vergine, nell’ambito dell’incidente probatorio aperto nell’indagine avviata dalla procura di Lecce. La perizia è stata depositata oggi.


I periti - a quanto si è saputo - avrebbero stabilito che l'opera non può essere assimilabile ad uno stabilimento e quindi il terminale Tap e quello di Snam per la interconnessione con la rete nazionale devono essere considerati due progetti differenti e quindi non devono essere valutati unitariamente ai fini dell’applicazione della direttiva Seveso sulla prevenzione del rischio di incidenti rilevanti.

I NO TAP E LA PREOCCUPAZIONE - «Siamo molto preoccupati dai risultati di questa perizia, perché messe da parte le arrampicate sugli specchi dei periti, i numeri crudi dicono che tra Tap e Snam, a Masseria del Capitano, ci sono 100 tonnellate di gas di hold-up». E’ quanto afferma il portavoce del Movimento No Tap, Gianluca Maggiore, a seguito dell’esito della perizia sul gasdotto Tap che secondo i consulenti del gip non deve essere assoggettato alla direttiva Seveso.
«Si tratta - precisa Maggiore - di più del doppio di quello dichiarato da Tap nella prima inchiesta (poi archiviata). Tutto questo tra quattro paesi e 20000 persone».


IL CONTENUTO - Per i periti, se per la fase progettuale non c'è alcun obbligo di procedere in modo congiunto sulle opere, «dal punto di vista della valutazione ambientale paesaggistica avrebbe dovuto essere predisposta parte dello studio con la finalità di una valutazione complessiva dell’opera fino alla connessione con la rete nazionale, con un approccio almeno di massima, oppure avrebbero dovuto essere trovate altre soluzioni per giungere allo stesso risultato tecnico». «Se è vero che l’opera - scrivono i periti - può essere materialmente costruita per tratti successivi, è sicuramente vero che la giacitura del primo tratto vincola inequivocabilmente il tracciato del secondo e ne genera l’obbligatorietà».

Dal punto di vista tecnico degli studi ambientali-paesaggistici, «il primo tratto è l’opera che dà avvio agli impatti e il suo studio deve presentare - sia pure in linea di massima - gli impatti indotto, diretti, indiretti e cumulativi della globalità dell’opera».
Proseguendo nell’analisi, i periti aggiungono che «il tema di una lettura globale dell’opera e degli effetti cumulativi, non è oggetto di particolare ed esplicita attenzione da parte del MATTM (il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), sia nel caso del progetto Tap che in quello Snam Rete Gas». Si rileva inoltre che «le richieste di integrazione di carattere generale allo studio per la Via, che il MATTM rivolge a Tap nel corso del procedimento, riguardano prevalentemente approfondimenti sulla analisi delle alternative di approdo, senza però richiedere una visione globale che consideri anche il tratto di connessione con la rete nazionale», affermando che lo stesso sarebbe avvenuto nei confronti di SRG (Snam Rete Gas) a cui «non viene avanzata la richiesta di una valutazione complessiva cumulativa dell’opera, comprensiva della parte di Tap, in quanto il progetto è elaborato successivamente, a partire dalla scelta di approdo per Tap, precedentemente fatta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie