Lunedì 19 Agosto 2019 | 12:28

NEWS DALLA SEZIONE

Il Blitz
Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

 
Vandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
Vacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
le «pagelle» arwu
UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

 
Plastica bruciata
Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

 
Nel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
24-26 agosto
Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

 
Sigilli nel Salento
Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

 
Nel Salento
Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariviabilità
L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

 
BatIl furto
Barletta, ruba monete dalla cassetta delle offerte: arrestato

Barletta, ruba monete in chiesa dalla cassetta delle offerte: arrestato

 
MateraI dati del Sole 24 ore
Tempo libero, maglia nera per la Basilicata: in fondo alla classifica Matera e Potenza

Tempo libero, maglia nera per la Basilicata: in fondo alla classifica Matera e Potenza

 
FoggiaNel paesino Foggiano
Roseto Valfortore, il sindaco: «Cercasi disperatamente segretario comunale»

«AAA cercasi disperatamente segretario comunale a Roseto Valfortore»

 
TarantoL'arresto
Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

 
PotenzaIl caso
Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

 
LecceIl Blitz
Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

La rivendicazione

Sostegno a scuola, contratto impedisce assistenza disabili

«La Asl non ha mantenuto gli impegni». Giovedì sit-in di protesta

Lecce, sostegno a scuola: «Il contratto ci impedisce l’assistenza ai disabili»

LECCE - «Inquadrati in una categoria che non ci permette di assistere i bambini diversamente abili». Gli operatori dell’integrazione scolastica della provincia di Lecce insorgono contro il mancato adeguamento del loro contratto di lavoro nella categoria idonea a prestare assistenza ai ragazzi con difficoltà. Giovedì, presso la Prefettura, si svolgerà un sit-in di protesta.
«Siamo stati inquadrati a tempo indeterminato dalla Asl di Lecce nel 2010 - spiegano gli operatori - con contratto di ausiliari in categoria A, pur avendo, in precedenza, un contratto a tempo indeterminato in categoria B firmato nel 2003. La legge regionale 40 del 2010 prevedeva la stabilizzazione degli operatori nel rispetto delle mansioni effettivamente svolte. Per questo motivo, gli operatori sarebbero dovuti essere inquadrati in categoria Bs, in quanto le mansioni svolte rientravano in quest’ultima categoria». Così, però, non è stato: «Siamo stati declassati in categoria A, nonostante continuiamo a svolgere mansioni di categoria Bs sotto la nostra responsabilità e nonostante la Regione abbia provveduto a formarci a sue spese, nel 2015, con un corso per Operatori socio sanitari».

Sono tanti i compiti di cui si occupano gli operatori dell’integrazione scolastica: «Diamo da mangiare ai bambini, li accompagniamo in bagno, aiutandoli in tutti i loro bisogni, somministriamo loro alcuni farmaci, li accompagniamo nei vari spostamenti sia all’interno dell’area scolastica sia fuori, per viaggi di istruzione o visite didattiche». Tutti compiti, sostengono gli operatori, che vengono svolti senza il necessario inquadramento nella corretta categoria. «Il 26 luglio ci è giunta una comunicazione da parte del direttore generale della Asl, Ottavio Narracci, con la quale siamo stati convocati per dare chiarezza alla nostra situazione lavorativa». Dopo due rinvii, la riunione si è svolta il 5 settembre, alla presenza delle sigle sindacali: «L’incontro si è concluso con un accordo unanime: entro il 2018 gli operatori sarebbero stati riconosciuti nella categoria Bs con qualifica di Oss». Il primo tavolo tecnico per definire la questione si è svolto il 1° ottobre. La riunione, però, non ha avuto gli esiti sperati: «È subito emersa la non volontà, da parte della Asl, di mantenere gli impegni presi. Infatti, qualche giorno fa ci è arrivata la notizia che tutto è stato bloccato. Tutto ciò ha lasciato nello sconforto sia noi operatori, sia i genitori: la Asl, infatti, ha inviato un ordine di servizio nel quale viene vietato agli operatori di svolgere mansioni che non sono di loro competenza. Quindi, gli operatori di categoria A non devono svolgere le mansioni finora svolte e, pertanto, non possono assolutamente aiutare i bambini portatori di handicap nei loro bisogni primari».

Il desiderio degli operatori è quello di «lavorare serenamente e di non avere responsabilità giuridiche che non ci competono. Vogliamo aiutare i ragazzi diversamente abili a svolgere regolarmente le lezioni, come i loro compagni». Per giovedì 11 ottobre, dalle 11 alle 14, i sindacati Uil-Fpl e Fsi hanno organizzato un sit-in di protesta vicino alla Prefettura. C’è anche la richiesta di essere ricevuti dal prefetto per esporre le problematiche della categoria, che si inseriscono nel più ampio elenco di disagi e di difficoltà riguardanti il settore del sostegno scolastico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie