Lunedì 20 Settembre 2021 | 01:29

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il meeting con il premier

Tap, sindaco Melendugno: «Se ci saranno criticità stop del governo»
Conte promette: «Dossier da rivedere»

Il premier valuterà se emergono elementi finora sottovalutati. Il primo cittadino Potì lo ringrazia per l'incontro e afferma: «Noi contrari a opera»

Tap, a Saipem la commessada 200mln per parte offshore

«Oggi ho avuto lungo confronto con il sindaco di Melendugno, accompagnato da consulenti tecnici e giuridici che mi hanno rappresentato alcune criticità del progetto Tap. All’esito di questo scambio, ho assicurato loro che questo governo opererà una valutazione approfondita di tutti gli aspetti segnalati e una attenta ricognizione delle attività sin qui svolte. Ovviamente ho anche rappresentato che si tratta di impegni giuridici già deliberati dal precedente governo». Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha commentato l'incontro con il sindaco Marco Potì durato quasi due ore a Palazzo Chigi.

Il primo cittadino del comune di Melendugno ha poi ribadito: «Il premier Conte ci ha detto che con il Tap userà lo stesso metodo dell’Ilva e valuterà assieme ai tecnici dei ministeri se ci sono criticità. Palazzo Chigi, se emergessero criticità oggettive finora sottovalutate o non valutate dalla società proponente, potrebbe prendere in considerazione di non fare l’opera».

«Abbiamo avuto una lunga discussione e lo ringraziamo per questa attenzione, abbiamo esposto attraverso i tecnici tutte le criticità e Conte ha affermato che valuteranno. La centrale di Melendugno per come è stata progettata è pericolosa, questo tipo di impianti si fanno in mare aperto e non vicino le abitazioni dove vivono trentamila persone. Ci rincontreremo tra un pò di tempo e siamo a disposizione per mettere in collegamento i nostri tecnici», spiega Potì. «Le nostre inquietudini sono fatti concreti, la posidonia in quel tratto di mare c'è», spiega ancora.

L'IMPRESSIONE POSITIVA - «C'è un clima diverso rispetto al governo precedente. Questo governo ci ha ricevuto e lo ringraziamo per l’attenzione» sottolinea Potì dopo l’incontro. «Abbiamo invitato il presidente in Salento, perché la nostra terra è democratica e accogliente - spiega ancora il sindaco - torniamo in Salento più sereni. In passato, quando venivo a Roma, mi trovavano davanti ad muro di gomma e tutto quello che dicevo mi tornava indietro. Spero che questo clima diverso dia fiducia e serenità». Prima dell’incontro con Potì Conte ha visto una delegazione di parlamentari M5S pugliesi che si sono occupati del dossier Tap.

LA VALUTAZIONE - Nel corso dell’incontro sul dossier Tap con il sindaco di Melendugno Marco Potì il premier Giuseppe Conte, a quanto si apprende, ha chiarito che resta strategica, così come ricordato a Washington, la diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico. Da parte di Conte, si apprende ancora, non sono stati assunti impegni al di là di quello che prevede un’attenta valutazione dell’intero dossier, così come è avvenuti per Ilva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie