Martedì 22 Gennaio 2019 | 05:27

NEWS DALLA SEZIONE

A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 

Agricoltura

Por, chiuso caso Gramegna:
tentarono truffa a Regione

La sentenza della Corte di appello ha respinto ogni richiesta e confermato il blocco dei fondi (circa 2 milioni) da parte della Regione

Palazzo di Giustizia di Bari

Palazzo di Giustizia di Bari

BARI - Quattro imprese agricole, tutte riconducibili allo stesso nucleo familiare, si erano aggiudicate contributi per 2,1 milioni del Por 2000-2006 destinati al miglioramento fondiario. Soldi che la Regione ha erogato solo in minima parte, e che - anche a fronte di un’inchiesta penale - sono poi stati bloccati. Nonostante questo le quattro imprese salentine avevano anche chiesto i danni, forti di una perizia giudicata inattendibile dallo stesso giudice civile che l’aveva chiesta. A distanza di oltre 10 anni dai fatti, la corte d’Appello di Bari mette la parola fine: le ditte Gramegna Pietro», Gramegna Maria Antonietta, Gmmg e Cooperativa Fiori non hanno diritto a nulla. Anche perché, nel frattempo, il ctu Giuseppe Garofalo ha patteggiato una condanna a un anno e otto mesi per falsa perizia, falsa interpretazione in concorso e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale.

In primo grado, oltre a respingere la maxiparcella del perito (950mila euro) il Tribunale aveva rigettato le pretese di tre delle ditte e sospeso il giudizio riguardante la quarta fino alla conclusione del processo penale: la Regione (con l’avvocato Manuel Virgintino) veniva chiamata a risarcire gli imprenditori, che infatti hanno presentato appello. Ma la sentenza, oltre a dichiarare «falsa» la perizia Garofalo che riconosceva l’esistenza di investimenti mai fatti, ha smascherato il raggiro: dalle indagini penali è infatti emerso come «il Gramegna Giuseppe Domenico (padre di Gramegna Maria Antonietta e Gramegna Giampiero) avesse ideato un particolare sistema di frode consistente nell'utilizzare imprese agricole-anche appositamente costituite-formalmente intestate ai propri familiari, al fine di ottenere, con la consapevole partecipazione di questi ultimi, la concessione di cospicui finanziamenti agevolati». Tanto che, all’epoca dei fatti, i due figli del Gramegna «erano studenti frequentanti istituti di scuola media superiore o corsi universitari, motivo per il quale non avrebbero potuto espletare le incombenze relative alla gestione delle imprese agrarie».[m.s.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400