Venerdì 07 Ottobre 2022 | 14:57

In Puglia e Basilicata

Il caso

Scomparso monsignor Nolè: a Cosenza arriva vescovo dalla Puglia

Scomparso monsignor Nolè: a Cosenza arriva vescovo dalla Puglia

Nominato mons. Piemontese

17 Settembre 2022

Mons. Giuseppe Piemontese, 76 anni, Vescovo pugliese originario di Monte Sant’Angelo (Foggia) è stato nominato dalla Santa Sede amministratore apostolico della Diocesi calabrese di Cosenza - Bisignano. Già Vescovo di Terni- Narni - Amelia e Custode del Sacro Convento di Assisi, mons. Piemontese sostituirà nella funzione mons. Francesco Nolè, Arcivescovo originario di Giuliano (Potenza), morto giovedì al policlinico «Gemelli» di Roma a 74 anni per un male incurabile.
Sia mons. Piemontese sia mons. Nolè sono Frati francescani Minori Conventuali.

Scomparso monsignor Nolè sarà per sempre il prete degli ultimi

Era nato a Giuliano, ventosa frazione di Potenza, il 9 giugno 1948, primo di ben cinque figli. Nel settembre 1959, praticamente bambino, l’ingresso nell'Ordine dei frati minori conventuali di Ravello, dove inizia la sua formazione umana, spirituale, religiosa e culturale. Un’esistenza intera dedicata alla fede, agli studi teologici, all’ascolto, all’altro. Monsignor Francesco Nolè è morto a Roma, nel Policlinico Gemelli, dove era ricoverato dal 30 agosto scorso, a causa di un male incurabile. A dare notizia della sua morte, con un post sulla pagina Facebook, la parrocchia di Sant'Aniello di Cosenza che ha espresso dolore per la perdita dell'Arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano.
Era stato papa Giovanni Paolo II a nominarlo vescovo, nel novembre 2000, della diocesi di Tursi-Lagonegro, al posto di monsignor Rocco Talucci. Ma il suo rapporto con la terra lucana era intenso non solo per nascita: a Potenza fu infatti ordinato presbitero, nel settembre 1973. E a Giuliano ha continuato ad andare fino alla morte dei genitori, «ogni volta che torno mi rivedo bambino», aveva detto.

È il senatore Vito De Filippo a ricordare gli aspetti umani di monsignor Nolè, «Uomo dolce, esemplare nella sua umiltà. Una naturale predisposizione alla cura dei poveri e degli ultimi. Ha portato nella chiesa lucana e non solo, la stupefacente pastorale del Santo di Assisi. Non dimentico la forza del suo insegnamento. La sua capacità persuasiva forte di un carisma profondo. I lucani lo ricorderanno per sempre».
Cordoglio è stato espresso anche dal presidente della Regione Vito Bardi per il quale Nolè è il «sacerdote potentino che ha incarnato i valori cristiani con umiltà e devozione. È stato un testimone autentico del Vangelo. Monsignor Nolè lascia un ricordo indelebile in tutta la comunità lucana».

Carmine Cicala, presidente del consiglio regionale, ricorda di aver avuto il «privilegio di conoscerlo personalmente e di sperimentare in prima persona la sua grande umanità. Sempre vicino ai bisogni dei più deboli, ha trascorso la sua vita al servizio della Chiesa. Con la sua dipartita viene a mancare una figura di riferimento per l’intera comunità di Basilicata». Cicala si è detto addolorato dalla notizia della scomparsa. «A nome mio e dell’intero consiglio regionale della Basilicata - ha aggiunto il presidente - esprimo cordoglio ai familiari: nella comunità lucana resterà sempre impressa la sua azione di Pastore».
Grande commozione anche per il sindaco di Potenza, Mario Guarente: «La dipartita di monsignor Francesco Nolè ci rattrista come suoi concittadini e come persone che vedevano in lui una figura cristiana esemplare. Uomo di fede, sacerdote amato, Arcivescovo apprezzato nelle diocesi dove ha esercitato il suo ministero episcopale. Esprimo la vicinanza mia e dell’intera città alla sua famiglia e a quanti a Giuliano e in tutte le realtà nelle quali è stato chiamato a vivere il suo servizio, hanno avuto la fortuna di conoscerne le doti di uomo giusto, particolarmente dedito alla cura pastorale, in special modo quella delle persone più in difficoltà, essenza del suo essere francescano. La morte porta con se il dolore del distacco, ma il ricordo di quanto monsignor Nolè ha rappresentato per i cristiani lucani e per la Chiesa tutta, dovrà aiutarci a fare tesoro del suo straordinario esempio di vita».

Per il segretario del Pd Raffaele La Regina, Nolè «ha incarnato alla perfezione il messaggio cristiano: lotta alle diseguaglianze e vicinanza agli ultimi. Ci mancherà tantissimo questa guida saggia e preziosa».
Anche l’onorevole Michele Casino ha espresso cordoglio per la scomparsa dell’Arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano. «È stato un Pastore che amava la sua gente e la Chiesa, e si è distinto sempre per aver lottato in favore dei più deboli anche durante il suo operato nella nostra regione che tanto amava. La Chiesa perde un teologo riconosciuto ed un grande uomo di fede».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725