Domenica 02 Ottobre 2022 | 11:12

In Puglia e Basilicata

Riqualificazione energetica

Il Superbonus piace ai pugliesi: la regione tra le prime nel Meridione per i lavori di ristrutturazione di edifici

Superbonus edilizia

Ad agosto in Italia aumento dell’8,9% degli interventi rispetto a luglio per un ammontare di 43 miliardi di euro

15 Settembre 2022

Raffaele Fiorella

L’ok del Senato all'emendamento che facilita la cessione dei crediti dà nuovo vigore ad un incentivo che continua a godere di un forte appeal: anche ad agosto, periodo di solito caratterizzato dalle chiusure estive, il ricorso al Superbonus 110% si è mantenuto su livelli alti. Nel mese scorso, evidenzia una nota dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili), è proseguita la crescita degli investimenti legati all'incentivo che favorisce i lavori di riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico di edifici ed abitazioni: secondo il monitoraggio di Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e dei Ministeri dello Sviluppo economico e della Transizione ecologica, si registrano 234.907 interventi, per un ammontare corrispondente di 43 miliardi di euro. Rispetto alla rilevazione precedente (31 luglio), c'è stato un aumento dell’’8,9% in numero e dell’8,2% nell’importo, ovvero quasi 20.000 interventi aggiuntivi per un valore corrispondente di circa 3,3 miliardi. Nel report si rileva inoltre «un’accelerazione degli interventi su immobili unifamiliari, giunti a rappresentare nel mese scorso il 55,1% del totale. Un boom su cui incide «l’approssimarsi della scadenza della detrazione del 110% per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre sia stato realizzato almeno il 30% dei lavori complessivi». Seguono le unità immobiliari indipendenti (30,4%). I condomini, infine, che rappresentano il 14,5% del totale degli interventi in termini di importo continuano ad avere una importanza significativa: incidono per quasi la metà dell’ammontare complessivo (20,7 miliardi su 43). Quanto alla distribuzione geografica, gli interventi legati al Superbonus 110% si concentrano soprattutto al Nord (50%). A seguire il Sud (30%) e il Centro (20%). Al primo posto la Lombardia, poi Veneto e Lazio. Al Sud bene Puglia, Sicilia, Campania e Calabria.

«L’ok del Senato è una nota positiva in un momento drammatico per le aziende dovuto ai rincari energetici – commenta il presidente dell’Ance Puglia, Nicola Bonerba -. Bisogna continuare ad eseguire interventi a regola d’arte e le imprese devono conservare un alto livello di qualificazione. Ora ci auguriamo che il sistema bancario sblocchi i crediti che si erano incagliati, cosa che aveva messo a rischio fallimento migliaia di imprese della nostra regione. Il Superbonus rappresenta una leva efficace di rilancio per le costruzioni e l’intera economia e svolge un ruolo cruciale nell’ammodernamento e messa in sicurezza del patrimonio abitativo italiano». Con il via libera del Senato si supera lo scoglio della responsabilità in solido in capo alle banche e agli altri intermediari che acquistano i crediti d'imposta generati dai bonus edilizi. Ora, per evitare le frodi, nel testo è stabilito che «la responsabilità in solido nella cessione dei crediti dei bonus edilizi e superbonus si configura solo se il concorso nella violazione avviene "con dolo o colpa grave"». «Il provvedimento sullo sblocco dei crediti va nella direzione giusta, ma adesso bisogna confrontarsi con le banche per capire come e quando agiranno perché ora la palla, nei fatti, passa a loro. Agli atti formali devono seguire anche azioni concrete del governo», commentano il commissario regionale di Forza Italia, Mauro D’Attis, e il vice commissario, Dario Damiani. «Ora Letta chieda scusa e con lui anche tutti gli altri - la reazione del presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte -. Grazie al M5S e a quelli che Letta ha chiamato piccoli calcoli elettorali è stata trovata una soluzione per 40mila imprese edilizie, lavoratori e famiglie che erano stati dimenticati da tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725