Sabato 21 Maggio 2022 | 00:55

In Puglia e Basilicata

Amministrative

Puglia, sfida elettorale per 50 consigli comunali

Puglia, sfida elettorale per 50 consigli comunali

Riflettori su Taranto e Barletta. I casi Bitonto e Castellana

14 Maggio 2022

Michele De Feudis

Si voterà in cinquanta comuni pugliesi il 12 giugno, dalle Tremiti a Otranto: oggi scade il termine per la presentazione delle liste. Sarà un test amministrativo con blandi riflessi politici. I dati elettorali, infatti, sono da sempre considerati non comparabili con i riscontri delle consultazioni politiche, ma in ogni caso contribuiranno a dare più o meno peso alle varie forze politiche nelle ormai prossima definizione degli spazi vitali, ovvero dell’assegnazione dei collegi per Camera e Senato nel 2023. Il ballottaggio è previsto il 26 giugno. In Puglia non ha funzionato in pieno lo schema del «campo largo» lanciato dal segretario dem Enrico Letta e rilanciato nella regione da Francesco Boccia, commissario ad acta per il congresso Pd: a Barletta, Bitonto, Santeramo e Polignano (dove la vecchia amministrazione guidata dal dem Vito è stata travolta dagli scandali) i Cinquestelle hanno un candidato alternativo ai democratici, come a Canosa, dove puntano a riconfermare il primo cittadino uscente grillino.

Le due competizioni simbolo sono quelle dei capoluoghi di provincia: Barletta e Taranto. Nel comune del Nord Barese il centrodestra punta alla riconferma del sindaco uscente, Mino Cannito, sfiduciato nello scorso mandato dai consiglieri di riferimento del capogruppo dem alla Regione Filippo Caracciolo. Il centrosinistra con i civici schiera Santa Scommegna, ex dirigente comunale, mentre la sinistra vendoliana con i moderati vicini a Calenda e Renzi sostiene Carmine Doronzo. I 5S qui hanno visioni differenti rispetto ai regionali che hanno abbracciato l’emilianismo, e così avranno in campo in solitudine Mariangela Carone.

Nella città dei Due Mari il sindaco uscente Rinaldo Melucci (Pd) con una alleanza che va dalla sinistra, ai dem ai Cinquestelle corre per la rielezione contro Walter Musillo, a capo di una coalizione civica («Grande alleanza per Taranto») con il centrodestra e pezzi dei Popolari con Emiliano (come il consigliere regionale Massimiliano Stellato).

Carte mischiate e coalizioni ibride, invece, a Galatina: il Pd con i 5S hanno scelto la pasionaria Sandra Antonica, l’assessore regionale Alessandro Delli Noci e una parte di ex melloniani appoggiano il sindaco uscente Marcello Amante. Contro c’è l’imprenditore Fabio Vergine, sostenuto dal consigliere regionale dem Donato Metallo, dal senatore della Lega Roberto Marti, da Direzione futuro, la lista di riferimento del sindaco di Nardò, Pippi Mellone, e dall’assessore regionale emilianista Sebastiano Leo. Sempre in Salento si vota a Melendugno, dove passa la mano il sindaco anti-Tap Marco Potì (che candida Simone Dima) e avrà contro un ex assessore, Maurizio Cisternino (sostenuto dal Pd).

Partita aperta e complessa a Bitonto in provincia di Bari: in campo ci sono l’avvocato Paolo Ricci per il Pd e una parte di civici e sinistre (compresa l’area di Italia in Comune del sindaco uscente Michele Abbaticchio), l’ex consigliere regionale di Fi Domenico Damascelli, appoggiato da una coalizione civica con centrodestra, gli emilianisti di Con e i socialisti. Terzo aspirante è Maria Bufano, per i 5S, a cui candidatura è stata certificata da Giuseppe Conte, e può contare sull’appoggio di Francesca Ruggiero, la parlamentare che sconfisse nell’uninominale l’ex sottosegretario Massimo Cassano. I sovranisti della Lega puntano su Castellana grotte, cove corre il candidato sindaco destrorso Domi Ciliberti appoggiato anche da Fdi e Pd (gli altri candidati sono i civici Vito Luigi Rubino, vicino a Giuseppe Vinella; poi Cinzia Valerio, Marica Pace e Domenico Quaranta), mentre i meloniani hanno come obiettivo la conferma della propria bandiera a Terlizzi, dove dopo due mandati del sindaco uscente Ninni Gemmato, si è scelto in extremis il candidato Nino Allegretti, amministratore esperto di area identitaria (avrà come avversario per il centrosinistra Michelangelo De Chirico, e il civico Pietro Ruggiero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725