Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 10:18

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

LA VIGILIA

Conto alla rovescia per il super duellocon la Turris un Bari senza ansia

Conto alla rovescia per il super duello
con la Turris un Bari senza ansia

La squadra di Cronacchini ha a disposizione due risultati su tre e 12 punti in più

Eccolo qui il super duello. Atteso, importante, ma sicuramente non decisivo, almeno sul versante
biancorosso. Tuttavia, è fuor di dubbio che Turris-Bari sia la sfida clou dell’intero campionato nel girone I di serie D. Un confronto che già all’andata ha rivelato il valore dei campani, i primi a fermare la corsa dei pugliesi, capaci di vincere le prime quattro giornate del torneo per poi essere bloccati al «San Nicola» sullo 0-0 dai corallini, capaci (dal quarto turno in poi) di tenere il passo del Bari e gravati da due punti di penalità che si stanno rivelando pesantissimi. Peraltro, in casa la compagine di Torre del Greco ha fatto percorso netto, vincendo undici partite su undici. Scontato, quindi, che lo scontro del «Liguori» sarà per mille motivi un test probante per Brienza e compagni. Ma la vera domanda è: quali risvolti può nascondere il big match? Fin troppo facile l’equazione: la truppa di Giovanni Cornacchini ha a disposizione due risultati su tre, presentandosi con 12 punti di vantaggio, sebbene con una gara in più (la Turris recupererà il sei febbraio la gara con il Rotonda, rinviata per neve). Una vittoria, pertanto, significherebbe capitalizzare un match point: si creerebbe un divario incolmabile pur con dodici turni da disputare. Non cambierebbe molto con un pareggio che lascerebbe in dote al Bari un ricco tesoretto di punti da amministrare. L’eventuale affermazione dei padroni di casa, invece, potrebbe in parte riaprire i giochi. In tal caso, non guasta un’occhiata al calendario. Ebbene, la Turris dovrebbe innanzitutto sfruttare la trasferta di Rotonda per portarsi a -6. Per il resto, il percorso delle due formazioni è esattamente agli antipodi e sulla carta sorride al Bari che affronterà in casa tutte le compagini di medio-alta classifica: Marsala, Castrovillari, Gela e Portici. Al «San Nicola» saranno di scena pure l’Acireale che al momento viaggia nel limbo del girone, nonché il Rotonda che alla penultima forse sarà condannato alla retrocessione. In trasferta, ai galletti toccheranno principalmente le formazioni in lotta per la salvezza: Locri, Città di Messina, Troina e Roccella. Sicuramente saranno sfide toste su campi complicati, ma è pur vero che si tratta di avversari oggettivamente inferiori ai galletti. Da prendere con le pinze, piuttosto, i confronti esterni con la Palmese e soprattutto con la Nocerina (in virtù di un’antica rivalità). La Turris, invece, giocherà ben otto gare in trasferta e solo cinque in casa. Lontano dalle mura amiche, i corallini dovranno vedersela con clienti temibili quali Messina (alla caccia della salvezza, pur avendo valori decisamente superiori), nonché Cittanovese (già in grado di battere il Bari), Castrovillari, Gela e Portici tutte in lotta per la zona playoff. Più agevole il percorso casalingo: tolto il confronto con il Marsala, paiono agevoli i match con Igea Virtus, Locri, Città di Messina e Nocerina. Insomma, dati alla mano, i biancorossi avrebbero tutte le carte in regola per difendere pure un margine più risicato. La squadra, intanto, prosegue la preparazione. Ieri doppia seduta alla quale non ha partecipato Aloisi a causa di una gastroenterite: nelle prossime ore si capirà se il terzino sarà recuperabile per domenica

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

"Tutti insieme per il gran finale"la società chiama a raccolta i tifosi

"Tutti insieme per il gran finale" la società chiama a ...

 
Bari, è conto alla rovesciadieci tappe verso la serie C

Bari, è conto alla rovescia dieci tappe verso la serie ...

 
Cornacchini: "Un vantaggio importanteLe nostre qualità superiori emergono"

Cornacchini: "Un vantaggio importante Le nostre qualità...

 
Pozzebon, il classico lavoro sporcoHamlili, gran recuperatore di palloni

Pozzebon, il classico lavoro sporco Hamlili, gran recup...

 
Simeri e il pallonetto delizioso"Cerco di dare sempre il massimo"

Simeri e il pallonetto delizioso "Cerco di dare sempre ...

 
Di Cesare, il bomber aggiuntoL'obiettivo è la doppia cifra

Di Cesare, il bomber aggiunto L'obiettivo è la doppia c...

 
Bari, un pugno sul tavoloe le mani sulla serie C

Bari, un pugno sul tavolo
e le mani sulla serie C

 
Conracchini: "Nella ripresa abbiamo dilagatoPozzebon ha giocato bene e si è sacrificato"

Cornacchini: "Nella ripresa abbiamo dilagato Pozzebon h...