Martedì 19 Marzo 2019 | 00:35

NEWS DALLA SEZIONE

Incidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
Udienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
La proposta di Decaro
Nozze in Puglia tra le più gettonate al mondo: il Comune cerca location da sogno

Nozze in Puglia tra le più gettonate al mondo: il Comune cerca location da sogno

 
A taranto
Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

Tangenti sulla discarica, Tamburrano fa scena muta davanti al gip

 
Polemica nel barese
Gioia del Colle, segretario Lega parla di «razze», candidato sindaco: «Si dimetta»

Gioia, segretario Lega parla di «razze», candidato centrodestra: «Si dimetta»

 
La denuncia
Taranto, bimba di 5 anni muore di tumore, genitori tarantini: «È strage»

Taranto, bimba di 5 anni muore di tumore, genitori tarantini: «È strage»

 
L'inchiesta
Via della Seta, la Cina «sfiora» la Puglia: un'occasione per la Regione

Via della Seta, la Cina «sfiora» la Puglia: un'occasione per la Regione

 
Incidente nel Tarantino
Manduria, operaio folgorato in centro di compostaggio: grave

Manduria, operaio folgorato in centro di compostaggio: grave

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Ha 40 anni
Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

l'allarme

Basilicata, antincendio in tilt
volontari senza soldi
«Così non andiamo avanti»

incendi in basilicata

di MASSIMO BRANCATI

La Basilicata continua a bruciare. Fioccano segnalazioni di incendi in ogni angolo della regione, dando la percezione di un’escalation. In realtà, secondo quanto raccolto da fonti dei carabinieri-forestali, dal punto di vista statistico non ci sarebbero grosse differenze rispetto a quanto accaduto negli ultimi cinque anni.

Ma il susseguirsi di roghi, con conseguente superlavoro per la macchina dei soccorsi, sta creando una situazione inedita. Da una parte i vigili del fuoco che, come abbiamo riportato ieri sul nostro giornale, sono in stato di agitazione lamentando una scarsa organizzazione e carenze nell’organico tali da impedire «il recupero psicofisico di chi è impegnato a spegnere gli incendi»; dall’altra i volontari della Protezione civile, impegnati su tutti i fronti senza un euro in tasca. Al punto che proprio ieri l’associazione Vola del capoluogo ha comunicato alla sala operativa della Protezione civile la disponibilità a intervenire soltanto su roghi che colpiscono il comune di Potenza. Il motivo? Non c’è una lira, baby. Sono state esaurite tutte le risorse economiche: manca, in sostanza, il denaro da anticipare per il carburante ai mezzi antincendio. Lo ha scritto in una mail inviata alla Regione Rocco Messina, presidente dell’associazione Vola.

È un epilogo ampiamente annunciato: dal 1° luglio a ieri l’associazione è stata attivata dalla Protezione civile per 52 incendi boschivi in tutto il territorio regionale, nonostante i volontari siano responsabili solo per il territorio comunale. Una pressione che ha portato all’esaurimento delle forze e dei soldi non solo della Vola ma di tutte le altre associazioni abilitate dal sistema antincendio della Regione. Sì, perché intervenire significa anche spendere. Un esempio? L’incendio contrada Arioso di Pignola nel giorno di ferragosto e nel giorno di San Rocco è costato alla Vola di Potenza cinque pieni di carburante del valore di circa 80 euro l'uno. Se consideriamo una media di circa tre pieni a intervento i conti sono subito fatti. E non tornano. «Abbiamo ripetutamente sollecitato la Regione Basilicata - dice Messina - per avere un anticipo delle spese di carburante in maniera da affrontare tranquillamente tutte le emergenze, ma la stessa ha sempre fatto orecchio da mercante. La convenzione firmata ci consente di intervenire dopo l'attivazione della Soap (Sala operativa della Regione) a tutti gli incendi boschivi sul territorio, sempre anticipando le spese di carburante che vengono rendicontate per poi essere trasmesse in Regione per avere rimborsi non prima dell'anno successivo».

Il pullulare di incendi, dunque, sta mettendo a dura prova l’intero sistema, «debilitato» innanzitutto dalla soppressione del Corpo Forestale dello Stato che da protagonista, sempre in prima linea, è stato declassato a semplice spettatore. La carenza di fondi sta facendo il resto, con la Regione e i Comuni che hanno cancellato il servizio di avvistamento incendi svolto da volontari posizionati sulle cime delle montagne: osservavano il territorio e davano l’allarme grazie al quale si interveniva con tempestività. Oggi si naviga a vista. Nel mare di fuoco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Leucodermis

    23 Agosto 2017 - 13:01

    E da non dimenticare le GEV della Regione Basilicata ormai messe nel dimenticatoio, queste svolgevano a livello comunale attività di avvistamento e presidio del territorio, ma la Regione Basilicata non ha mai attuato attività di aggiornamento e formazione per le GEV lasciandole piano piano morire.

    Rispondi