Venerdì 22 Marzo 2019 | 02:49

NEWS DALLA SEZIONE

L'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

agroalimentare

Basilicata lasciata fuori
dalla tutela del «tipico»

Si potranno fare anche in Canada formaggi e prodotti «lucani»

prodotti tipici lucani

di PIERO MIOLLA

Il Canada potrà utilizzare il nome di un prodotto Igp o Dop lucano senza per questo mettere a repentaglio l’originalità del marchio. Se, infatti, il tale zio Tom di Toronto vorrà commercializzare un formaggio, chiamandolo con lo stesso nome del pecorino di Filiano o del canestrato di Moliterno, non correrà alcun rischio, diversamente dalla commercializzazione, ad esempio, dell’Asiago o del Gorgonzola. Potrebbe essere questo uno degli effetti del trattato Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement) tra Italia e Canada, che, dopo essere stato approvato dal Parlamento Europeo, ha di recente ottenuto il via libera in Commissione Affari Esteri del Senato, con 15 voti a favore e 6 contrari. Il testo approderà ora in aula per essere approvato dall’Italia in qualità di Stato membro dell’Ue.

Come è noto, il trattato disciplina il libero scambio tra Ue e Canada e, tra le altre cose, la tutela di alcuni prodotti a marchio Igp e Dop, nessuno dei quali lucano. Nonostante le proteste di associazioni e cittadini, quindi, la Commissione Esteri ha votato favorevolmente, incurante del fatto il Ceta potrebbe mettere a rischio l’originalità di quei prodotti esclusi, finendo per agevolare, come sempre, gli interessi delle multinazionali dando corso alla proliferazione di prodotti alimentari contraffatti.
Per la cronaca è giusto informare i lettori che coloro che hanno votato a favore del Ceta sono stati: Bruno Astorre, Stefania Giannini, Francesco Russo, Stefano Lepri, Giuseppina Maturani, Claudio Micheloni, Gian Carlo Sangalli, Magda Angela Zanoni, tutti del Pd, Lucio Malan e Renato Schifani di Forza Italia, Luigi Compagna di Federazione della Libertà, Pierferdinando Casini e Francesco Colucci di AP, Francesco Palermo di Aut e Mario Monti, Gruppo Misto. Tradotto in soldoni, in Commissione hanno votato a favore Pd e Forza Italia. Contro M5S, Sinistra Italiana, Misto e Lega. Mdp-Articolo 1, invece, come spesso accaduto a Bersani e soci, non ha partecipato al voto: un’assenza, questa, che ha generato non poche polemiche tra coloro che manifestavano contro il trattato dinanzi al Pantheon.

Il Ceta prevede il riconoscimento di 150 indicazioni geografiche europee, di cui circa un quarto (41) sono italiane, ma solo 5 del Mezzogiorno: 3 siciliane, 1 campane e 1 pugliese. Ove il trattato dovesse entrare in vigore, esso risolverebbe l’annosa questione di prodotti come i prosciutti Dop (Parma, San Daniele, toscano) e dei formaggi (asiago, fontina, gorgonzola) che fino ad ora non potevano essere commercializzati in Canada, se non con nomi generici e a rischio di salate sanzioni legali. Con l’accordo, invece, per questi prodotti si aprirebbero le porte del mercato Nordamericano, sebbene in una situazione di coesistenza con gli omonimi canadesi: il riconoscimento delle denominazioni Ue, non è, infatti, retroattivo. Chi, dunque, ha già registrato in Canada un prodotto come, a titolo di esempio, Prosciutto di Parma, potrà comunque continuare a venderlo con questa denominazione. Tutti i prodotti che restano fuori dalla lista, però, continuerebbero a non avere alcuna tutela e a incorrere nel rischio contraffazione. Una situazione, questa, che riguarderebbe innanzitutto i prodotti lucani a marchio. Vedremo se e come reagirà la politica lucana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400