Giovedì 29 Settembre 2022 | 03:21

In Puglia e Basilicata

IL FATTO

«In Puglia a rischio migliaia di lavoratori del settore psichiatrico»

«In Puglia a rischio migliaia di lavoratori del settore psichiatrico»

II Segretario Generale della UIL FPL Taranto Emiliano Messina

La denuncia da parte della Uil Fpl di Taranto: «A rischio lo specifico contratto nazionale nelle Strutture residenziali e semiresidenziali»

22 Settembre 2022

Redazione online

«Mentre la Regione Puglia tende una mano ai Gestori delle RSA con una proposta di Deliberazione di Giunta con cui vengono adeguate le tariffe al “caro vita”, con l’altra affonda i lavoratori del settore della riabilitazione psichiatrica conferendo mandato agli uffici regionali di rimuovere dal regolamento regionale l’obbligo di applicare nelle Strutture residenziali e semiresidenziali psichiatriche il CCNL della Sanità Privata. Se questa proposta di Deliberazione di Giunta dovesse essere approvata, si metteranno a rischio le retribuzioni di migliaia di lavoratori in Puglia» afferma il segretario generale della Uil Fpl di Taranto Emiliano Messina.

La segreteria della Unione Italiana del Lavoro Federazione Poteri Locali sottolinea che «nella provincia di Taranto sarà a rischio il futuro salariale dei lavoratori operanti nelle 16 strutture psichiatriche in appalto e delle decine di strutture autorizzate, per un totale di circa 350-400 lavoratori. Le prestazioni di riabilitazione psichiatrica - sottolinea Emiliano Messina - rientrano nei livelli essenziali di assistenza essendo disciplinate e previste dall’art. 33 del Dpcm 12 gennaio 2017, quindi rientrano a pieno titolo nel campo di applicazione del settore della Sanità Privata. Modificare il regolamento regionale 11/2008 senza alcun salvagente per i lavoratori e confronto con le Organizzazione sindacali, è un fatto gravissimo e totalmente inaccettabile che di contro vedrà una alzata di scudi della nostra Organizzazione sindacali ed una reazione forte».

«Già oggi riceviamo segnalazioni di un non corretto inquadramento dei lavoratori in alcune strutture autorizzate, su cui abbiamo già richiesto l’intervento della ASL e dell’Ispettorato del lavoro, figuriamoci se venisse rimosso l’obbligo di applicare il CCNL Sanità Privata. In questo modo la Regione Puglia abdica al ruolo di controllore della spesa sanitaria pubblica, facendo si che in maniera ingiustificata alcuni datori di lavoro possano fare profitto. Come Uil Fpl chiediamo un immediato confronto al Governatore Emiliano e all’Assessore Rocco Palese, altrimenti sarà mobilitazione generale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725