Domenica 02 Ottobre 2022 | 18:14

In Puglia e Basilicata

Enogastronomia

Ora la Puglia prende i turisti per la gola

Domingo Schingaro

Domingo Schingaro

Gli chef stellati nelle scuole con un progetto della Regione. Le «star» italiane in tour per incontrare gli allievi degli alberghieri, si parte il 9 maggio da Bari

24 Aprile 2022

Barbara Politi

L’enogastronomia è il principale motivo di viaggio in Puglia e fra le maggiori richieste del turista c’è la voglia di scoprire il territorio attraverso i prodotti di qualità. Reduce dal recente successo del Vinitaly di Verona, la Regione Puglia è volata a Milano dove dal palco della 17esima edizione di Identità Golose, di scena fino a ieri nel centro congressi MiCo, ha lanciato il progetto «Puglia, Identità e Storie di Gola» che coinvolgerà gli istituti alberghieri della regione.

«L’iniziativa nasce dalla collaborazione con Identità Golose e ha l’obiettivo di parlare ai giovani protagonisti del futuro del turismo e della ristorazione - ha detto l’assessore regionale al Turismo Gianfranco Lopane - un percorso che porterà gli chef stellati d’Italia a incontrare i nostri studenti per raccontare loro i percorsi di eccellenza che hanno reso grandi determinate realtà». C’è anche la necessità di sopperire alla richiesta di risorse umane «sempre più insufficienti nella nostra regione», facendo comprendere ai ragazzi che «la scelta della carriera alberghiera o enogastronomica non è di serie B, ma anzi può restituire grandi soddisfazioni», ha chiarito Lopane, che punta sui percorsi di alta formazione, come quello avviato con Identità, per spingersi fino all’idea di una Academy pugliese.

«Non si tratta soltanto di andare a scoprire i ristoranti, le pasticcerie e le pizzerie migliori della Puglia - ha chiarito il patron di Identità Golose, Paolo Marchi - ma di focalizzare l’attenzione sull’attività che c’è alle spalle, ovvero la formazione dei professionisti. La Puglia deve superare le sue diversità territoriali e metterle al servizio di qualcosa di più alto per far diventare la regione una meta gastronomica forte».

Il progetto di approfondimento in collaborazione con il brand di Paolo Marchi prenderà il via dall’I.I.S.S. “Majorana” di Bari il prossimo 9 e 10 maggio e si articolerà in diversi appuntamenti nei capoluoghi di provincia. Sta lavorando al Salone Internazionale dell’Enogastronomia e dell’Ospitalità Alberghiera, che si terrà il 24 e 25 maggio prossimi a Lecce, la macchina organizzativa di Food Exp 2022 che proprio con Milano e Identità Golose ha un forte legame: numerosi gli chef e le aziende del parterre della rassegna milanese che si riversano ogni anno nel capoluogo salentino.

Intanto, a rappresentare in quest’edizione la Puglia buona e genuina vi erano chef e aziende gastronomiche di assoluto riferimento per il territorio. Con il progetto della «Garden Gastronomy» guarda alla valorizzazione del «vegetale» e al rispetto della terra il sodalizio tra Domingo Schingaro, chef con una Stella Michelin del «Due Camini» di Borgo Egnazia a Savelletri e la nota maison di champagne Veuve Clicquot, rappresentata dallo chef de cave Didier Mariotti. «Un ritorno alla terra con la rivalutazione di tutti i prodotti della Puglia in una nuova visione della cucina in cui il vegetale non è un contorno o una decorazione, bensì il protagonista del piatto», ha raccontato lo chef Schingaro. E ha specificato che «non si tratta di una cucina vegetariana, semmai di una diversa concezione del ruolo del pesce e della carne».
Dopo aver conquistato il titolo di migliore chef dell’anno nella guida «Identità Golose 2022», Valentina Rizzo, de «La Farmacia dei Sani» di Ruffano e «La Farmacia dei Contenti» è tornata sul palco insieme ai fratelli Fabio e Roberto per un focus su «L’Entropia a tavola». «Abbiamo raccontato il nostro “Negroni entropico” ottenuto attraverso l’infusione di botaniche in abbinamento al cavallo sgombrato, che è una rivisitazione salentina del vitello tonnato. La Puglia sta facendo sentire la sua voce», ha detto Valentina Rizzo.

La rappresentanza pugliese è stata arricchita poi da diverse figure presenti: dal wine experience manager di Borgo Egnazia Giuseppe Cupertino allo chef Giovanni Cifarelli, ambassador di Pasta Felicia - unico stabilimento italiano 100% allergen free con sede a Gravina in Puglia - che ha cucinato a quattro mani con il molfettese Felice Lo Basso, chef patron di Felix Lo Basso Home&Restaurant a Milano. I fratelli Remo e Mario Capitaneo, originari di Foggia, sono intervenuti sui temi della cottura statica in cucina. Fra le storiche aziende della tradizione pugliese, l’ultracentenario Pastificio Benedetto Cavalieri, i cui formati - apprezzati da numerosi chef stellati - sono fra i più amati in Italia e nel mondo. «Manifestazioni come Identità Golose rappresentano un momento di scambio costruttivo e di ampliamento degli orizzonti per tutti noi», ha commentato Andrea Cavalieri, dell’omonima azienda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725