Domenica 11 Aprile 2021 | 23:58

NEWS DALLA SEZIONE

Le dichiarazioni
Vaccini Puglia, gruppo FI chiede dimissioni Lopalco. Marti (Lega): «Inadeguatezza pericolo per la comunità»

Vaccini Puglia, gruppo FI chiede dimissioni Lopalco. Marti (Lega): «Inadeguatezza pericolo per la comunità»

 
il bollettino
Coronavirus, in Italia oltre 15mila casi su 253mila tamponi (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

Covid, in Italia 15mila casi su 253mila test (6,2%). Altri 331 morti, dopo giorni tornano a salire i ricoveri in Intensiva

 
Politica
Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1359 nuovi casi su 10mila test. 15 decessi, nuovo aumento ricoveri. Da inizio pandemia 2 milioni di tamponi

Coronavirus, in Puglia 1359 casi su 10mila test. 15 decessi, su i ricoveri. Vaccinate oltre 762mila persone

 
Le linee guida
Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

Vaccinazioni over 60 in Puglia: ecco come funzionerà da domani

 
Sanità
Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

Giornata della Donazione: in Puglia crescono i trapianti nonostante la pandemia

 
Industria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
Lecce
Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

Corini e il risultato bugiardo: «Un pari sarebbe stato più equo»

 
L'intervista
Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

 
Nel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
La circolare
Coronavirus Puglia, da domani vaccino agli over 60 senza prenotazione

Puglia, da domani vaccino a over 60 senza prenotazione «Ma non da subito per tutti» Le linee guida: ecco come funzionerà

 

Il Biancorosso

Il punto
Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIndustria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
BrindisiNel Brindisino
Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

 
TarantoNel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
BariPolizia Locale
Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

Bari, pizzeria accoglie clienti ai tavoli e comitiva organizza festino in un B&B: pioggia di multe

 
HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

La motivazione

Legionella al Policlinico, i giudici sul no all'interdizione: «le linee guida non sono leggi»

Il tribunale ha annullato i provvedimenti nei confronti dei vertici dell'ex Consorziale, smentendo la Procura e il gip che aveva ridotto la misura

Bari, morti per legionella, il gip: «Policlinico ha 90 giorni per fare bonifica»

«Presso il Policlinico di Bari era in corso l’attuazione di un programma di protezione ordinario dei rischi ambientali per la prevenzione e il controllo della legionellosi», con attività di «flussaggio dei serbatoi di acqua calda, verifica del funzionamento delle pompe dosatrici delle centraline antilegionella, fornitura dei prodotti di trattamento sanificante, pulizia e sanificazione periodica del boiler e delle cisterne di accumulo, trattamento con perossido di idrogeno e ioni argento». E’ un passaggio del provvedimento con il quale i giudici del Tribunale del Riesame di Bari ieri hanno annullato le interdizioni disposte nei confronti dei dirigenti del Policlinico di Bari coinvolti nell’inchiesta su quattro decessi per legionella e accusati di non aver fatto la bonifica negli impianti idrici dei reparti infetti.

«Le risultanze investigative - scrivono i giudici - restituiscono l’esistenza di un’attività articolata, molteplice e multiforme avviata dalla direzione sanitaria, alla quale non è sicuramente ragionevole muovere un rimprovero di inattività e inoperosità, ma al più potrebbe astrattamente ascriversi un atteggiamento attendista il quale, se potrebbe per ipotesi rilevare sul fronte della prevedibilità, senz'altro non rileverebbe sul versante della esigibilità». Ma, del resto, evidenzia il Riesame, «non appare ragionevole affermare la sussistenza della prevedibilità ed evitabilità degli eventi naturalistici contestati», perché «in atti manca una consulenza tecnica in grado di sostenere che un intervento correttivo più aggressivo avrebbe assicurato la sopravvivenza dei deceduti».

Contrariamente a quanto assunto dei pubblici ministeri condiviso dal gip del Tribunale di Bari, secondo il Riesame «per nessuno dei decessi contestati è possibile ritenere, neppure a livello di gravità indiziaria, che la legionella sia stata causa o concausa della morte dei degenti o comunque che la stessa sia stata contratta all’interno del Policlinico di Bari». 

Il Riesame spiega che «le attuali risultanze investigative non consentono di ritenere sufficientemente provato il nesso eziologico tra l’infezione da legionella, e la sua contrazione in ospedale, e la morte dei quattro pazienti».

Inoltre i giudici evidenziano che «la letteratura scientifica e i dati statistici, non soltanto nazionali ma anche relativi ad altre strutture esistenti in Europa, assicurano che non esiste un sistema chimico o farmacologico in grado di garantire che l'acqua degli ospedali possa essere priva della legionella. Da tali considerazioni deriva dunque che la decisione dei giudici non può fondarsi sul mero rinvio alle linee guida, che non contemplano e non valutano dette circostanze e che, proprio perché elaborate in via astratta, non possono esaurire tutte le situazioni concrete». «Ove a ciò si aggiunga - concludono - che non vi è certezza sull'effetto salvifico della condotta omessa per via dell’ineliminabile possibilità di contrarre l’infezione a causa del carattere ubiquitario dell’agente infettivo legionella, non si potrebbe dire accertato il nesso causale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie