Giovedì 28 Gennaio 2021 | 06:02

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
a S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
Il documento
Scuola e Covid in Puglia, ecco le linee guida della Regione per la ripartenza in presenza

Scuola e Covid, ecco le linee guida pugliesi per la ripartenza in presenza da lunedì. Lopalco: «Sono 12 punti»

 
Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 15.204 nuovi casi e 467 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 15.204 nuovi casi e 467 morti nelle ultime 24 ore. Puglia al primo posto per ricoveri in Terapia intensiva

 
Il caso
Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

 
Il bollettino regionale
Covid Puglia,

Covid Puglia, su 11802 test 1233 nuovi positivi, 30 i morti: positività al 10,4%. Regione: attivazione immediata ospedale in Fiera

 
Il virus
Covid, appello Fimmg Puglia: «118 non può "servire" ospedale Fiera Bari». Allarme per i lavoratori delle Rsa

Covid, appello Fimmg Puglia: «118 non può "servire" ospedale Fiera Bari». Allarme per i lavoratori delle Rsa

 
Il caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
Il caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
Maltempo
Neve imbianca il Gargano e i Monti Dauni, scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

Neve imbianca il Gargano, i Monti Dauni e la Murgia: scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

Le nomine

Regione Puglia in mano a Piemontese, Emiliano più libero per la politica. Ricorso al Tar su parità di genere

I dipartimenti passeranno da sei a dieci, con l’eliminazione di quelli «speciali» creati nel corso della scorsa legislatura (come l’«Health Marketplace»). Si tratta, in sostanza, di far coincidere i dipartimenti con le deleghe assessorili

raffaele piemontese

Più autonomia ai singoli assessori rispetto alla macchina amministrativa. Ma anche uno scarico di responsabilità da parte del presidente Michele Emiliano, che nei fatti affida al vicepresidente Raffaele Piemontese le chiavi operative della Regione. Il nuovo modello organizzativo «Maia 2.0» presentato alla giunta lunedì scorso ha anche valore politico: perché lascerà Emiliano libero dai compiti di governo più gravosi. Consentendogli di lavorare su altro.

I dipartimenti passeranno da sei a dieci, con l’eliminazione di quelli «speciali» creati nel corso della scorsa legislatura (come l’«Health Marketplace»). Si tratta, in sostanza, di far coincidere i dipartimenti con le deleghe assessorili, in modo che ciascuno abbia un direttore di riferimento. L’unico nodo da sciogliere riguarda proprio Piemontese, che insieme alle deleghe a Bilancio, Fondi europei e programmazione ha ottenuto anche i Lavori pubblici: è da capire se resteranno con i Trasporti oppure se verranno associati con il Bilancio finendo dunque sotto la responsabilità dell’attuale capo dipartimento, Lino Albanese, che va verso la riconferma. Albanese perderà però il coordinamento di Personale e organizzazione, che rientra nelle competenze dell’assessore Gianni Stea e che potrebbe essere affidato all’attuale dirigente della sezione, Nicola Palladino.

Una delle novità, con lo spacchettamento dello Sviluppo economico potrebbe essere l’arrivo alla guida del nuovo Dipartimento Lavoro dell’ex rettore dell’Università di Foggia, Maurizio Ricci, che guiderebbe l’attività dell’assessorato affidato a Sebastiano Leo: in ballo ci sono anche le dirigenti di sezione Anna Fiore e Anna Lobosco. Alle Attività economiche, con l’assessore Alessandro Delli Noci, pare destinata Elisa Berlingerio, la dirigente che si è candidata alle Regionali nelle liste di Con.
Sul punto Emiliano ha lanciato un messaggio giovedì, durante il discorso di insediamento.

«Rafforzeremo l’organizzazione dei singoli assessorati in modo tale che ciascun assessore possa avere la giusta forza dal punto di vista delle collaborazioni - ha detto -, ma non dovrà immaginarsi un meccanismo a monadi». Pur mantenendo il controllo centralizzato con il capo di gabinetto Claudio Stefanazzi, questa organizzazione lascia la briglia più sciolta agli assessori. Ma dovrà anche risolvere le questioni interne. Il mega-dipartimento ora affidato a Barbara Valenzano verrà spacchettato, e l’esperta ingegnere barese dovrebbe mantenere solo l’Ambiente dove però va risolta la contrapposizione con una parte della struttura. Ai Trasporti, che l’assessore Gianni Giannini ha guidato con il pugno fermo anche grazie a un dirigente di valore come Enrico Campanile, il direttore potrebbe essere Elio Sannicandro (ora all’agenzia Asset). Conferma scontata per Vito Montanaro alla Salute (l’assessore Pier Luigi Lopalco porterà con sé in distacco personale Asl), mentre Gianluca Nardone tornerà all’Università di Foggia: l’Agricoltura potrebbe essere affidata a Rosa Fiore (attuale responsabile del Psr) oppure a Mario Lerario (ora alla Protezione civile).

Lascia anche Aldo Patruno (Cultura), dove Massimo Bray sta organizzando casting ma ha già ereditato qualche collaboratore dell’assessore uscente Loredana Capone: fuori dalla porta di Bray c’è una lunga coda ma è possibile che la scelta cada su una interna (Antonella Bisceglia, in ballo anche per lo Sviluppo). L'indicazione arrivata dagli assessori dai piani alti della Regione è di limitare al minimo il ricorso all'esterno e, comunque, di prediligere dove possibile capi dipartimento baresi: un modo per equilibrare la  « salentinizzazione» della giunta. A questo proposito Emiliano dovrà trovare anche il segretario generale della giunta, funzione al momento svolta da Giovanni Campobasso (che è in pensione). I bandi dovrebbero partire prima di Natale.

------

RICORSO AL TAR CONTRO ELEZIONI SU PARITA' DI GENERE

(Ansa) Un ricorso al Tar Puglia contro l'esito delle ultime elezioni regionali è stato depositato da un gruppo di associazioni puntando a «impugnare l’ammissione delle liste che non hanno osservato l’obbligo di composizione in un rapporto almeno del 60/40 tra i generi», previsto dalla legge elettorale regionale. Il Comitato #2votimegliodi1, l'associazione Undesiderioincomune, la Casa delle donne di Lecce e altri, tra i quali esponenti di Maschile Plurale e Uomini in gioco, hanno deciso di presentare ricorso, assistiti dalle avvocate Marida Dentamaro e Veralisa Massari.

"La battaglia per l’equilibrio di genere continua - si legge in una nota dei ricorrenti -. Chiediamo la declaratoria di incostituzionalità della legge regionale, nella parte in cui stabilisce una pseudosanzione, meramente pecuniaria e così blanda - al massimo 1.000 euro - che non ci interessa se sia mai stata applicata, in caso di inosservanza di tale obbligo, piuttosto che una vera sanzione, coerente con la legge nazionale: l’inammissibilità delle liste presentate in violazione di tale obbligo». I ricorrenti ricordano di aver «ottenuto il commissariamento del Consiglio regionale uscente della Puglia perché fosse rispettato il dettato costituzionale sulle pari opportunità di rappresentanza politica per le donne nelle assemblee elettive.

Con l’intervento sostitutivo del Parlamento nazionale, è stata introdotta la facoltà di esprimere la doppia preferenza di genere nella legge elettorale pugliese. Ma sappiamo bene che tale misura è insufficiente - aggiungono -, e ne abbiamo visto l'esito alla prima applicazione in Regione, se non unita alla reale e concreta opportunità di candidarsi e di farlo in condizioni di equilibrio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie