Sabato 26 Settembre 2020 | 14:42

NEWS DALLA SEZIONE

dati regonali
Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

 
Serie B
Corini, esame Pordenone: «Vai Lecce, le grandi si vedono nelle difficoltà»

Corini, esame Pordenone: «Vai Lecce, le grandi si vedono nelle difficoltà»

 
la proposta
Crac Popolare Bari, Fiera del levante possibile sede del processo

Crac Popolare Bari, Fiera del levante possibile sede del processo
2900 richieste di parti civili

 
emergenza contagio
Lucera, studente positivo al Covid: convitto chiuso fino al 28

Lucera, studente positivo al Covid: convitto chiuso fino al 28

 
emergenza contagio
Coronavirus, Lopalco: «Politici senza mascherina mandano messaggio pericolosissimo»«Necessaria proroga stato di emergenza»

Coronavirus, Lopalco: «Politici senza mascherina mandano messaggio pericolosissimo»
«Necessaria proroga stato di emergenza»

 
duplice omicidio
Lecce, oggi i funerali separati dei fidanzatini uccisi

Lecce, è il giorno dei funerali separati per i due fidanzati uccisi
Vescovo all'assassino: «Costituisciti»

 
L'incontro
Taranto, Am ai sindacati: a ottobre ripartono alcuni impianti

Taranto, Am ai sindacati: a ottobre ripartono alcuni impianti

 
Le indagini
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer aveva una mappa per evitare le telecamere

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer aveva una mappa per evitare le telecamere

 
L'udienza
Pop Bari, salito a 2.200 il numero di richieste di parti civili

Pop Bari, salito a 2.200 il numero di richieste di parti civili

 
meeting nazionale
Molfetta, inaugurazione nuovo stadio: questa sera i big dell'atletica azzurra

Molfetta, inaugurazione nuovo stadio: questa sera i big dell'atletica azzurra

 
serie c
Bari calcio, ds Romairone: «Dalla Coppa Italia buone indicazioni per prossimi acquisti»

Bari calcio, ds Romairone: «Dalla Coppa Italia buone indicazioni per prossimi acquisti»

 

Il Biancorosso

serie c
Bari calcio, ds Romairone: «Dalla Coppa Italia buone indicazioni per prossimi acquisti»

Bari calcio, ds Romairone: «Dalla Coppa Italia buone indicazioni per prossimi acquisti»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariil fenomeno
Bari, mascherine contraffatte nell’emergenza: la mala scopre un nuovo business

Bari, mascherine contraffatte nell’emergenza: la mala scopre un nuovo business

 
MateraAmministrative 2020
Matera verso il ballottaggio: centrosinistra pronto ad aprire tavolo con M5s

Matera verso il ballottaggio: centrosinistra pronto ad aprire tavolo con M5s

 
LecceControlli dei CC
Poggiadro, coppia di pusher nascondevano in casa cocaina e marijuana: due in manette

Poggiadro, coppia di pusher nascondevano in casa cocaina e marijuana: due in manette

 
Tarantol'iniziativa
Taranto, mascherine a domicilio per tutti: al via collaborazione Comune-Poste italiane

Taranto, mascherine a domicilio per tutti: al via collaborazione Comune-Poste italiane

 
Potenzadati regonali
Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 
Batambiente
Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

 

i più letti

L'EVENTO

Matera pronta al Giro d'Italia: tra un mese la carovana ciclistica tra i Sassi

La città cercherà di indossare il suo abito migliore, ma senza spese folli. Dal Comune 200 mila euro, altri 100 mila dalla Regione

Matera pronta al Giro d'Italia: tra un mese la carovana ciclistica tra i Sassi

Fabio Baldato vincitore di tappa nel 2003, foto Genovese

MATERA - Avrebbe potuto realizzarsi nel 2019 il matrimonio fra Matera e il Giro d’Italia. La proposta fu fatta dagli organizzatori, ma non andò in porto. Fu giudicata troppo alta la spesa, più di 500 mila euro, solo per l’arrivo, in un anno già affollato di appuntamenti, mostre e spettacoli per la celebrazione della capitale europea della cultura.

Questa volta, complice la pandemia, con la metà della somma occorrente l’anno prima, Matera ha voluto rientrare in gioco, sostenuta dall’Apt e dalla Regione.
Nel 1998 l’allora sindaco Angelo Minieri la «valutò una operazione di marketing» quando Matera non aveva il brand acquisito negli ultimi anni. Oggi è quasi una necessità sia per sostenere le ambizioni di una città che si sta abituando ad essere sotto i riflettori e vuole rimanerci, sia per continuare ad attirare flussi turistici che con il Covid 19 riesploso rischiano il crollo totale.
«Nonostante i dati dei contagi non tranquillizzino e siano valutati con attenzione, il ritorno del Giro a Matera sarà un simbolo di ripartenza, per tutto ciò che la città insieme al Paese ha sofferto, sacrificando anche le relazioni sociali. Sarà anche e soprattutto una occasione di rilancio della immagine di Matera e di promozione del territorio regionale», osserva Giuseppe Tragni, ex assessore allo Sport, dimessosi per potersi impegnare nella campagna elettorale.

Ha 103 anni di storia il Giro. Eppure ogni edizione perpetua una leggenda, contrassegnata da epiche sfide sulle Alpi che opposero Bartali e Coppi, Gimondi e Merckx. Non è solo una corsa ciclistica intrisa di sudore e di fatica, ma il respiro di un Paese che parla attraverso i suoi incantevoli paesaggi, i monumenti, le tradizioni, i profumi, i sapori. Per tutti questi motivi il Giro non perde mai il suo fascino e malgrado gli scandali del doping resta una grande e coinvolgente impresa sportiva.
A Matera il Giro manca da sette anni. Slittata da maggio a ottobre, la 103.ma edizione ha dovuto cancellare tre date internazionali e partendo da Sicilia e Calabria si sono creati i presupposti perché la città fosse ripresa in considerazione. Nel 2013 fu il tedesco John Degenkolb a tagliare il traguardo di via Dante della quinta tappa, Cosenza-Matera, di 203 km. Nella versione con arrivo e partenza la corsa in rosa invece non è stata più ospitata da 17 anni. Nel 2003 trionfò Fabio Baldato. Molti materani però hanno ancora impresso il ricordo del doppio ruggito di re Leone, Super Mario Cipollini, nel 1998 e nel 2000, quando le edizioni del Giro furono vinte dal «Pirata», Marco Pantani, e da Stefano Garzelli.

Fra un mese il Giro riabbraccerà Matera. L’8 ottobre, sette giorni dopo l’apertura, si correrà la sesta tappa Castrovillari-Matera, sulla distanza di 118 km., dall’Appennino calabro-lucano alla collina materana. Gli organizzatori avrebbero voluto portare la corsa sulla statale Jonica. Sono stati invece convinti a cambiare i piani e ad accettare un tracciato più impegnativo, ma più affascinante, che dal Pollino attraversa la valle del Sinni, devia in territorio di Montalbano Jonico per lambire Craco, il «paese fantasma», e le campagne di Pisticci, prima di inerpicarsi sulla statale 7 Ferrandina-Matera. «La salita di San Vito potrebbe fare una selezione. Chi la supera per primo potrebbe avere buone chance di successo», prevede Tragni, sportivo a tutto tondo. In città la carovana attraverserà le strade di San Pardo e da via Nazionale imboccherà via Manzoni tagliando la rotatoria di via dei Normanni per prepararsi allo sprint fin sotto il traguardo in via Dante. Il quartier tappa avrà il suo fulcro nell’edificio dell’Istituto di istruzione superiore Morra. L’open village invece sarà allestito a piazza degli Olmi.

Il giorno dopo, l’8 ottobre, il Giro affronterà la tappa Matera-Brindisi, 143 km., quasi interamente pianeggiante. Il villaggio sarà trasferito in piazza Vittorio Veneto mentre nei pressi del Palazzo della Provincia, in via Lucana, sosteranno i pullman dei ciclisti. Ci sarà una partenza turistica nei Sassi, una cornice unica al mondo, che potrà costituire una gemma di questa edizione. La storia del Giro parla di memorabili cadute sulle chianche degli antichi rioni. Le ricordarono anche le cronache sportive di Gianni Brera negli anni ‘60. Oggi, malgrado i Sassi non siano più quelli di 60 anni fa, sarebbe impossibile riproporne l’attraversamento in velocità.

Matera cercherà di accogliere il Giro con il suo abito migliore, ma senza spese folli. Il Comune dovrebbe stanziare 200 mila euro attingendo fondi anche dalla tassa di soggiorno. Altri 100mila ne arriveranno dalla Regione. «Il maquillage della città – spiega Tragni – è stato già realizzato e si completerà con interventi già strutturati in finanziamenti che la città è stata in grado di attrarre. Saranno considerate alcune zone specifiche che hanno bisogno di manutenzione, ma non sono previste grandi opere di ripavimentazione. Ci saranno interventi chirurgici, a partire dai Sassi, e si provvederà alla pulizia straordinaria soltanto se sarà necessario, perché nel frattempo il servizio ha raggiunto un livello di qualità soddisfacente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie